Israele: la rivolta popolare non s'accontenta del mezzo passo indietro di Netanyahu
Top

Israele: la rivolta popolare non s'accontenta del mezzo passo indietro di Netanyahu

Una partita vitale per la democrazia di un Paese che da tre mesi sta vivendo la stagione più buia della sua non facile esistenza.

Israele: la rivolta popolare non s'accontenta del mezzo passo indietro di Netanyahu
In Israele proteste contro il governo
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

28 Marzo 2023 - 14.22


ATF

Israele, primo tempo di una partita tutt’altro che conclusa. Una partita vitale per la democrazia di un Paese che da tre mesi sta vivendo la stagione più buia della sua non facile esistenza. Buia perché il nemico è interno. Perché non c’è una minaccia esterna che, come è accaduto più volte nei 75 anni di vita dello Stato d’Israele, compatta l’opinione pubblica, riportando ad unità una società altrimenti divisa se non contrapposta. Stavolta la minaccia viene dall’interno. Da un governo che, come raccontato in questi mesi da Globalist, ha attentato ai principi basilari di uno stato di diritto, concependo l’esercizio del governo come l’imposizione della dittatura della maggioranza. Per dodici settimane consecutive, Israele è stato segnato da una rivolta dal basso che ha spiazzato la stessa opposizione parlamentare. Una rivolta che ha unito laddove la destra radicale ha diviso, lacerato. Una rivolta che ha imposto a Benjamin Netanyahu di congelare per due mesi la contestata riforma della giustizia. 

E’ solo il primo tempo

E’ stata la rivolta popolare a costringere “King Bibi” a tornare, anche se parzialmente sui suoi passi. Ma la partita è ancora aperta. A darne conto è l’editoriale di Haaretz, il quotidiano progressista di Tel Aviv. “Il Primo Ministro Benjamin Netanyahu ha annunciato lunedì che le votazioni finali sulla proposta di legge per modificare la composizione della commissione per le nomine giudiziarie sono state rinviate alla prossima sessione della Knesset.

La motivazione ufficiale è stata “il desiderio di evitare la spaccatura del popolo” e l’obiettivo dichiarato: “raggiungere un ampio consenso”. Ma la verità è che l’unico obiettivo del rinvio di due mesi è quello di salvare il suo regime dalla massiccia protesta civile che si è sollevata contro di lui. Dopo aver trascorso l’intera giornata ad organizzare una protesta “spontanea” di sostegno, e aver ritardato il suo discorso a questo scopo, Netanyahu ha citato nel suo discorso una falsa simmetria tra coloro che sostengono e coloro che si oppongono al colpo di stato legislativo. Ha cercato di distogliere l’attenzione dal fenomeno dei soldati che si rifiutano di prestare servizio e di offrirsi volontari per la riserva, una delle novità più importanti e impressionanti di questa protesta.
Senza vergogna, Netanyahu ha paragonato la situazione in Israele alla storia di Re Salomone e ha detto che il conflitto riflette “due parti che affermano di amare il bambino, il nostro Paese”. Ciò che minaccia Israele e divide il Paese in due non è il processo a Re Salomone, ma piuttosto il processo a Netanyahu e i tentativi dell’imputato di piegare la legge alle sue esigenze e di controllare a tutti i costi la nomina dei giudici. I leader dell’opposizione Benny Gantz e Yair Lapid hanno concordato di iniziare cautamente i colloqui per evitare una guerra civile. Nel farlo, devono procedere con sospetto e grande cautela.

L’esperienza dimostra che Netanyahu ricorre alla manipolazione, alle bugie e agli intrighi, e la sua seconda natura è quella di tendere trappole che vengono scoperte solo quando è troppo tardi. Gantz ha sperimentato personalmente il trauma di questa situazione quando Netanyahu ha violato l’accordo di rotazione che i due avevano stipulato. Gantz e Lapid devono partire dal presupposto che il piano di Netanyahu è quello di reprimere la protesta e che l’invito al dialogo potrebbe emergere come un tentativo di fermare lo slancio della protesta. La prova della mancanza di buona fede di Netanyahu può essere vista nella sua promessa non mantenuta di creare una guardia nazionale sotto la direzione del Ministro della Sicurezza Nazionale Itamar Ben-Gvir. Il primo ministro ha corrotto l’estrema destra con la promessa di creare una milizia che metterebbe in pericolo i cittadini israeliani – in particolare i manifestanti anti-golpe – finché il suo governo sopravviverà.  Non possiamo accettare la formazione di questa milizia.

Leggi anche:  Israele usa proiettili al fosforo per colpire il sud del LIbano: nuove accuse


Nel suo discorso, Netanyahu non ha affrontato lo scandaloso licenziamento del ministro della Difesa Yoav Gallant, che aveva giustamente messo in guardia sui rischi per la difesa insiti nella revisione. Pertanto, le dichiarazioni di Netanyahu sulla necessità di unificare il popolo sono vuote. La protesta dovrebbe essere continuata e persino ampliata, insieme all’analisi approfondita che Gantz e Lapid devono condurre sulla volontà di Netanyahu di fermare la legislazione. Nei prossimi due mesi si capirà se Israele si è fermato davanti all’abisso o se Netanyahu e i suoi pericolosi amici insistono nel voler distruggere il Paese. Non possiamo allentare la pressione fino a quando la legislazione non sarà eliminata”. 

Tre mesi in trincea

Annota B.Michael sempre su Haaretz: “Sono stati tre mesi di follia, nausea, risate, stupore, paura e divertimento. Signore, da dove viene tutto questo? Ripensandoci, credo di sapere da dove viene: c’erano una volta, molti anni fa, dei circhi itineranti straccioni, con animali malinconici, clown sconsolati, acrobati paffuti e incantatori di serpenti indiani con accento polacco. E spesso avevano con sé una carrozza o un tendone speciale con una varietà di numeri bizzarri per stupire i bambini. E tu, Signore, hai vagato tra tutti questi circhi e ne hai raccolto tutti gli oggetti speciali: la donna barbuta, il nano più grande, il vitello a due teste, il ventriloquo balbuziente, la sirena anziana, il ragazzo allevato dai lupi e il fachiro che si sdraia su un letto di chiodi e poi mangia i chiodi. Li avete riuniti tutti e li avete portati da noi, per essere il nostro governo pienamente di destra.


Per tre mesi ci hanno governato. Non una sola cosa utile, importante, di successo o anche solo bella è venuta da loro. I ministeri sono stati distribuiti come caramelle. Sono stati nominati direttori generali di ministeri senza alcuna qualifica. I bilanci sono lievitati senza alcuna fonte di finanziamento. In ogni ministero si sono insediati almeno due ministri. Il ministro delle Finanze non sa leggere, scrivere o parlare inglese (in nome di Dio, come ha fatto a diventare avvocato senza leggere articoli e sentenze in inglese?), il ministro della Polizia è un patetico delinquente con un passato criminale e un persistente oppositore di una legge che dovrebbe proteggere le donne. Non c’è da stupirsi se sua moglie dice di tenere una pistola con sé. Pattuglie di Chametz negli ospedali, esclusione delle donne come desiderato, divieto di pantaloni corti e maniche corte vicino al Muro Occidentale, nessun requisito di base per le scuole, cancellazione della tassa sullo zucchero, soldi-soldi-soldi e ancora soldi… e questo è solo un elenco parziale delle richieste fondamentaliste, del costo per comprare il sostegno degli Haredim nella coalizione.


Il primo ministro si erge sotto il tallone della moglie e ascolta sottomesso gli ordini del figlio scapestrato. Uno stuolo di strillanti cheerleader inonda il web. Un disegno di legge per consentire le tangenti è in procinto di essere legiferato. Il pubblico pagherà per il mantenimento e le indulgenze di due residenze (perché non anche la terza, quella al numero 4 di Haportzim Street? La first lady non se n’è accorta?).


Zero in politica estera. Due zeri in politica interna. Tre zeri nell’affrontare qualsiasi questione civile. La caduta della valuta, il crollo del mercato azionario, un parlamento senza vita, un partito zombie, partner di coalizione criminali. Legislazione di due ignobili disegni di legge al solo scopo di salvare un imputato e un condannato. E, naturalmente, un tentativo ostinato di distruggere il sistema giudiziario e di erigere una vera e propria dittatura sulle sue rovine. Un tentativo che è ancora in corso.

Leggi anche:  Israele e la guerra di Gaza, psicodramma nazionale


Tutto questo in soli tre brevi mesi di governo pienamente di destra. Tre mesi di follia crescente, arroganza smisurata, incredibile goffaggine e palese razzismo. Dovremo conservare questi tre mesi nella nostra memoria, studiarli e imparare da essi. Forse anche farli diventare parte del curriculum nazionale. Affinché tutti noi sappiamo e ricordiamo cosa succede quando la peggiore specie di personaggi di destra sale al potere. Perché è proprio questo l’aspetto del prossimo governo “pienamente di destra”.


Mentre scriviamo queste parole, alle otto del mattino dopo il fiasco, alla radio si sente ancora la voce prepotente del presidente della commissione per la Costituzione, che continua a parlare come al solito. Con la sua tenacia e il suo stile, merita sicuramente il titolo di “cane da guardia della dittatura”.
Una ferita da ricucire

“Venerdì scorso  – scrive Odeh Bisharat – ho partecipato alla veglia di protesta contro il colpo di Stato organizzato dal movimento Standing Together a Yafia, il villaggio in cui vivo. L’incrocio si è trasformato in un luogo di vivaci conversazioni tra manifestanti e automobilisti, molti dei quali hanno suonato il clacson per sostenere la protesta. Altri residenti si sono uniti a noi e si è creata una piacevole sensazione di condivisione del destino. L’ulivo al centro dell’incrocio ha aggiunto un profumo di primavera. Nelle fotografie sembriamo figli della natura, protetti dal pesante mondo materiale.


Un giovane automobilista ha fermato l’auto, ha messo la testa fuori dal finestrino e ha detto: “Vai a protestare a Dizengoff”, riferendosi a una strada del centro di Tel Aviv. “Qui non servirà a niente”. E prima che potessimo replicare, ha aggiunto: “Quando gli arabi venivano uccisi dai poliziotti, voi dov’eravate?”. Poi, prima ancora che potessimo digerire le sue parole, ha parlato di nuovo, questa volta rivolgendosi agli ebrei tra noi: “State attenti, la polizia potrebbe ancora pensare che siete arabi e spararvi”.


Abbiamo continuato a protestare e a chiedere ai sostenitori di suonare il clacson. Ma ho pensato alle parole di questo giovane.


Durante le manifestazioni del maggio 2021, che si sono svolte in luoghi molto diversi, sono stati arrestati 3.660 arabi e 350 sono stati incriminati. Le condanne sono state mostruose: mesi e a volte anche molti anni di carcere. Anche coloro che hanno avuto la fortuna di non essere incriminati sono rimasti in carcere per settimane e talvolta mesi prima di essere rilasciati.


Nove anni fa, abbiamo vissuto un periodo altrettanto buio a causa delle proteste contro gli attacchi israeliani alla Striscia di Gaza durante l’operazione Protective Edge. Anche in quel caso, migliaia di persone furono arrestate e centinaia incriminate. Come scrissi all’epoca, “i fascisti picchiano le persone, la polizia le arresta e i giudici approvano”. Se mai verrà scritto un articolo su come funziona il sistema di applicazione della legge in Israele, la carta che assorbe l’inchiostro arrossirà di vergogna”.


Ne parlo ora perché forse permetterà ai lettori di capire perché gli arabi non partecipano all’attuale processo democratico. È la rabbia, la delusione e l’insulto bruciante. “Torna con l’innocenza dell’infanzia negli occhi, come se nulla fosse accaduto”, recita una poesia di Nizar Qabbani. Ma come è possibile? Non siamo fatti di ferro.
Sabato sono andato a una manifestazione ad Haifa. Intendevo marciare con il gruppo che si oppone all’occupazione. Decine di migliaia di persone hanno invaso piazza Horev; migliaia si sono sparpagliate in ogni direzione. Purtroppo non sono riuscito a trovare i miei amici ebrei e arabi in mezzo a questo oceano umano, ma le riprese video hanno mostrato gli agenti di polizia che si abbattevano sulla bandiera palestinese solitaria. Ecco un’altra minaccia esistenziale che i nostri coraggiosi combattenti hanno intercettato all’ultimo momento. Non solo la bandiera è stata confiscata, ma la star della serata era il leader di Yisrael Beiteinu Avigdor Lieberman, che una volta aveva minacciato di decapitare i suoi avversari arabi. E poi, “con l’innocenza dell’infanzia”, ci dicono: “Andiamo, Lieberman vi aspetta”.

Leggi anche:  I genitori dei militari israeliani chiedono ai figli di tornare a casa e non combattere più


Quella sera ho visto un video del deputato di Yisrael Beiteinu Oded Forer che attaccava il ministro della Sicurezza nazionale Itamar Ben-Gvir per aver permesso ai gazesi di venire a Gerusalemme a pregare alla Moschea di Al-Aqsa. Pronto, questo è un partner? Il paradosso è che gli arabi devono partecipare alle proteste, perché la questione riguarda il loro futuro, ma d’altra parte alcune delle voci del menu di queste proteste sono nauseanti. Ma quando mai il nostro cammino è stato un letto di rose?


Inoltre, il vuoto di leadership tra gli arabi si farà sentire in futuro in ogni ambito della vita. Se non faranno sentire la loro voce in questo momento fatidico, in cui si sta tracciando la road map verso la democrazia e la rappresentanza araba in parlamento, quando mai lo faranno? E chi dice che è possibile lottare solo a Tel Aviv? È possibile e importante creare un quadro di lotta comune per arabi ed ebrei democratici, proprio come è accaduto sotto quell’ulivo a Yafia, dove regnava davvero la primavera – una primavera di pace, uguaglianza e fratellanza tra i due popoli”.


E’ una sfida nella sfida. Costruire un orizzonte comune, in una idea condivisa e partecipe di democrazia, gli ebrei israeliani e quelli arabi, una comunità che rappresenta oltre il 21% della popolazione.  

La lunga notte della democrazia non si è conclusa. A darne conto sono i propositi bellicosi dell’estrema destra che ha nel ministro della Sicurezza Itamar Ben Gvir il suo leader assoluto. Il leader di “Potenza ebraica”, dopo ore di frenetiche trattative con Netanyahu, ha detto di essere disponibile a rinviare la riforma fino alla ripresa della Knesset, dopo la Pasqua ebraica, a patto che il governo esamini subito la creazione di una “Guardia nazionale” sotto la guida dello stesso Ben Gvir. Nella serata di ieri, prima che Netanyahu prendesse la parola alla Knesset, “Potenza ebraica” ha diffuso una lettera con l’impegno in questo senso firmata dal premier Benjamin Netanyahu al termine dell’incontro con Ben Gvir. “Ho accettato di rimuovere il mio veto – ha scritto – in cambio di questo impegno”.  Un impegno che rischia di gettare altra benzina sul fuoco di uno scontro senza precedenti. Perché, per la prima volta nella storia d’Israele, un ministro avrebbe la guida di una forza paramilitare indipendente dal ministero della Difesa e fuori dal controllo dell’esercito.  Una milizia armata.


Anche per questo, la rivolta popolare non smobilita. Perché la democrazia è ancora sotto attacco. Un attacco che viene dall’interno.

Native

Articoli correlati