Israele lancia un raid di elicotteri su Jenin nella Cisgiordania occupata: strage di palestinesi
Top

Israele lancia un raid di elicotteri su Jenin nella Cisgiordania occupata: strage di palestinesi

Per la prima volta dopo anni, l'esercito israeliano ha utilizzato elicotteri da combattimento nella Cisgiordania occupata, mentre un'operazione di Gerusalemme per arrestare alcuni miliziani a Jenin

Israele lancia un raid di elicotteri su Jenin nella Cisgiordania occupata: strage di palestinesi
Attacco israeliano a Jenin
Preroll

globalist Modifica articolo

19 Giugno 2023 - 16.29


ATF

Per la prima volta dopo anni, l’esercito israeliano ha utilizzato elicotteri da combattimento nella Cisgiordania occupata, mentre un’operazione di Gerusalemme per arrestare alcuni miliziani a Jenin ha incontrato una resistenza palestinese inaspettatamente determinata.

I pesanti combattimenti hanno provocato le richieste dei leader dei coloni di una più ampia campagna militare in Cisgiordania.

Nel tardo pomeriggio di lunedì, gli scontri erano ancora in corso, con sei palestinesi uccisi, tra cui un ragazzo di 15 anni, e 60 feriti, di cui quattro in modo grave, secondo i funzionari sanitari palestinesi.

Uno di questi era una ragazza di 15 anni che, secondo testimoni palestinesi citati dal sito web israeliano Haaretz, è stata colpita all’interno della sua casa. Un giornalista palestinese, Hazem Nasser, un cameraman freelance che indossava l’equipaggiamento da giornalista, è stato ferito, secondo l’Associazione della Stampa Estera.

I palestinesi uccisi sono stati identificati come Ahmed Saqr, 15 anni, Qassam Abu Saraya, 29 anni, rivendicato come combattente della Jihad islamica, Khaled Asasa, 21 anni e Qais Jabareen, 21 anni.

Leggi anche:  L'autorità palestinese contro Netanyahu: "Non vuole la creazione del nostro stato"

Sette soldati israeliani e la polizia di frontiera militarizzata sono stati feriti, con ferite da leggere a moderate, secondo un portavoce dell’esercito.

La violenza nel territorio della Cisgiordania occupato da Israele durante la guerra in Medio Oriente del 1967 è peggiorata dall’inizio dello scorso anno, quando Israele ha iniziato a organizzare ripetute incursioni dell’esercito dopo una serie di attacchi palestinesi.

Centoventitré palestinesi e almeno 21 israeliani sono morti, secondo l’Associated Press.

Ma i combattimenti di oggi sono stati particolarmente seri, con il dirigente palestinese Hussein al-Sheikh che h accusato Israele di condurre una “guerra feroce e aperta” contro il popolo palestinese.

Il politico palestinese Mustafa Barghouti ha predetto che il governo di Benjamin Netanyahu, il più di destra nella storia di Israele, potrebbe passare all’uso di aerei da combattimento in Cisgiordania. Il raid di lunedì chiaramente non è andato come previsto dal punto di vista israeliano. L’ingresso delle truppe ha innescato un massiccio scontro a fuoco con uomini armati, durante il quale, secondo i militari, sono stati individuati dei “colpi”. “Mentre le forze di sicurezza uscivano dalla città, un veicolo militare è stato colpito da un ordigno esplosivo, danneggiando il veicolo”.

Leggi anche:  I "tre dilemmi" che segneranno il futuro della Palestina. E non solo

Native

Articoli correlati