Gaza, il terribile racconto del chirurgo: "Ho dovuto amputare 6 bambini in una sola notte"
Top

Gaza, il terribile racconto del chirurgo: "Ho dovuto amputare 6 bambini in una sola notte"

Il professor Ghassan Abu-Sittah, un chirurgo plastico e ricostruttivo anglo-palestinese, è arrivato nel territorio nelle prime ore del 9 ottobre – appena due giorni dopo l’attacco di Hamas a Israele – per fornire assistenza medica

Gaza, il terribile racconto del chirurgo: "Ho dovuto amputare 6 bambini in una sola notte"
Ghassan Abu Sittah medico anglo-palestinese che ha lavorato a Gaza
Preroll

globalist Modifica articolo

28 Novembre 2023 - 10.08


ATF

Un racconto terribile: “Ho eseguito sei amputazioni in una notte”: un medico londinese ricorda gli orrori della guerra dopo 43 giorni a Gaza

Un medico anglo-palestinese che è tornato a Londra dopo essere fuggito da Gaza ha detto di essere stato costretto ad eseguire amputazioni su sei bambini in una notte, mentre raccontava gli “orrendi” 43 giorni trascorsi nel cuore della guerra.

Il professor Ghassan Abu-Sittah, un chirurgo plastico e ricostruttivo, è arrivato nel territorio nelle prime ore del 9 ottobre – appena due giorni dopo l’attacco di Hamas a Israele – per fornire assistenza medica. Alla fine se n’è andato il 18 novembre e ora è tornato a casa nella zona ovest di Londra, dove vive con la sua famiglia.

Durante la sua permanenza a Gaza, ha lavorato 24 ore su 24 presso gli ospedali Al-Shifa e Al-Ahli, operando le vittime dei bombardamenti intensivi e delle operazioni di terra di Israele, che si stima abbiano ucciso finora 14.800 persone.

Leggi anche:  Firmate il nostro appello per il riconoscimento dello stato di Palestina

In una conferenza stampa a Londra, il medico con sede nel Regno Unito ha parlato di come la natura delle lesioni da lui trattate sia cambiata nel corso del tempo.

“La maggior parte delle lesioni inizialmente erano lesioni da esplosione, e si trattava di gravi traumi dei tessuti molli, gravi traumi facciali, fratture multiple.

“E poi col passare del tempo, abbiamo visto l’introduzione di bombe incendiarie dove i pazienti avrebbero bruciato oltre il 40% della loro superficie corporea totale”, ha detto.

Native

Articoli correlati