Guerra di Gaza: perché Israele dovrebbe ascoltare la protesta dei giovani americani
Top

Guerra di Gaza: perché Israele dovrebbe ascoltare la protesta dei giovani americani

Invece di gridare ad ogni dove all’antisemitismo globalizzato, Israele farebbe bene a interrogarsi sulle ragioni che alimentano un crescente sentimento anti israeliano in ambienti e luoghi che con l’antisemitismo non hanno mai avuto niente a che fare.

Guerra di Gaza: perché Israele dovrebbe ascoltare la protesta dei giovani americani
Ebrei americani contro Netanyahu
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

28 Novembre 2023 - 14.38


ATF

Invece di gridare ad ogni dove all’antisemitismo globalizzato, Israele farebbe bene a interrogarsi sulle ragioni che alimentano un crescente sentimento anti israeliano in ambienti e luoghi che con l’antisemitismo non hanno mai avuto niente a che fare.

Le ragioni di un diffuso sentimento ani israeliano

Ne ragiona, su Haaretz, Hanin Majadli

“Nelle ultime settimane – annota l’autrice –  Israele e israeliani hanno avuto nuovi e seri nemici in competizione con il loro nemico strategico di lunga data, l’Iran. Questi non sono Hamas o la Jihad islamica, ma piuttosto manifestanti per le strade, nei campus e di fronte alle ambasciate israeliane in Europa e negli Stati Uniti. Hanno uno slogan particolarmente odiato: “Palestina libera”, o nella sua versione più lunga: “Dal fiume al mare, la Palestina sarà libera”.

Se pensavi che questo stesse solo facendo impazzire la destra israeliana, ti sbagli. Sta anche irritando i principali leader di sinistra e persone che, fino all’attacco di Hamas del 7 ottobre alle comunità di confine israeliane, erano sostenitori coraggiosi dei diritti umani. Gli israeliani sostengono che lo slogan è un chiaro appello alla distruzione dello Stato di Israele – puro antisemitismo. Ci sono state una serie di reazioni israeliane alla marea filo-palestinese: diplomazia pubblica online, articoli di giornale divertenti, schizzi sullo show televisivo satirico “Eretz Nehederet” e vignette politiche. Ci sono battute su europei annoiati e privilegiati o americani che si sentono in prima linea in una lotta che non capiscono e alla fine danneggiano i palestinesi. Gli israeliani sostengono che sanno persino a quale fiume o mare si fa riferimento e che l’Islam prenderà presto il controllo dei propri paesi e li distruggerà, proprio come Hamas ha preso il controllo nella Striscia di Gaza e ha cercato di distruggere Israele. Questi israeliani invitano i manifestanti a tornare in sé e a rendersi conto che Israele è il bravo ragazzo e Hamas e l’Islam sono i cattivi.

Francamente, non so se tutti i manifestanti filo-palestinesi abbiano un’ideologia coerente, se sostengono una soluzione a due stati o uno stato. Forse sono solo antisemiti, e non intendo essere il loro avvocato.

Ma invece di preoccuparsi di tutto questo Judith Butler, Greta Thunberg e Angelina Jolie, Jewish Voice for Peace, l’ala sinistra internazionale e tutto il resto che esiste, gli israeliani dovrebbero chiedersi come le cose siano arrivati a questo punto.

Un rapido tour dei social media sarà sufficiente. Puoi facilmente avere una sfortunata impressione dello stato delle cose dal video dei funzionari pubblici israeliani tradotto da Google Translate. Danny Danon, ex ambasciatore israeliano delle Nazioni Unite, sta suggerendo che i residenti di Gaza accettino l’espulsione volontaria. Ayelet Shaked, l’ex ministra della Giustizia, attende con ansia il giorno in cui Israele trasformi la città di Khan Yunis a Gaza in un campo da calcio. Amichai Eliyahu, il ministro del patrimonio, pensa che una bomba atomica su Gaza sia un’opzione,  mentre Limor Son Har-Melech, membro della Knesset di Otzma Yehudit, sta pregando per la rioccupazione di Gaza.

Poi ci sono i video di TikTok di soldati israeliani a Gaza che ridono della fame dei residenti lì e le truppe che si filmano facendo saltare in aria le case, mentre un soldato si trova a un pannello di controllo DJ sullo sfondo che cronometra le esplosioni al ritmo. Ma soprattutto, la gente sta vedendo le scene orribili di Gaza che non vengono mostrate sui canali israeliani.

E non sono solo gli eventi del mese scorso o giù di che. È sempre più la costruzione di insediamenti, l’occupazione, il blocco e il bombardamento di Gaza, il portavoce dell’Idf che mente, il portavoce dell’Idf che mente di nuovo, ecc.

Nell’ultimo decennio e mezzo, il mondo ha discusso  su occupazione, colonialismo e diritti umani, mentre in Israele, il discorso comune e tradizionale si è bloccato sul fatto che esista o meno una cosa come un popolo palestinese.

Leggi anche:  L'Aia: gli Stati Uniti contrari al ritiro di Israele dai territori palestinesi occupati

I giovani di tutto il mondo si oppongono al militarismo e all’esercito, mentre le loro controparti israeliane si sono spostate a destra, diventando più razziste e ignoranti. Questa è l’immagine che Israele proietta al mondo liberale, un paese razzista e occupante che ha ucciso sistematicamente i palestinesi per anni.

Puoi ridere con discrezione dei manifestanti del “fiocco di neve” quanto vuoi, ma non stanno andando da nessuna parte. Perché rappresentano il futuro, mentre Israele, va ammesso, è rimasto bloccato nel passato per troppo tempo”.

Una riflessione illuminante

La offre Ben Samuels, corrispondente di Haaretz da Washington, in una conversazione davvero illuminante. 

“Poche persone – esordice Samuels –  sono portatrici di posizioni equilibrate e di una assoluta buona fede  all’interno del Partito Democratico del presidente del Center for American Progress Patrick Gaspard.

Gaspard dirige il think tank liberale considerato il più importante del partito, il che rende ancora più pregnanti le sue critiche alla condotta di Israele a Gaza. In effetti, le sue posizioni offrono uno degli esempi più salienti di come le ultime sette settimane abbiano sconvolto qualsiasi approccio business-as-usual al conflitto israelo-palestinese a Washington.

 “Prendere una posizione politica, per me, non rientra nello spazio del coraggio   Sembra solo buon senso quando si vede cosa sta succedendo qui”, dice Gaspard, che in precedenza è stato direttore politico dell’amministrazione Obama, direttore esecutivo del Comitato Nazionale Democratico, ambasciatore degli Stati Uniti in Sudafrica e presidente delle Open Society Foundations.

I suoi pensieri, prima di tutto, sono rivolti a  “quegli ostaggi che stanno sopportando Dio sa cosa, le loro famiglie che stanno coraggiosamente e coraggiosamente portando la loro difesa per le strade al governo e alla comunità internazionale. Mi hanno spostato al di là di qualsiasi altra cosa che ho visto. E, naturalmente, le centinaia di migliaia di [palestinesi} che sono sul terreno a Gaza, che stanno sopportando un assalto come quello che non vediamo da una generazione”.

Gaspard ha parlato con Haaretz mentre l’amministrazione Biden e il Qatar stavano cooperando con Israele e Hamas a mettere a punto i dettagli finali su una pausa umanitaria di quattro giorni che ha lo scopo di garantire il rilascio di 50 donne e bambini israeliani  e consentire l’ingresso di 300 camion di soccorso al giorno a Gaza.

“La questione cruciale oggi – è mettere in primo piano la necessità di liberare gli ostaggi e la necessità di proteggere i civili innocenti dalle punizioni collettive come conseguenza degli atroci atti di Hamas il 7 ottobre. Sembra che ci sia finalmente un vero slancio per raggiungere entrambe queste cose.”

La tregua prevista segue un significativo investimento diplomatico da parte dell’amministrazione Biden, di fronte a critiche sostanziali sia della comunità internazionale che di gran parte della base democratica del presidente Joe Biden riguardo alle sue politiche sul conflitto in Medio Oriente.

Secondo Gaspard, questo momento offre ai politici statunitensi due opportunità, la prima delle quali si concentra sull’aumento drammatico degli aiuti per mitigare la crisi umanitaria di Gaza.

“Gli Stati Uniti hanno un’incredibile capacità attraverso l’Usaid, in collaborazione con il Programma Alimentare Mondiale e altre agenzie delle Nazioni Unite, di muoversi rapidamente per ottenere risorse umanitarie reali e soccorsi a coloro che stanno soffrendo sul terreno a Gaza, lavorando con i nostri alleati in Egitto per stabilire corridoi di uscita che possono essere mantenuti”, dice.

Gaspard sottolinea che il carburante deve essere incluso in questa finestra, al di là del cibo, dell’acqua e delle forniture ospedaliere.

L’altra opportunità riguarda il sostegno finanziario degli Stati Uniti per le azioni militari israeliane, in particolare prima del dibattito al Congresso sulla richiesta di 14 miliardi di dollari di Biden in assistenza di emergenza.

“C’è un’opportunità qui di pensare a definire la condizionalità del sostegno”, rimarca, “e di comunicarlo al mondo in un modo che potrebbe creare le condizioni per espandere il cessate il fuoco di quattro giorni in qualcosa che possa essere più duraturo e che possa aumentare le prospettive di negoziati finali sulla governance a Gaza e in Cisgiordania – non solo in prossimità dell’attuale crisi, ma anche a lungo termine”.

Leggi anche:  Le forze israeliane hanno preso d'assalto l'ospedale Nasser a Khan Younis

Gaspard e il direttore senior della cap Allison McManus hanno recentemente scritto un documento che delinea in dettaglio cinque azioni alle quali  Washington dovrebbe dare immediatamente la priorità.

“Mentre gli Stati Uniti e Israele godono di un’alleanza privilegiata, radicata storicamente in valori e interessi condivisi”, scrivono, “è più critico ora che mai che i legislatori chiariscano che la continua assistenza alla sicurezza degli Stati Uniti sarà condizionata alla gestione da parte di Israele di questi valori e interessi”.

L’appello arriva mentre i dibattiti sulle condizioni future per gli aiuti militari degli Stati Uniti a Israele hanno raggiunto il culmine, anche se la Casa Bianca e la stragrande maggioranza del Congresso si oppongono pubblicamente a tali richieste. “Ci sono norme internazionali che applichiamo in altre zone di conflitto in tutto il mondo che devono essere applicate qui – in questo caso, al governo israeliano, se stiamo fornendo loro queste armi”, dice, “e adottando una serie di altre misure che renderebbero evidente nella regione e oltre gli altri alleati che saremo investitori seri nel formare e ricostituire la leadership palestinese a Gaza e in Cisgiordania”.

Correzione del corso

Nonostante i suoi disaccordi sull’approccio di Biden, Gaspard insiste sul fatto che le loro differenze non dovrebbero essere viste come un atto d’accusa alla leadership o alla visione del mondo del presidente.

“Ho la fortuna di aver lavorato a stretto contatto con il presidente Biden. Mi piace dire che sono qualcuno che conosce il cuore di quell’uomo. Indipendentemente dal fatto che ho chiaramente avuto alcuni disaccordi con il modo in cui questo momento è stato affrontato dall’amministrazione”, Gaspard dice che Biden è stato chiaro sul fatto che “intenda usare la leadership e il peso degli Stati Uniti per ridefinire cosa significhi essere partner per la pace”. Gaspard è incoraggiato dai segnali di Biden sul futuro sostegno a un’Autorità palestinese riformata, notando le fori e argomentate critiche del presidente alle politiche di Donald Trump che “ha escluso i palestinesi dal  processo” di pace arabo-israeliano.

Dice che i segnali dell’amministrazione Biden indicano che “intendono correggere quelle politiche. Spero e mi aspetto che ciò contribuirà a cambiare la temperatura a Gaza e in Cisgiordania e consentirà agli Stati Uniti di essere visti come partner con una certa integrità su cui si può contare per essere utili nei negoziati a lungo termine”.

Gaspard osserva anche che l’impegno di Biden a sradicare l’odio ovunque sorga è ancora più pressante dato il picco dell’antisemitismo e dell’islamofobia nelle ultime sette settimane.

[…] “I numeri non mentono; i dati sono abbondantemente chiari. Negli ultimi anni, c’è stato un aumento radicale degli atti antisemiti”, denuncia, atti che includono azioni violente ma anche di quell’odio “da tastiera” che corre sui social media e che si sta metastatizzando nella realtà.

“Purtroppo”, dice Gaspard, “il conflitto in atto  a Gaza ha reso possibile a molti pesimi attori online di sfruttare il momento e sollevare alcuni dei peggiori stereotipi antiebraici che molte altre persone hanno co-firmato e amplificato e passato in giro”.

Gaspard ha familiarità con la fusione di critiche a Israele e l’antisemitismo, avendo sperimentato una tale dinamica di prima mano dopo aver guidato l’organizzazione fondata dal miliardario ebreo George Soros. Dice che questo fenomeno si è manifestato ben prima del 7 ottobre, in particolare per quanto riguarda gli sforzi punitivi contro il movimento Bds.

“Nelle ultime settimane, ci sono molti di noi che hanno affermato il diritto di Israele di difendersi e cercare giustizia che hanno messo in discussione l’approccio del governo Likud in questo momento”, dice. Questo ha fatto sì che sia stato attaccato come “antiebraico e antisemita”.

Leggi anche:  I leader mondiali chiedono a Israele di fermare il "catastrofico" attacco a Rafah che sarebbe un massacro

“Era importante per tutti noi condannare fermamente gli atti barbari di Hamas. È anche importante per molti di noi essere in grado di parlare e dire che non va bene per le forze di difesa israeliane prendere di mira e bombardare un campo profughi con centinaia, semplicemente con il sospetto che ci sia forse un leader di Hamas lì. “È una grave violazione dei diritti umani””, aggiunge.”

Una generazione di attivisti

I suoi commenti arrivano in un momento, in cui il Partito Democratico si sta dividendo come mai prima d’ora  su Israele, con un sondaggio dopo l’altro che mostra il crollo del sostegno a  Biden da parte di elettori giovani, progressisti e arabi.

“Come democratico, vado in giro con i livelli di ansia di Charlie Brown ogni giorno. “Si è sempre convinti che il cielo stia cadendo””, scherza.” Nonostante ciò, Gaspard è meno interessato ai numeri dei sondaggi che alle preoccupazioni per i diritti umani – la stessa cosa che anima i giovani elettori che sono così scettici sullo status quo riguardo alla politica degli Stati Uniti sul conflitto israelo-palestinese.

“Sono stato in così tante stanze ad avere troppe conversazioni con i democratici e i responsabili politici più anziani, che possono essere piuttosto sprezzanti nei confronti dei fondamenti della base di conoscenze dei giovani”, dice.

“Ho sentito così tante persone dire: ‘Questi giovani pensano che il prossimo post che vedono su TikTok sia l’inizio della registrazione storica su un problema. “Qualunque cosa abbiano letto ieri sera su quel messaggio Instagram passato dai loro amici è la somma totale di ciò che capiscono su Israele e Gaza””.”

Gaspard avverte, tuttavia, che la vecchia guardia “non riesce a soddisfare il momento,  non a causa delle posizioni che detengono, ma a causa del smodo sprezzante  con cui comunicano quelle posizioni a una generazione di attivisti”.

Aggiunge: “La situazione dei palestinesi a  Gaza e in Cisgiordania non è qualcosa che si manifesta d’incanto dopo il 7 ottobre. L’ho visto con i miei figli e i loro amici. L’ho visto con i giovani con cui sono stato alle campagne elettorali. Questa è diventata una causa fondamentale nell’ultimo decennio”.

Questo si estende ulteriormente, ai suoi occhi, alla visione dei giovani americani del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu.

“Questo è l’unico primo ministro che hanno conosciuto. Un primo ministro che ai loro occhi, e a ragione, appare corrotto e illiberale, e ora ha dimostrato di non essere in grado di fare l’unica cosa in cui la gente pensava di essere bravo: garantire la sicurezza del popolo di Israele. Non si può disaggregare la visione che si ha negli Stati Uniti su come Israele si comporta in questo momento dalla percezione dello stesso Benjamin Netanyahu”, sottolinea Gaspard.

Riflette sulla sua giovinezza, quando aveva brigato  la scuola per partecipare alle manifestazioni e “credeva che l’intero destino del mondo fosse appeso alla risoluzione della cittadinanza di seconda classe e di terza classe che i neri avevano in Sudafrica”.

“Hanno ascoltato Joe Biden e Joe Biden ha detto che avrebbe [avanzato] i diritti umani e la politica estera degli Stati Uniti”, osserva. “Come dice Joe Biden, ‘Non guidiamo con l’esempio del nostro potere, ma piuttosto con il potere del nostro esempio.’ I giovani l’ hanno preso in parola”.

Mentre Gaspard non è sorpreso dalla risposta dei giovani, non è nemmeno allarmato. “Questa è una brutta cosa solo se reagiamo in modo sprezzante, se siamo altezzosi. L’attivismo muove la politica”, sostiene, osservando che “la politica si è evoluta per tenere il passo con la situazione sul terreno a Gaza, ma anche nelle strade negli Stati Uniti”.

Ascoltare i giovani. Una lezione che non vale solo per l’America. 

Native

Articoli correlati