Benjamin Netanyahu: l'uomo più pericoloso per l'esistenza dello Stato di Israele
Top

Benjamin Netanyahu: l'uomo più pericoloso per l'esistenza dello Stato di Israele

Yossi Verter è unanimemente riconosciuto come uno dei più preparati, equilibrati, analisti politici e militari israeliani. Firma storica di Haaretz, Verter sa il valore della parola, sa pesarne le implicazioni.

Benjamin Netanyahu: l'uomo più pericoloso per l'esistenza dello Stato di Israele
Preroll

globalist Modifica articolo

15 Ottobre 2023 - 15.01


ATF

Yossi Verter è unanimemente riconosciuto come uno dei più preparati, equilibrati, analisti politici e militari israeliani. Firma storica di Haaretz, Verter sa il valore della parola, sa pesarne le implicazioni. Non è un “piromane della tastiera”. Tutt’altro. Ed è anche per questo che ha una valenza possente il suo j’accuse, all’ottavo giorno di guerra, contro Benjamin Netanyahu.

Un possente j’accuse

“Il 27 marzo, il giorno dopo il licenziamento del Ministro della Difesa Yoav Gallant, ho scritto qui: “Da ieri sera, Benjamin Netanyahu è ufficialmente e definitivamente l’uomo più pericoloso per l’esistenza dello Stato di Israele. La camera del primo ministro è occupata da un uomo che costituisce un pericolo chiaro, palpabile e presente per la sicurezza dello Stato, la sua forza, la sua coesione e il suo tessuto sociale”.

Da allora, in più di mezzo anno, abbiamo visto una pletora di prove a sostegno di questa dura affermazione. Tra queste: la violazione delle promesse fatte ai presidenti Biden e Herzog; il rifiuto di Netanyahu di incontrare il capo di stato maggiore dell’IDF prima del voto sulla causa di ragionevolezza; il suo ripetuto cedimento alle minacce di Yariv Levin, Itamar Ben-Gvir e Bezalel Smotrich, che gli hanno vietato di scendere a compromessi sulla legislazione giudiziaria.

Nessuna responsabilità, nessun responsabile, nessun rimorso

Nella “notte galante”, come è stato riferito, gli israeliani hanno invaso le strade e le piazze pubbliche nel buio della notte, impedendo al primo ministro di portare a termine l’azione sconsiderata. Immagina dove saremmo se Netanyahu avesse continuato a farlo. Una disintegrazione ancora più rapida della nostra forza di sicurezza, un’erosione più letale della nostra deterrenza.

Ma lui, in ogni caso, ha continuato fino a polverizzare la nostra sgangherata infrastruttura collettiva, sociale, economica e di difesa. È triste dire che anche nel momento più difficile per Israele, sembra che Netanyahu non si sia fermato. Non si è fermato nel suo modo di operare, non si è assunto le sue responsabilità, non ha fatto calcoli politici, non ha fatto piani per il futuro.

Verso le 21 di venerdì sera, molto dopo l’inizio dello Shabbat, è stato annunciato che il primo ministro avrebbe fatto da un momento all’altro un “annuncio speciale” al pubblico. Alcuni hanno avuto attacchi di panico, temendo altre cattive notizie, forse un secondo fronte; altri erano pieni di speranza: Forse sentiremo parlare di un salvataggio riuscito di ostaggi da Gaza? Dopotutto, l’uomo è un maestro nell’accaparrarsi i meriti, ma allora? Sarebbe una cosa da poco in cambio di un po’ di buone notizie.

E cosa abbiamo sentito? Nulla. Una verbosità vuota e priva di significato, una frase opaca sul fatto che anche lui ha parlato con alcune famiglie di rapiti. Solo allora abbiamo capito: La sua famiglia e il suo staff hanno visto i resoconti della conversazione a distanza tenuta dal Presidente degli Stati Uniti Joe Biden per 90 minuti (!) con le famiglie dei rapiti che hanno la cittadinanza americana.

Leggi anche:  Netanyahu non si ferma e annuncia l'attacco a Rafah

Hanno visto come le loro critiche giustificate e furiose si accumulavano negli studi e soprattutto nelle case dei telespettatori. Hanno visto le famiglie che hanno parlato per oltre un’ora con il presidente americano, ma che non hanno ricevuto nemmeno un minuto di attenzione dal loro primo ministro.

Hanno anche visto un servizio sconvolgente di Raviv Drucker: Durante i combattimenti letali, l’ufficio di Netanyahu si è lamentato con lo Shin Bet (!) contro il capo dello staff di Gallant, per aver registrato una discussione. Nel momento più difficile e delicato per lo Stato di Israele, questo è ciò che accade tra il primo ministro e il ministro della Difesa, che lo aveva avvertito, così come i gradi sotto di lui, che stavamo andando incontro a un disastro di sicurezza. E quando ha reso pubblica la sua opinione, ha ricevuto un umiliante avviso di licenziamento.

Ciò che interessa a Netanyahu è forzare la sua narrativa sulla coscienza del pubblico – una sorta di psyop contro il suo stesso popolo – per sfuggire ai forconi del pubblico. Questo gli interessa tanto quanto gli interessa mettere in ginocchio Hamas. Ecco perché si è precipitato sul podio, per blaterare le sue parole acquose in diretta.

Non gli è sfuggita nemmeno una parola che si avvicinasse a “responsabilità”, “abbiamo sbagliato” o a una qualsiasi permutazione di entrambi. I più anziani tra noi ricordano Yitzhak Rabin – anche la notte di venerdì 14 ottobre 1994 – parlare alle telecamere dopo la notizia del fallito tentativo di salvataggio di Nachshon Waxman. “Sono responsabile”, furono le prime parole del Primo Ministro e Ministro della Difesa. Non poteva fare altrimenti. Né Bibi può fare altrimenti, ma solo il contrario.

Stiamo assistendo all’evoluzione della narrativa del dopoguerra: Incolpare l’IDF, il capo di stato maggiore, il capo dello Shin Bet, il movimento di protesta, le persone LGBTQ e laiche che non osservano lo Shabbat (secondo una rivoltante colonna pubblicata da Srugim – il sito web di punta del movimento sionista religioso) e i “collaboratori interni”. I noti Bibi-isti sui social media stanno già inondando il messaggio fino alla nausea.

E naturalmente, nei media, i cani da guardia di Netanyahu sono pronti a colpire. Una giornalista televisiva bibi-ista ha promesso ai suoi telespettatori che sarebbe arrivato il giorno in cui avrebbe affrontato la responsabilità di Haaretz nella guerra. La redazione aspetta con il fiato sospeso.

Leggi anche:  Netanyahu conferma il prossimo attacco a Rafah: "Così ci sarà la vittoria finale su Hamas"

La mattina dopo la guerra, i bibi-isti, i coloni e i sionisti religiosi difenderanno il loro leader fino all’ultimo, sapendo che la sua caduta è anche la loro. In risposta, la maggioranza dei sani di mente deve prepararsi all’assedio. Per uno sciopero di mezzo milione di persone intorno al complesso governativo di Gerusalemme. Senza alcun tipo di aggressione. Rimanere lì, finché un elicottero non atterrerà in cima all’edificio per aiutare l’uomo che ha portato disgrazia e disastro sul suo popolo a fuggire per la vergogna.

E due note finali riguardanti i nostri ministri: La prima riguarda il Ministro (senza portafoglio, del Ministero della Giustizia) David Amsalem. Se fosse stato ascoltato, i generali in pensione Noam Tibon, Yair Golan e Israel Ziv (e altri che hanno guidato le proteste) sarebbero oggi in prigione.

Chi avrebbe combattuto e salvato vite umane? La seconda, riguardante l’ex Ministro della Diplomazia Pubblica Galit Distal-Atbaryan. Ha fatto bene a dimettersi. È la prima cosa positiva che ha fatto da quando è entrata nella vita pubblica. Che molti altri possano seguire il suo esempio.

E a quanto pare, non possiamo farlo senza una farsa. Poco dopo le 20:00 di sabato, il Likud ha annunciato che il presidente di Yisrael Beiteinu Avigdor Lieberman entrerà nella coalizione insieme ad altri due membri del suo partito e farà parte del gabinetto di sicurezza, come 18° membro. Sembrava strano che l’ex ministro della Difesa, degli Esteri e delle Finanze non entrasse nel gabinetto di guerra, ma tutti hanno lodato la mossa e il presidente dello Shas Arye Dery si è affrettato a prendersi il merito.

Poco più di un’ora dopo, Lieberman ha gettato acqua sul fuoco e ha chiarito di non aver partecipato all’annuncio, che non era stato coordinato con lui. L’unica conclusione possibile è che il Likud sia corso a dirlo ai suoi amici prima ancora di concludere l’accordo”.

Terzo fronte di guerra.

A volerlo aprire sono i coloni in armi nella Cisgiordania occupata. Lo denuncia in un editoriale il giornale progressista di Tel Aviv: “

Mentre gli israeliani monitorano attentamente il rischio dell’apertura di un fronte settentrionale nella guerra, c’è chi sta deliberatamente incoraggiando l’apertura di un fronte orientale. Non c’è altro modo per dirlo: I coloni stanno cercando di trascinare Israele in guerra anche in Cisgiordania.

Il numero di attacchi ai palestinesi da parte dei coloni in Cisgiordania è aumentato da quando è iniziata la guerra nella Striscia di Gaza. La scorsa settimana sei palestinesi sono stati uccisi in due incidenti nel villaggio di Qusra; secondo i residenti, cinque sono stati uccisi dai coloni.

Secondo un’indagine dell’IDF, una forza militare ha sentito degli spari e si è precipitata sulla scena con una squadra di risposta da un insediamento vicino. I soldati affermano di aver sparato verso un campo aperto, non verso il villaggio, ma le vittime sono state colpite all’interno del villaggio. Una fonte della Difesa ha dichiarato che i soldati hanno visto uomini mascherati lasciare il villaggio a bordo di un fuoristrada e i video mostrano che sparano all’interno del villaggio.

Leggi anche:  Israele, la "sindrome di Versailles" e un "campo" da coltivare

Non è ancora un’intifada, ma la Cisgiordania si sta avviando verso un’eruzione

Nei giorni precedenti l’incidente, in annunci pubblicati su gruppi WhatsApp, i coloni si sono rivolti agli abitanti del villaggio con il messaggio: “Non abbiamo linee rosse. Vi puniremo per fare di voi un esempio. Vi tenderemo un’imboscata!”.

Inoltre, un colono è stato filmato mentre sparava a bruciapelo a un uomo palestinese ad Al-Tuwani, un villaggio nelle colline di Hebron Sud.

Un video distribuito da B’Tselem mostra il colono avvicinarsi, spingere e poi sparare all’uomo, in presenza di un soldato israeliano. L’esercito ha confiscato la pistola e l’aggressore è stato interrogato dalla polizia, ma la scorsa settimana l’IDF ha dichiarato che avrebbe fornito circa 1.000 pistole aggiuntive alle squadre di sicurezza degli insediamenti.

In seguito agli attacchi, il portavoce dell’IDF Daniel Hagari ha esortato i coloni a non “interferire con gli sforzi antiterrorismo” e ha affermato che la responsabilità della sicurezza di Israele è “solo dell’esercito”. Questo non è affatto sufficiente. Ci sono membri del gabinetto la cui lealtà è soprattutto verso l’impresa degli insediamenti.

Loro e i loro partner nella coalizione di governo hanno incoraggiato la criminalità e il furto di terra e hanno sostenuto la violenza dei coloni. Il governo e l’uomo che lo guida, Benjamin Netanyahu, hanno abbandonato le comunità al confine con Gaza e le hanno lasciate indifese, mentre l’IDF garantiva la sicurezza per ogni capriccio dei coloni, che si trattasse della sukkah del parlamentare del Sionismo Religioso Tzvi Yedidia Sukkot o dei coloni che volevano pregare sulla Tomba di Giuseppe o sul Monte Ebal. Quando ci si chiede dove fosse l’IDF, parte della risposta è: nei territori.

Grazie al suo controllo sul governo, l’impresa di annessione e apartheid permette ai coloni di creare provocazioni e incitare alla guerra anche in Cisgiordania. Per fermarli non basta inviare il portavoce dell’IDF. Il Primo Ministro deve presentarsi di persona e ordinare loro di smettere di mettere a rischio la sicurezza di Israele.

È difficile credere che Netanyahu estrometterà il Sionismo religioso dal governo, poiché è consumato dalla preoccupazione per la sua sopravvivenza politica. Ma se permetterà che la furia dei coloni continui, che porterà all’apertura di un altro fronte, sarà responsabile di un altro fallimento nella sua serie di fallimenti disastrosi”.

Native

Articoli correlati