Gaza, nella guerra di Netanyahu la liberazione degli ostaggi è diventata un optional
Top

Gaza, nella guerra di Netanyahu la liberazione degli ostaggi è diventata un optional

La “guerra di Bibi Netanyahu” ha un solo imperativo: prolungare il conflitto per preservare ciò che resta del potere di un uomo. 

Gaza, nella guerra di Netanyahu la liberazione degli ostaggi è diventata un optional
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

4 Dicembre 2023 - 14.16


ATF

La “guerra di Bibi” mette in conto non soltanto la distruzione di Gaza, ma anche il deliberato sacrificio degli ostaggi israeliani ancora in mano ad Hamas e alle altre milizie palestinesi. 

La “guerra di Bibi Netanyahu” ha un solo imperativo: prolungare il conflitto per preservare ciò che resta del potere di un uomo. 

La “guerra di Bibi” non è d’Israele

Annota Haaretz, nostro prezioso compagno di viaggio giornalistico, in un editoriale: “Ora che la guerra a Gaza è ricominciata, Israele sarebbe saggio ascoltare ciò che gli Stati Uniti Il segretario di Stato Antony Blinken ha dovuto dire durante la sua visita qui la scorsa settimana, e ancora di più alla chiamata del presidente Joe Biden a limitare le vittime civili. Blinken ha chiarito che ciò che era successo prima della tregua umanitaria di sette giorni e del rilascio degli ostaggi non poteva accadere di nuovo quando i combattimenti sono ripresi. In una conferenza stampa dopo il suo incontro con il primo ministro Benjamin Netanyahu, Blinken ha sottolineato   che “prima che Israele riprenda le principali operazioni militari, deve mettere in atto piani umanitari di protezione civile che riducano al minimo ulteriori vittime di palestinesi innocenti”. Scioccato, ferito e sanguinante  S dal 7 ottobre, con 1.200 assassinati, altre centinaia di feriti e circa 240 rapiti, tra cui neonati, bambini, donne e anziani, Israele non è stato in grado di impegnarsi in un serio dibattito pubblico sulla questione del danno ai civili a Gaza. Il pubblico israeliano non è stato completamente esposto alla morte e alla distruzione dall’altra parte. Coloro che ottengono le loro informazioni su ciò che sta accadendo solo dai media israeliani hanno solo un quadro parziale, che consente loro di pensare poco alla necessità di ridurre i danni ai civili, compresi i bambini e i neonati.

Non dobbiamo dimenticare che secondo stime non negate da Israele, fino ad oggi sono state uccise circa 15.000 persone nella Striscia di Gaza, la maggior parte delle quali “non combattenti”, tra cui più di 4.000 bambini. Per quanto riguarda gli aiuti umanitari, Israele ha insistito per limitare il numero di camion autorizzati ad entrare a Gaza per consegnare cibo e medicine.

Leggi anche:  Guerra a Gaza, c'è materiale per Fauda: quella vera non la 'romantica' fiction sui militari israeliani sotto copertura

Le forze di difesa israeliane hanno esortato i residenti dei quartieri a nord e ad est di Gaza City ad evacuare le loro case e più recentemente hanno distribuito una complicata mappa che dettaglia le zone in cui gli abitanti di Gaza nel sud saranno tenuti a trasferirsi se l’operazione militare lì andrà avanti.

Tuttavia, sembra che una tale operazione non sarà facile da realizzare, principalmente a causa della presenza di due milioni di persone ora affollate in solo metà dell’enclave. La maggior parte del nord di Gaza non è più abitabile dopo i combattimenti lì svolti.

L’appello a ridurre al minimo le vittime civili  e ad aumentare gli aiuti umanitari, soprattutto perché gli abitanti di Gaza che sono fuggiti dal nord non hanno nulla a cui tornare, è particolarmente importante dato che alti funzionari politici e militari stanno parlando di un periodo prolungato di combattimenti. Il ministro della Difesa Yoav Gallant e il capo di stato maggiore Herzl Halevi si aspettano mesi di conflitto ad alta intensità.

Ignorare i danni ai civili e la necessità di consentire gli aiuti umanitari non solo perderà il sostegno internazionale di Israele; gli Stati Uniti hanno bisogno della cooperazione di Israele in modo che possano continuare a dare pieno sostegno alla sua operazione militare. La cooperazione è nell’interesse di Israele.

Il più grande errore dal 7 ottobre

A indicarlo è Gideon Levy. “La ripresa della guerra da parte di Israele è il suo più grande errore dal 7 ottobre – scrive Levy -. Una guerra “pesante di giorni, pesante di sangue”, nelle meravigliose parole di Moshe Dayan riguardo a un’altra guerra, è diventata una guerra ancora più pesante di giorni e di sangue, con i suoi obiettivi che si ritirano e i suoi crimini che si accumulano.

Tornare ancora una volta alle terribili scene di Gaza – i primi due giorni della fase rinnovata sembravano orribili – equivale a un ritorno alla perdita di umanità. Sabato, i bambini stavano morendo di nuovo sui pavimenti sporchi degli ospedali di Gaza, con i loro genitori piegati su di loro che gridavano di angoscia. Le persone con ferite alla testa, coperte di polvere da edifici crollati, sono state portate in cliniche dove non è stato possibile fornire aiuto.

Leggi anche:  L'Aia: gli Stati Uniti contrari al ritiro di Israele dai territori palestinesi occupati

Gaza non può più sopportarlo, e dopo la pausa, la sofferenza umana è ancora più insopportabile. Vai a dire a una famiglia che è già fuggita per salvarsi la vita, trovando un misero rifugio per se stessa, un pezzo di tenda, di trasferirsi di nuovo a sud. Vai a dire a quella famiglia di trasferirsi a sud mentre il sud viene bombardato indiscriminatamente, quasi come la parte settentrionale della Striscia di Gaza.

La mappa interattiva della via di fuga, la gloria della tecnologia e dell’etica dell’Idf che è stata diffusa a Gaza durante il fine settimana, non può salvare nemmeno un’anima. È dubbio che fosse anche destinato a farlo.

Israele non è interessato a punire Gaza, solo a raggiungere i suoi obiettivi. Nel riprendere la guerra a Gaza, Israele ha ammesso di preferire un obiettivo a tutti gli altri. È finito il discorso sulla liberazione degli ostaggi a qualsiasi prezzo, prima di ogni altra cosa.

Il dado è stato lanciato e non c’è modo di oscurarlo. Israele preferisce chiaramente “polverizzare” Hamas, qualunque cosa significhi quel termine, piuttosto che salvare gli ostaggi. Nessun gioco di parole aiuterà qui, questa è la nuda verità. Riprendendo la guerra, Israele non solo sta mettendo in pericolo la vita degli ostaggi, ma sta anche ostacolando qualsiasi tentativo di liberarli. E tutto questo mentre il processo di scambio di ostaggi con prigionieri stava andando meglio del previsto.

Dopo lunghe giornate di celebrazione del ritorno degli ostaggi, 

con programmi televisivi e giornali che spremono ogni possibile goccia di emozione, con trasmissioni di notizie che diventano reality show, in cui ogni lontano cugino di un ostaggio rilasciato ripete la storia più e più volte; quando una realtà orribile si trasforma in una telenovela, con un lieto fine che diventa kitsch – dopo tutto questo, i negoziati sono esplosi e con loro è andato il mito di liberare gli ostaggi ad ogni costo.

Leggi anche:  Il Qatar ha accusato Israele di voler affamare intenzionalmente il popolo palestinese

Secondo alcuni rapporti, Hamas era interessato a passare al rilascio degli ostaggi maschi, il cui prezzo era più alto, e Israele voleva completare prima il rilascio delle donne. Intaccare i negoziati su questo tema mentre si torna alla guerra in piena regola è una chiara dichiarazione delle priorità di Israele, che anche prima mostravano segni di preferire la guerra al rilascio degli ostaggi.

Il momento della verità di Israele è arrivato e la scelta è stata fatta. È esasperante. Israele non dovrebbe avere un obiettivo più importante che garantire il rilascio degli ostaggi. Non c’è niente di più grave che recidere il patto non scritto tra un civile (o soldato) e il suo stato, abbandonando l’ostaggio al suo destino.

D’ora in poi, non possiamo più parlare di rilasciarli a qualsiasi prezzo. Israele è per il rilascio di ostaggi, ovviamente, ma non a nessun costo. Nella sua percezione, ci sono questioni più importanti. Non accetterà un accordo di scambio di tutti gli ostaggi per tutti i prigionieri, incluso un cessate il fuoco permanente, al fine di salvare 136 israeliani

Nei programmi televisivi di morte e kitsch hanno cercato di offuscare questa scelta. Solo alcuni familiari degli ostaggi, non tutti, hanno osato opporsi al rinnovo della guerra, mentre eserciti di commentatori e corrispondenti hanno continuato a recitare slogan vuoti a sostegno di questa scelta.

Non c’è niente di più giustificabile di questa guerra, ma ci sono domande molto gravi che nessuno sta sollevando riguardo ai suoi metodi orribili. Israele ha intrapreso una guerra giusta usando metodi palesemente ingiusti. Anche nelle guerre giuste, non tutto è permesso, certamente non l’uccisione di 15.000 persone e poi continuare senza fine, solo per raggiungere obiettivi che potrebbero non essere raggiungibili. Anche se vengono raggiunti, nulla sarà risolto.

Mettiamo da parte per un momento la giustizia di questa guerra e dei suoi metodi. È imperativo restituire gli ostaggi, prima di ogni altra cosa. È ancora possibile, a condizione che la guerra finisca”.

Native

Articoli correlati