Ucraina, Save the Children: "Il 60% delle famiglie vive in povertà estrema"
Top

Ucraina, Save the Children: "Il 60% delle famiglie vive in povertà estrema"

La Banca Nazionale Ucraina il mese scorso ha stimato un tasso di inflazione del 25%, con il costo dei prodotti che è cresciuto della metà nelle regioni orientali.

Ucraina, Save the Children: "Il 60% delle famiglie vive in povertà estrema"
Preroll

globalist Modifica articolo

29 Marzo 2023 - 12.57


ATF

Gli affetti della guerra: due famiglie su cinque in Ucraina hanno estremo bisogno di mezzi di sostentamento e di beni di prima necessità e il Paese, un anno dopo l’intensificarsi del conflitto, sta affrontando tassi di sfollamento, inflazione e disoccupazione senza precedenti. Questo l’allarme lanciato oggi da Save the Children, l`Organizzazione internazionale che da oltre 100 anni lotta per salvare la vita delle bambine e dei bambini e garantire loro un futuro.

Secondo l’ultimo Rapporto sui bisogni multisettoriali dell’Ucraina dell’Ocha, l’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari comunitari più del 40% delle famiglie ha dichiarato di avere difficoltà a soddisfare le esigenze quotidiane di cibo, acqua e beni di prima necessità, nelle aree più colpite dai combattimenti, nell’Est e nel Sud del Paese, il numero sale al 60%. La Banca Nazionale Ucraina il mese scorso ha stimato un tasso di inflazione del 25%, con il costo dei prodotti che è cresciuto della metà nelle regioni orientali. A settembre, un consumatore su cinque in Ucraina ha dichiarato di non potersi permettere l’acquisto dei prodotti disponibili nei negozi.

 In Ucraina, 5,3 milioni di persone si trovano ancora lontano da casa e per le famiglie sfollate la necessità di assistenza finanziaria cresce di giorno in giorno.

Una persona su quattro è attualmente disoccupata perché molti faticano a trovare un lavoro stabile nel loro luogo di residenza temporaneo. Alcuni di loro scelgono di tornare nelle città d’origine devastate dalla guerra lavorare. È il caso, per esempio, della famiglia di Anton*, 12 anni. Lo scorso marzo, con i suoi genitori ha lasciato Kharkiv per spostarsi nell’Ucraina occidentale, a causa dei continui bombardamenti. Qualche mese dopo, il padre di Anton è stato costretto a tornare. “Mio marito è stato richiamato al lavoro” racconta Olha*, madre di Anton. “I miei figli sono preoccupati, chiedono continuamente quando papà tornerà a vivere con noi e quando saremo di nuovo tutti insieme. Non passa giorno che non ci pensino”.

Leggi anche:  Appello dell'Ucraina: a maggio ci sarà l'offensiva russa gli aiuti ci servono subito

“Le famiglie in Ucraina vivono in una condizione di estremo bisogno che continua a peggiorare ogni giorno perché la guerra fa sprofondare nella povertà sempre più bambini e genitori”, ha dichiarato Sonia Khush, Direttrice di Save the Children in Ucraina. “Le persone perdono le loro fonti di reddito perché in tutto il Paese le imprese chiudono e i salari non ci sono più. È una situazione devastante per le famiglie sfollate, che hanno già perso quasi tutto a causa della guerra e che ora sono sull’orlo della sopravvivenza. I bambini e le famiglie ucraine hanno bisogno di sostegno umanitario e la comunità internazionale deve impegnarsi ad aiutare la ripresa di questa generazione, assicurando a questi bambini e questi ragazzi, insieme alle loro famiglia, condizioni di vita sicure e dignitose, ma anche di avere un futuro a cui guardare. I bambini sono il futuro dell’Ucraina, ma il loro sviluppo e il loro futuro sono gravemente ostacolati dal conflitto in corso”, ha concluso Sonia Khush.

 Save the Children chiede a tutte le parti in causa di consentire un accesso umanitario pieno e senza ostacoli alle famiglie coinvolte nella crisi e che vivono nelle aree colpite dal conflitto. L`Organizzazione sta lavorando a stretto contatto con 23 partner in tutta l’Ucraina per fornire assistenza salvavita e assicurare che i bambini e le famiglie abbiano tutto il sostegno di cui hanno bisogno, fin dallo scoppio del conflitto nel 2014. Nel corso del primo anno di guerra, Save the Children ha distribuito aiuti essenziali come cibo, acqua, denaro, vestiti invernali e spazi sicuri a più di 800mila persone, di cui la metà sono bambini, e fornito sostegno economico a più di 100mila famiglie, per un totale di oltre 29 milioni di dollari.

Leggi anche:  Rumors: l'Ucraina teme che le linee del fronte possano crollare in caso di offensiva russa

I bambini non causano le guerre, ma sono le vittime più vulnerabili. Tra quelli che riescono a sopravvivere, alcuni non hanno conosciuto altro che violenze o campi profughi. Queste bambine e questi bambini hanno bisogno di essere protetti dalle ferite fisiche ed emotive che inevitabilmente riportano.


Save the Children lavora ogni giorno per fornire alle bambine e ai bambini che vivono nelle zone di conflitto un sostegno immediato e a lungo termine per ricostruire le loro vite e ha lanciato la campagna Bambini sotto attacco, affinché i governi e le organizzazioni internazionali diano priorità alla protezione dei minori e al loro benessere. Questo significa garantire assistenza sanitaria, accesso all`istruzione, sostegno psicologico e programmi per consentire il loro recupero e la loro resilienza. La campagna Bambini sotto attacco di Save the Children prevede una serie di iniziative di sensibilizzazione, tre le quali la diffusione della petizione “I bambini in guerra sono sotto attacco. Puniamo i crimini commessi contro di loro”, con la quale l`Organizzazione chiede al Governo italiano di ascoltare seriamente i bambini vittime di reati gravi nei processi legali, di ampliare la giurisdizione universale per consentire di perseguire i responsabili di gravi violazioni dei loro diritti in qualsiasi parte del mondo, di documentare i crimini contro i minori e stanziare risorse per rafforzare i meccanismi esistenti.

Leggi anche:  Cameron chiede al Congresso Usa (soprattutto ai repubblicani) di inviare nuovi aiuti all'Ucraina

Con la campagna Bambini sotto attacco, Save the Children Italia è anche tra le prime organizzazioni no profit a entrare nel Metaverso, grazie alla collaborazione con la società Coderblock.

Attraverso lo sviluppo di un journey virtuale, l`Organizzazione racconta ai visitatori le storie dei bambini che vivono in zone di conflitto. Il Metaverso è anche un luogo di attivismo in cui sarà possibile firmare la petizione, sostenere concretamente i progetti attraverso una donazione o visitare una galleria d’arte NFT (non-fungible token), che fa parte dell’iniziativa #cryptoart4children, lanciata dall`Organizzazione lo scorso anno allo scoppio della guerra in Ucraina, in collaborazione con Wrong Theory, e che coinvolge 17 criptoartisti che hanno deciso di donare il ricavato dalla vendita delle loro opere ai progetti di Save the Children.

Native

Articoli correlati