Guerra Israele-Hamas: una tempesta perfetta di disinformazione
Top

Guerra Israele-Hamas: una tempesta perfetta di disinformazione

La manipolazione delle notizie è parte integrante, fondamentale, delle guerre del nostro tempo. Dall’Ucraina a Gaza.

Guerra Israele-Hamas: una tempesta perfetta di disinformazione
Carri armati israeliani a Gaza
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

6 Dicembre 2023 - 14.33


ATF

La manipolazione delle notizie è parte integrante, fondamentale, delle guerre del nostro tempo. Dall’Ucraina a Gaza. 

Di grande interesse, in proposito, è la dettagliata analisi per Haaretz di Omer Benjakob. 

Scrive l’autore: “Il termine “notizie false” di solito evoca immagini di agenzie di stampa impostori istituite da agenti stranieri per cercare di manipolare milioni di persone spingendo storie completamente false. Se solo. Il problema è che la disinformazione non funziona mai in modo così pulito e confinato.

“Cos’è la fake news? Le notizie false sono quando la gente crede. Non perché qualcosa sia realtà o non realtà. La domanda è la credibilità. “Prima hai bisogno di credibilità, e dopo aver creato credibilità – poi puoi manipolare””.”

Queste parole non sono state pronunciate da un ricercatore di disinformazione o anche da un filosofo che commentava lo stato di veridicità nell’era digitale, ma da “Jorge”, l’alias usato da un israeliano che guida una squadra di de-disinformazione a noleggio che Haaretz ha contribuito a esporre l’anno scorso come parte di un’indagine globale.

Come ha spiegato Jorge, la disinformazione dipende dall’exploiting della credibilità. Affinché le notizie false funzionino davvero, perché le persone credano davvero, è necessario progettare un’aura di verità – e una tecnica è quella di “irottare” la credibilità di un vero giornalista o di un intero media.

Queste tecniche sono state esposte intorno alla guerra Israele-Hamas e hanno contribuito ad alimentare l’ambiente informativo già frenetico e tossico che è emerso online intorno agli eventi del 7 ottobre e alla guerra che hanno scatenato.

Nei primi giorni della guerra, gli account falsi che fingevano di essere veri giornalisti israeliani sono stati trovati dal cane da guardia della disinformazione Fake Reporter. Hanno cercato di usare la credibilità dei giornalisti per seminare  il caos tra i loro seguaci – e questo era solo l’inizio. 

Questo era anche il modus operandi di un’operazione di influenza russa su complessi flussi di siti web reali che appartengono a media rispettati e credibili.

Questa operazione globale, sostenuta dal Cremlino, è in circolazione da due anni, ma ora ha ampliato la sua attenzione per includere la guerra Israele-Hamas e persino argomenti come l’antisemitismo. L’operazione non è stata costruita attorno a punti vendita di notizie falsi – anche se c’erano anche molti coinvolti – ma piuttosto a falsi organi di notizie reali: dal quotidiano francese Le Monde al sito di notizie tedesco Der Spiegel. Hanno copiato il loro design e la loro estetica, hanno falsificato i loro nomi di dominio e hanno appoggiato la loro credibilità per dirottare il loro peso online.

I testi di notizie false sono stati poi distribuiti in massa, amplificati da falsi account di social media e punti vendita “media” stabiliti dagli operatori russi con largo anticipo.

Tutti i falsi testi sono stati sottolineati da veri giornalisti che sono sinceramente impiegati dai diversi punti vendita.

La disinformazione in realtà prende di mira in modo sproporzionato i giornalisti. Screditare un vero giornalista o un intero media è efficace quanto spingere fuori una tua narrativa falsa. È per questo motivo che Forbidden Stories, la Ong con sede a Parigi che ha dato seguito al lavoro dei giornalisti che sono stati presi di mira, perseguitati o addirittura uccisi per il loro lavoro, ha deciso di concentrarsi sull’industria della disinformazione nella sua indagine globale l’anno scorso.

Leggi anche:  L'ambasciatrice degli Emirati accusa Israele: "Ostacola l'accesso di cristiani e musulmani nei luoghi santi"

Andando sotto copertura come parte della conseguentte indagine di Story Killers, Haaretz ha scoperto che le società di disinformazione a noleggio forniscono come servizio le stesse tecniche utilizzate da stati come la Russia per le loro operazioni di influenza.

Un’azienda israeliana chiamata Perecepto,, ad esempio, che è stata coinvolta nell’ingerenza nelle elezioni nei paesi africani francofoni, ha istituito “avatar” (complesse identità online false) non solo di cittadini normali, ma anche di falsi “giornalisti investigativi”. Come i russi, hanno anche creato punti vendita di notizie false, uno dei quali ha persino impiegato giornalisti reali che pubblicavano rapporti reali e non avevano idea che stessero lavorando per uno sbocco fasullo.

L’obiettivo sia lì che con il Doppelgänger sostenuto dalla Russia? Dirottare la credibilità giornalistica al servizio della disinformazione e sfruttarla per scopi nefasti.

Più o meno allo stesso modo, l’abuso di vero giornalismo per la disinformazione e la disinformazione si è anche mobilitato per sfruttare il conflitto Israele-Hamas.

7 ottobre: la macchina della disinformazione in azione

Dal 7 ottobre, Internet è stato inondato di informazioni fuorvianti, se non del tutto false, sugli eventi che hanno avuto luogo quel giorno e da allora: una tempesta perfetta di disinformazione.

In effetti, gli attori maligni hanno utilizzato l’intera panoplia di strumenti familiari alle operazioni di influenza sia statali che private per amplificare le notizie false e dirottare fonti di notizie credibili per manipolare i loro rapporti – e soprattutto per ridurre al minimo, se non negare a titolo definitivo, la responsabilità di Hamas per le atrocità che ha commesso nelle comunità di confine di Gaza il 7 ottobre.

L’enorme picco iniziale di disinformazione è stato caratterizzato dall’esperto di disinformazione di Bbc Verify Shayan Sardarizadeh come “oltre qualsiasi cosa” che avesse mai visto prima. 

La battaglia della disinformazione fa anche parte della guerra informativa e psicologica tra Israele e Hamas, emanata dai canali Telegram grafici sostenuti da Hamas e dagli account iraniani che diffondono teorie di cospirazione sulle forze di difesa israeliane e su Israele.

I falsi account pro-Hamas amplificano i video sollevati da altri contesti – ad esempio, le guerre in Siria o in Ucraina, o anche in Cisgiordania, ma con didascalia con testo su Gaza – per aiutare a inondare i social media con contenuti presumibilmente pro-palestinesi, per citare solo un esempio dei primi giorni della guerra. Alcuni di questi vengono poi raccolti dai veri media affamati di materiale dalla Striscia di Gaza.

La campagna russa, così come altre, ha anche fatto un nuovo uso pericoloso delle tecnologie di intelligenza artificiale, dai deepfake dei soldati dell’Idf ai post generati dal computer per un esercito di account falsi aperti automaticamente.

In conformità con il playbook della disinformazione, gli attori maligni hanno cercato di dirottare e manipolare la reputazione e la credibilità di fonti di notizie di lunga data.

Leggi anche:  Ultimatum di Israele: offensiva a Rafah se Hamas non libererà gli ostaggi entro l'inizio del Ramadan

Al fine di stabilire una base “autentica” per la negazione delle atrocità e le teorie del complotto, non sorprende che gli influencer si impadronirebbero di uno sbocco israeliano affermato come Haaretz, per cooptare la sua credibilità e travisare i suoi rapporti.

Haaretz ha riferito di due casi  in cui fonti hanno detto ai giornalisti che nel bel mezzo dei massacri, le forze dell’Idf che sparano ai terroristi di Hamas potrebbero anche aver colpito, non confermato uccidere, alcuni civili. Gli attori malintenzionati hanno sfruttato questo reportage, pubblicato senza contesto, per decontestualizzarlo intenzionalmente e affermare falsamente che Haaretz ha confermato la falsa teoria secondo cui l’Idf ha commesso uccisioni di massa del proprio popolo.

Questa disinformazione è stata poi condivisa da altri – alcuni forse hanno agito con buone intenzioni, ma creando comunque disinformazione.

Secondo Sardarizadeh della Bbc, la narrativa negazionista secondo cui “è stato Israele a uccidere i propri civili il 7 ottobre, non Hamas”, è diventata spaventosamente diffusa online.

Prendiamo Jackson Hinkle, per esempio. Possiede uno degli account “hate-for-clicks” più virali su X/Twitter grazie alla sua volontà di pubblicare disinformazione – o false informazioni condivise intenzionalmente per fini nefasti. Ha fornito una “classe maestra” straziata su come la disinformazione online prospera abusando della credibilità dei punti vendita rispettati e su come le notizie reali sono perverse per servire notizie false.

In un tweet del 28 ottobre, Hinkle ha tentato un’appropriazione all’ingrosso del nome e della copertura di Haaretz per sostenere una serie di teorie del complotto infondate. Ha aperto con un’affermazione mozzafiato: “L’indagine di Haaretz ESPONE tutte le BUGIE ISRAELIANE dal 7 ottobre (proprio come ho predicato).”

C’era solo un problema: non esiste una tale indagine Haaretz. In effetti, Hinkle non ha nemmeno cercato di corroborare il suo titolo iperbolico con alcun collegamento ipertestuale a Haaretz.

Ha continuato sostenendo che Haaretz ha affermato che “il 50% [delle vittime] erano soldati israeliani”, che Hamas ha sparato a meno di 100 israeliani, che non hanno bruciato vivi nessun israeliano e che Israele ha “devastato” i corpi di Hamas. Nessuno di queste asserzioni è supportato dalla relazione Haaretz sulla questione.

Haaretz ha un elenco dettagliato, aggiornato delle vittime dal 7 ottobre contiene attualmente 1.254 nomi, inclusi 374 soldati.

Haaretz ha anche pubblicato un articolo che spiega i metodi alla base dei nostri calcoli e le fonti che li informano, attribuendo ulteriormente il nostro lavoro. Se la chiara attribuzione è un segno distintivo del giornalismo, la cattiva attribuzione è una dis-  disinformazione.

Per quanto riguarda la questione della violenza sessuale, Haaretz ha documentato, passo dopo passo, il crescente corpus di prove e testimonianze di stupri sistemici diffusi da parte dei terroristi di Hamas durante l’attacco del 7 ottobre.

E’ iniziato con la raccolta iniziale da parte della polizia israeliana delle testimonianze e delle clip delle vittime sui social media, fino alle orribili conclusioni che riconoscono la pura portata della violenza sessuale – che gli esperti ora capiscono  essere una compagna premeditata di stupro.

Leggi anche:  Biden e paesi arabi lavorano a un piano di pace che prevede la nascita dello stato di Palestina

Questa catena di testimonianze, la corretta attribuzione delle affermazioni, dalle vittime alla polizia agli esperi ai resoconti dei media, consente di stabilire e contestualizzare i fatti.

In effetti, questo porta a un altro esempio di manipolazione: prendendo le prime istantanee dell’elenco meticolosamente compilato e aggiornato di Haaretz delle vittime del 7 ottobre, influencer come Hinkle affermano a nome di Haaretz un bilancio delle vittime molto più basso dal 7 ottobre. Privo di contesto o paternità, il divario tra la segnalazione effettiva di Haaretz e il modo in cui viene travisato online offre una magistrale maligna nella disinformazione.

Haaretz ha riportato in modo completo la mutilazione di corpi operata da Hamas, le aggressioni sessuali, gli omicidi e le vittime a cui è stato dato fuoco. 

Nonostante il fatto che il tweet di Hinkle ora porti una nota della comunità che le sue affermazioni non hanno “nessuna base” nella segnalazione di Haaretz, le prime impressioni contano quando si tratta di disinformazione. Letteralmente. Il tweet di Hinkle ha accumulato 5,2 milioni di visualizzazioni; a negazione categorica di Haaretz:  1,1 milioni di visualizzazioni.

Questa non dovrebbe essere una sorpresa: anche la funzione Community Notes di X, che ha lo scopo di creare una forma di controllo dei fatti in crowdsourcing, è stata dirottata per negare la realtà delle atrocità che sono state filmate e contemporaneamente caricate su Facebook, Instagram e Telegram sia dalle vittime che dagli autori.

Non è solo una lezione di disinformazione, è anche un avvertimento sulla disinformazione. Le persone su entrambi i lati della divisione della guerra dei social media hanno condiviso informazioni false, amplificato contenuti senza fonte e contribuito ad aumentare la portata di qualsiasi affermazione che presumibilmente aiuta il loro lato preferito – indipendentemente dalla provenienza.

L’enorme picco di disinformazione è stato significativamente amplificato dalle modifiche di Elon Musk a X/Twitter, rimuovendo gran parte dei meccanismi anti-disinformazione destinati a rimuovere il comportamento non autentico “coordinato”, mentre i troll e gli attori maligni possono semplicemente acquistare la verifica “blue-check” per aumentare la loro esposizione.

Nonostante gli sforzi dei falsi telegiornali/disinformazione israeliani come Fake Reporter e Bodkim, i rapporti da Israele – incluso Haaretz – saranno sempre obiettivi fondamentali per la falsa dichiarazione e la decontestualizzazione. Questo è particolarmente il caso dei social media, che hanno meccanismi estremamente limitati e inefficaci in atto per procurarsi, controllare o peer-review affermazioni dal lievemente manipolato alla palese bugia.

Parlando di recente al Forum di pace di Parigi, in un panel sulla disinformazione e sui rischi che comporta per le democrazie, il corrispondente di Haaretz ha osservato che la guerra Israele-Hamas ha fornito una triste lezione su come nei conflitti durante l’era digitale, i fatti sono di solito la prima vittima delle guerre narrative online.

Invece di cercare di conquistare cuori e menti attraverso fatti e argomenti, e invece di abbracciare la ricca diversità di fonti e informazioni disponibili online, i social media incoraggiano attivamente un’estrema polarizzazione espressa negli sforzi per negare i fatti dell’altra parte”.

L’”arte” malefica della disinformazione. Una guerra nella guerra. 

Native

Articoli correlati