Gaza, Msf attacca l'Onu: "Complice nel massacro in corso"
Top

Gaza, Msf attacca l'Onu: "Complice nel massacro in corso"

L’organizzazione medica Medici Senza Frontiere (Msf) ha accusato il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite di essere “complice nel massacro in corso” a Gaza per la sua “inazione” nel contesto della crisi umanitaria nel territorio.

Gaza, Msf attacca l'Onu: "Complice nel massacro in corso"
Bambina palestinese ferita a Gaza
Preroll

globalist Modifica articolo

8 Dicembre 2023 - 23.04


ATF

L’organizzazione medica Medici Senza Frontiere (Msf) ha accusato il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite di essere “complice nel massacro in corso” a Gaza per la sua “inazione” nel contesto della crisi umanitaria nel territorio.

Dopo il crollo della tregua temporanea tra Israele e Hamas, Msf ha affermato che la sua équipe ha assistito a “una ripresa delle uccisioni indiscriminate e degli sfollamenti forzati su una scala e un’intensità sconcertanti”.

Tra il 1° e il 7 dicembre, nel reparto di emergenza dell’ospedale di al-Aqsa, nel centro di Gaza, sono stati accolti 1.149 pazienti, 350 dei quali erano morti all’arrivo. Il 6 dicembre, l’ospedale ha ricevuto più pazienti morti che feriti.

La dichiarazione di Msf recita:

 Ad oggi, l’inazione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite e i veti degli Stati membri, in particolare degli Stati Uniti, li rendono complici del massacro in corso; questa inazione ha dato il via all’uccisione di massa di uomini, donne e bambini.

Le ripetute assicurazioni sia da parte degli Stati Uniti che di Israele che la guerra è condotta solo contro i combattenti “vano contro ciò che vediamo sul campo”. “Al contrario, questa è una guerra totale che non risparmia i civili”, ha aggiunto. La dichiarazione continua:

 Oggi il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite deve chiedere un cessate il fuoco immediato e duraturo e la revoca dell’assedio. Questa responsabilità ricade su ciascun membro: la storia giudicherà il ritardo nel porre fine a questo massacro; l’umanità fondamentale richiede azione.

​Poi con il veto degli Stati Uniti non c’è stata alcuna risoluzione in favore del cessate il fuoco.

Leggi anche:  L'Aia: gli Stati Uniti contrari al ritiro di Israele dai territori palestinesi occupati

Native

Articoli correlati