Israele, il regno "maligno" di Netanyahu: parte seconda
Top

Israele, il regno "maligno" di Netanyahu: parte seconda

Nel bilancio dell’anno del “regno” maligno del governo più disastroso nella storia d’Israele, la pagina più tragica riguarda la destrutturazione dei vertici dell’esercito e dei servizi d’intelligence

Israele, il regno "maligno" di Netanyahu: parte seconda
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

31 Dicembre 2023 - 18.59


ATF

Nel bilancio dell’anno del “regno” maligno del governo più disastroso nella storia d’Israele, la pagina più tragica riguarda la destrutturazione dei vertici dell’esercito e dei servizi d’intelligence, alla base della colpevole sottovalutazione dei piani di Hamas, deflagrati il 7 dicembre.

Da qui prende le mosse la seconda parte dell’accurato report di una delle firme storiche di Haaretz: Yossi Verter.

Scrive Verter: “Ricordiamo tutti gli ufficiali di stato maggiore che sono venuti alla Knesset per avvertire i parlamentari sulla deteriorata situazione interna ed estera, che era direttamente correlata alle loro azioni, ma hanno incontrato porte chiuse. O il ministro della Difesa Yoav Gallant implorava Levin di “darmi qualcosa” mentre un Netanyahu gelidamente imperscrutabile, si sedeva tra di loro con uno sguardo vitreo, convinti  che se non si fosse mosso,  forse non avremmo notato che era lì.

La legge è passata con il 53% dei parlamentari che hanno votato a favore. La stessa identica maggioranza della Corte Suprema lo sta ora ribaltando. Ma la Knesset, a quanto pare, è autorizzata a fare ciò che ai giudici è impedito.

Con Hayut e Baron in pensione, la corte non ha più una maggioranza liberale su questioni di governance. Questo è ciò che Levin voleva in ogni caso. Eppure ha preferito continuare il suo abuso del sistema, abolire di fatto il comitato per le nomine giudiziarie e lasciare la corte incompleta. Per quanto lo riguarda, la sua agenda pazza non sta andando da nessuna parte, è semplicemente in perenne attesa. E intanto il paese è sprofondato nell’inferno di Gaza.

Il ribaltamento di parte di una legge fondamentale quasi costituzionale con una maggioranza one-justice (se questo è il conteggio finale) non è una questione semplice. E non aiuterà a spiegare che una maggioranza decisiva dei giudici pensa che l’abolizione della dottrina della ragionevolezza sia un abominio. I seri conservatori tra loro hanno semplicemente dato la priorità al pericoloso precedente stabilito dall’intervento della corte in una Legge fondamentale, qualcosa che viola la loro dottrina legale come una questione di principio.

Anche un elemento secondario di questo vortice si compirà presto. Nelle prossime due settimane, la corte dovrebbe pronunciarsi su una legge che vieta al procuratore generale di dichiarare il primo ministro incapace. Qui, la corte non sta parlando di rovesciarlo, ma semplicemente di posticipare l’attuazione della legge alla prossima Knesset.

L’ipotesi è che questo genererà meno tempesta sia nel sistema politico che in quello legale. Non che non solleciti i nervi già deboli della famiglia imperiale, ma la sua testa corrotta non ha nemmeno un straccio di credito pubblico per combattere su questo tema. In questo caso, come in altri, dovrà fare affidamento sul lavoro di suo figlio.

Leggi anche:  Israele: quando i gangster si travestono da vittime

La prigione di Gantz

La responsabile dell’amministrazione carceraria Katy Perry non è la persona più facile da difendere. L’organizzazione che comanda è contaminata da fallimenti. Avrebbe dovuto ritirarsi dopo che i prigionieri della sicurezza palestinesi sono fuggiti dal carcere di Gilboa, nel 2021. 

La sua risposta alla lettera del ministro della sicurezza nazionale Itamar Ben-Gvir –  un “ministro irresponsabile” le cui affermazioni sono “infondate”, “infantili” e “disconnesse dalla realtà” – non si adatta a una persona che indossa ancora un’uniforme. D’altra parte, ha anche ottenuto molto nei suoi decenni di servizio leale. L’attacco di Ben-Gvir in una brutta lettera non è un modo per dire addio.

In terza istanza, lei stessa ha espresso il desiderio di andare in pensione alla fine del suo terzo anno nel ruolo. In quarta mano, sotto la copertura della guerra e del governo di emergenza, ha ritirato quella dichiarazione.

Sulla quinta e forse la più importante istanza, ha spesso contribuito a bloccare le decisioni di Ben-Gvir sui prigionieri di sicurezza, decisioni che avevano un potenziale esplosivo. Quando necessario, sapeva chi chiamare e quali corde tirare in modo che il primo ministro e il ministro della difesa intervenissero.

Ben-Gvir ha ragione quando accusa Perry di non aver seguito i suoi ordini, e per questo merita credito. Ben-Gvir sapeva da sempre che Netanyahu la stava lasciando agire come ha fatto lei, ma era più a suo agio ad inseguirla rispetto al primo ministro.

Perry è solo una pedina in una partita di scacchi per la costruzione di una coalizione tra i capi dell’estrema destra Otzma Yehudit e il più centrista National Unity Party, con Netanyahu nel mezzo. Ben-Gvir vuole che Gantz venga fatto fuori dal governo di emergenza .  Anche Gantz è stufo del gioco – politicamente, non beneficia più di rimanere in questo gruppo e sta iniziando a cadere nei sondaggi .Fin dall’inizio Ben-Gvir, il nostro ministro nazionale della discriminazione, ha sostenuto che nell’accordo di coalizione per il governo di emergenza, quando Gantz e Netanyahu hanno convenuto che gli alti funzionari non sarebbero stati sostituiti, lui  non sarebbe stato  limitato da questa clausola. Gantz non aveva in mente Perry, era più il governatore della Banca d’Israele Amir Yaron  e il commissario di polizia Kobi Shabtai che stava cercando di proteggere.

Leggi anche:  C'è una Corte che fa giustizia in Palestina: per questo è oltraggiata da Israele

Quindi, quando Netanyahu, Gantz e Ben-Gvir si sono incontrati mercoledì per trovare una soluzione alla crisi, Gantz non ha respinto un compromesso: il mandato di Shabtai, che termina il 17 gennaio, sarebbe stato esteso di diversi mesi e Perry sarebbe stato sostituito.

La questione non è stata formalmente risolta, ma anche così, tra la riunione tripartita e la conferenza stampa a cui Gantz ha partecipato mercoledì sera, ha cambiato idea. L’Ufficio del Primo Ministro attribuisce questo all’influenza dell'”ambiente immediato” di Gantz. Dopo tutto, sta anche preparando la sua uscita.

Le ragioni per il about-face abbondano, a partire dal bilancio 2023, che include miliardi di fondi di coalizione che non hanno nulla a che fare con la guerra.

Poi c’è il saccheggio delle casse pubbliche da parte del ministro delle Finanze Bezael Smotrich per il Ministero delle Missioni Nazionali di Orit Strock. Cioè, i soldi che potrebbero ricostruire il sud rafforzano gli avamposti illegali in Cisgiordania. 

Infine, c’è la condotta di Netanyahu, che sicuramente giocherà un ruolo chiave nel discorso di Gantz quando lascerà il governo.

Mercoledì, ha parlato di persone “sedute nel gabinetto di sicurezza di notte mentre iniettavano  il veleno sui social media durante il giorno”. La sua dichiarazione è stata presa come rivolta a Ben-Gvir, ma Netanyahu era l’obiettivo principale.

La destituzione del commissario del servizio carcerario è minore rispetto a tutto questo, ma è comunque significativa. Se non si raggiunge un accordo entro domenica, il partito di Gantz chiederà un progetto di risoluzione che estenda il mandato di Perry.

In mezzo a tutto questo c’è Netanyahu. Terrorizzato, paralizzato dalla sua paura di Ben-Gvir, non interviene, non impone la sua autorità e non richiede al ministro di rispettare un accordo che ha permesso la formazione di un governo di emergenza. Un bel po’ di ministri del Likud e membri anziani della coalizione come i capi ultra-ortodossi Arye Dery e Moshe Gafni chiedono che l’accordo sia onorato e che Perry rimanga.

E allora? Netanyahu ha una lunga storia di violazione degli accordi, specialmente quelli fatti con Gantz, quindi qual è un altro? Non commettere errori: se è costretto a scegliere tra il centrista Gantz e Gadi Eisenkot e l’estremo destra Ben-Gvir e Smotrich, non esiterà per un momento, e diavolo con “insieme vinceremo”. Per Netanyahu, è tutta una questione di opportunismo”. 

Leggi anche:  Israele-Yemen, cui prodest?

Così Verter.

L’Idf non aveva piani per fronteggiare l’attacco del 7 ottobre”

Le forze israeliane di difesa (Idf) non avevano alcun piano per fronteggiare un attacco su larga scala come quello lanciato da Hamas lo scorso 7 ottobre,  Lo scrive il New York Times citando funzionari ed ex funzionari israeliani. “Non c’era alcun piano di difesa per un attacco a sorpresa”, ha spiegato Amir Avivi, ex vicecapo della Divisione di Gaza. “L’esercito non si prepara per cose che ritiene impossibili”, ha aggiunto l’ex consigliere per la sicurezza nazionale israeliana Yaakov Amidror. Per lunghe ore, afferma il quotidiano americano, l’esercito israeliano non è stato in grado di comprendere la portata dell’attacco in corso, rispondendo lentamente e in modo inefficiente, inviando squadre troppo piccole e impreparate per affrontare un assalto di massa. In mancanza di direttive o ordini chiari, molte unità sono ricorse all’utilizzo di app come WhatsApp e Telegram per raccogliere informazioni su obiettivi e persone bisognose di assistenza.

E anche di questo dovrà rispondere “King Bibi” e il suo “regno maligno”. 

Netanyahu lo sa bene e per questo, soprattutto per questo, ha deciso che la guerra deve durare ancora a lungo. Più a lungo durerà, è il suo cinico calcolo, più tempo avrà per realizzare la sua campagna di depistaggio sul 7 ottobre. Sperando poi che a novembre alla Casa Bianca rimetta piede presidenziale il suo amico e sodale Donald Trump.  

Lancio di agenzia: “Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu afferma che la guerra contro Hamas a Gaza continuerà «per molti altri mesi». Sabato il premier israeliano ha respinto le persistenti richieste internazionali di cessate il fuoco a seguito del crescente numero di morti civili, fame e sfollamenti di massa nell’enclave assediata. Netanyahu ha anche ringraziato l’amministrazione Biden per il suo continuo sostegno, inclusa l’approvazione per una nuova vendita di armi d’emergenza, la seconda questo mese per aggirare Contress. Israele sostiene che porre fine alla guerra ora significherebbe la vittoria di Hamas. È una posizione condivisa dall’amministrazione Biden, che allo stesso tempo ha esortato Israele a fare di più per evitare danni ai civili palestinesi. In nuovi combattimenti, gli aerei da guerra israeliani hanno colpito i campi profughi urbani nel centro di Gaza”.

Il 2023 finisce in guerra. E così inizierà il 2024. Con tutto l’affetto per i lettori di Globalist (tanti auguri sinceri) c’è davvero poco da festeggiare.

(seconda parte, fine).

Native

Articoli correlati