Top

Come si smonta il falso "mito" di Putin "amico degli ebrei"

A smontarlo, con sapienza e solide argomentazioni storico-politiche, è uno degli analisti di punta di Haaretz: Anshel Pfeffer.

Come si smonta il falso "mito" di Putin "amico degli ebrei"

Umberto De Giovannangeli

29 Luglio 2022 - 17.01


Preroll

Come ti smonto il “mito” di un Putin “amico degli ebrei”. Una narrazione rilanciata dallo stesso zar nella guerra mediatica che da oltre cinque mesi accompagna quella combattuta sul campo. 

OutStream Desktop
Top right Mobile

Quel falso “mito”

Middle placement Mobile

A smontarlo, con sapienza e solide argomentazioni storico-politiche, è uno degli analisti di punta di Haaretz: Anshel Pfeffer.

Dynamic 1

Scrive Pfeffer: “Come per altri dittatori che costruiscono meticolosamente la loro immagine e custodiscono gelosamente i dettagli esatti dei loro primi anni e della loro ascesa al potere, ci sono molti miti che circondano l’infanzia di Vladimir Putin a Leningrado (oggi San Pietroburgo). Un capitolo interessante della storia della fondazione di Putin è quello delle sue interazioni con i numerosi ebrei del suo quartiere e della sua scuola. Alcune storie – come quella di come lui e i suoi amici ebrei si introducessero nella sinagoga locale durante la Pasqua ebraica per ingozzarsi di matzot – sembrano un po’ fantasiose. Altre sono ben documentate, come il fatto che i suoi compagni di allenamento in un club di arti marziali fossero i fratelli Rotenberg, Arkady e Boris, che ancora oggi fanno parte della cerchia ristretta di Putin e sono diventati miliardari grazie a massicci contratti di costruzione governativi. O come l’insegnante di lingue di Putin al liceo, Mina Juditskaja Berliner, che scoprì il talento del suo studente e lo incoraggiò a imparare il tedesco, aprendogli le porte del futuro impiego nel Kgb. Molti anni dopo, Putin acquistò e arredò un appartamento a Tel Aviv dove Juditskaja Berliner visse fino alla sua morte nel 2017. Queste storie e altre sono state citate nel corso degli anni per spiegare un’anomalia nel più importante leader russo di questo secolo: Perché, a differenza di altri leader russi nel corso delle generazioni, Putin è stato visto come un amico degli ebrei. Non tutte le spiegazioni sono radicate nella nostalgia dell’infanzia. Il rabbino capo della Russia, Berel Lazar, a volte definito “il rabbino di Putin”, una volta mi disse – nei giorni in cui rilasciava interviste – che “Putin ha passato molti anni ad analizzare perché l’Unione Sovietica, che era un impero, si è disintegrata così rapidamente. Una delle ragioni principali, ai suoi occhi, è che i leader sovietici si sono inimicati gli ebrei. Ed è determinato a non ripetere quell’errore”. Mi chiedo cosa direbbe oggi il rabbino Lazar, che dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia è praticamente scomparso dalla scena pubblica. Ma la teoria di Lazar, che sostiene essere supportata da conversazioni con il Presidente e sembrerebbe essere confermata dall’assiduo corteggiamento di Putin ai leader israeliani, che si è assicurato di incontrare annualmente da quando è diventato leader 22 anni fa, è preoccupante. Alla base, non è molto diverso dal classico antisemitismo russo. Proprio come gli zaristi che hanno fabbricato e pubblicato “I Protocolli degli Anziani di Sion” all’inizio del XX secolo, anche Putin vede l’ebraismo mondiale come una potente forza globale. A differenza degli zaristi, ha preferito cercare di fare degli ebrei i suoi alleati. In definitiva, non è mai stato più di un matrimonio di convenienza. Putin è un dittatore nazionalista. Non è un comunista ed è molto più sofisticato degli zar. Non ricorrerà a un rozzo adescamento di ebrei per fomentare la frenesia patriottica. Ma nessuno dovrebbe sorprendersi quando chiama nazista il presidente ebreo dell’Ucraina Volodymyr Zelensky o quando i suoi tirapiedi minacciano di chiudere le operazioni dell’Agenzia ebraica in Russia. Nessuno dovrebbe sorprendersi perché i segnali sono sempre stati presenti, ben prima dell’invasione dell’Ucraina.

Quando Putin incontrava i leader israeliani e donava un mese di stipendio al Museo ebraico e al Centro per la tolleranza di Mosca (come se il più grande cleptocrate del mondo controllasse il suo stipendio governativo), incontrava anche i leader dell’Iran – l’unico Paese al mondo che ha una politica dichiarata di distruzione dello Stato ebraico – finanziava canali di propaganda come Russia Today, dove i negazionisti dell’Olocausto sono ospiti regolari, e orchestrava campagne diffamatorie contro il finanziere ebreo George Soros che avrebbero potuto essere prese parola per parola dai “Protocolli”.

Dynamic 2

L’antisemitismo puro e semplice non è più di moda al giorno d’oggi, quindi di solito si presenta in due forme leggermente mascherate: l’odio per gli ebrei di estrema sinistra mascherato da antisionismo, inventato negli anni ’50 nell’Unione Sovietica di Stalin; e l’incitamento ultranazionalista contro “globalisti”, “banchieri” e “progressisti occidentali” che stanno distruggendo la cultura cristiana e i valori della famiglia. L’impero della propaganda di Putin è il più grande fornitore al mondo di entrambi i sapori.

Non è una questione personale. L’ammirazione di Putin per gli ebrei è probabilmente genuina. Ma la diffusione di teorie cospiratorie volte a minare la democrazia occidentale è al centro della sua strategia, e l’antisemitismo è la teoria cospiratoria più antica che esista. Nel caso di Putin, ci crede anche. Gli ebrei, anche se non controllano totalmente il mondo, hanno sicuramente dei posti nel consiglio di amministrazione. E quando si adatta ai suoi scopi, userà anche gli ebrei in Russia e Ucraina come comode pedine.

Dynamic 3

Lo fa da anni, esagerando – e in alcuni casi fabbricando – le affermazioni sull’antisemitismo in Ucraina per servire il suo obiettivo propagandistico di dipingere la leadership ucraina come nazista, mentre minimizza e ignora l’antisemitismo che è ancora prevalente in Russia. Vergognosamente, ci sono stati oligarchi e rabbini ebrei che lo hanno aiutato ad amplificare queste affermazioni. La minaccia di chiudere l’Agenzia Ebraica in Russia è un altro stratagemma, per usare la preoccupazione degli ebrei russi di non poter emigrare a piacimento per fare pressione su Israele affinché taccia sui suoi crimini di guerra in Ucraina.

Ma qui non si tratta di Israele. Si tratta di ebrei e di dove possono vivere in sicurezza. Non è una coincidenza che oltre il 90% degli ebrei della diaspora viva nelle democrazie occidentali e che l’emigrazione ebraica dalla Russia di Putin fosse in aumento ben prima dell’inizio della guerra in Ucraina.

Dynamic 4

Nel gennaio 2016, Putin disse a una delegazione in visita del Congresso ebraico europeo, allora guidato dall’oligarca filo-Cremlino Moshe Kantor, che a causa dei crescenti livelli di antisemitismo, gli ebrei “dovrebbero venire qui, in Russia. Siamo pronti ad accoglierli”.

Kantor ha annuito sicofanticamente, ma nessuno ha accettato l’offerta di Putin. Gli ebrei sanno che la democrazia è la loro migliore protezione. Meno democrazia significa meno protezione per tutte le minoranze, e anche se il dittatore fa un grande spettacolo di essere il protettore degli ebrei e un amico di Israele, nella migliore delle ipotesi è temporaneo e condizionato. Nessuno è mai al sicuro con un dittatore, certamente non gli ebrei.

Dynamic 5

I dittatori sono paranoici per natura. Interpreteranno ogni critica come una minaccia al loro potere e si vendicheranno in modo sproporzionato, non solo contro chi li critica, ma anche contro tutti coloro che sono associati a loro. Mentre Putin affronta la sua caduta in Ucraina, gli ebrei non gli sono più utili. Il loro potere comincia a minacciarlo. La chiusura dell’Agenzia Ebraica è solo il primo passo.

L’unica sorpresa della mossa di Putin contro gli ebrei è che si è fatta attendere così tanto”.

Così Pfeffer. 

C’è da aggiungere un’altra considerazione, tutt’altro che secondaria. La differenza tra “ebrei” e Israele. Spesso, le due definizioni si fondono, anche per responsabilità di una comunicazione sciatta, superficiale, ma soprattutto per una torsione identitaria “fondamentalista”, ampiamente documentata da Globalist, che ha segnato Israele e che ha avuto come suggello istituzionale l’approvazione, a maggioranza, da parte della Knesset (il parlamento israeliano) della legge fondamentale “Israele, Stato della nazionale del popolo ebraico”, il 19 luglio 2018. Al tempo stesso, quando l’hanno ritenuto necessario, i governanti israeliani, di destra e di estrema destra, hanno invece separato i due concetti, facendo prevalere gli interessi d’Israele alla difesa dei diritti della diaspora ebraica, diritti minacciati soprattutto nell’Europa dell’Est dove forte spira il vento antisemita. Ecco allora che un palese campione di antisemitismo, come il premier ungherese Viktor Orban, una sorta di “Goebbels magiaro”, diviene un amico e acclamato sodale di Benjamin Netanyahu, il primo ministro più longevo nella storia d’Israele, per le posizioni smaccatamente antipalestinesi assunte da Orban. Ed ecco allora che lo stesso Putin diventa un partner essenziale, anche a guerra in Ucraina iniziata, perché sul fronte siriano può servire come garante di una pax (russa) che freni l’aggressività dei Pasdaran iraniani, e dei loro alleati Hezbollah libanesi, sul fronte Nord dello Stato ebraico. Ma a Putin non basta più la freddezza dimostrata da Gerusalemme alle reiterate richieste di Zelensky di fornire sistemi d’arma, soprattutto nel campo dell’intelligence, da parte israeliana all’Ucraina. Lo zar pretende di più. E se non l’ottiene ecco la decisione di chiudere l’Agenzia ebraica russa. Con gli autocrati non si può restare in una terra di mezzo. Alla fine, la paghi cara. 

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile