Mercenari Wagner al funerale di Valery Chekalo, il vice di Prigozhin morto nell'attentato al jet
Top

Mercenari Wagner al funerale di Valery Chekalo, il vice di Prigozhin morto nell'attentato al jet

Alla famiglia di Valery Chekalov, capo della logistica di Wagner, si sono unite dozzine di persone, alcune delle quali erano mercenari Wagner, nel cimitero di Severnoye a San Pietroburgo, l'ex capitale imperiale della Russia

Mercenari Wagner al funerale di Valery Chekalo, il vice di Prigozhin morto nell'attentato al jet
I funerali di Valery Chekalov vice della Wagner
Preroll

globalist Modifica articolo

29 Agosto 2023 - 15.17


ATF

Mercenari russi si sono riuniti oggi per il funerale di Valery Chekalov, uno dei vice di Yevgeny Prigozhin ucciso insieme al suo capo in un incidente aereo la scorsa settimana. Il Cremlino ha detto che il presidente Vladimir Putin non aveva intenzione di partecipare al funerale di Prigozhin.

Alla famiglia di Valery Chekalov, capo della logistica di Wagner, si sono unite dozzine di persone, alcune delle quali erano mercenari Wagner, nel cimitero di Severnoye a San Pietroburgo, l’ex capitale imperiale della Russia.

Un prete ortodosso russo ha detto le preghiere e ha lanciato un incensiere davanti alla bara di Chekalov mentre familiari, amici ed ex colleghi, alcuni con mazzi di fiori, si sono salutati.

Alcuni, tra cui donne e bambini con gli occhiali da sole, si fecero avanti per baciare la sua bara. Persone in lutto non identificate presenti al funerale hanno ordinato a un videografo e fotografo della Reuters di interrompere le riprese.

Il jet privato Embraer Legacy 600 su cui Prigozhin stava viaggiando a San Pietroburgo da Mosca si è schiantato nella regione di Tver a nord di Mosca il 23 agosto con la perdita di tutte le 10 persone a bordo, tra cui Chekalov, Dmitry Utkin – un altro importante leader di Wagner – e quattro uomini che si dice fossero le guardie del corpo di Prigozhin.

Il giorno dopo l’incidente, Putin ha inviato le sue condoglianze alle famiglie delle persone uccise e ha affermato di conoscere Prigozhin da molto tempo, dai caotici anni dei primi anni ’90.

“Era un uomo con un destino difficile e ha commesso gravi errori nella vita”, ha detto Putin, descrivendolo come un uomo d’affari di talento.

L’incidente è avvenuto due mesi dopo che Prigozhin e i suoi mercenari avevano organizzato un ammutinamento contro i massimi comandanti militari di Putin, prendendo il controllo della città meridionale di Rostov e avanzando verso Mosca prima di tornare indietro di 200 km dalla capitale.

L’ammutinamento ha rappresentato la più grande sfida al governo di Putin da quando ha preso il potere l’ultimo giorno del 1999. Il Cremlino ha respinto come “assoluta menzogna” l’ipotesi di alcuni politici e commentatori occidentali – per la quale non hanno fornito prove – che Putin avesse ordinato Prigozhin verrà ucciso per vendetta.

Native

Articoli correlati