Xi Jinping lascia Mosca e gli Usa accusano: "Sull'Ucraina non è imparziale e ripete la propaganda di Putin"
Top

Xi Jinping lascia Mosca e gli Usa accusano: "Sull'Ucraina non è imparziale e ripete la propaganda di Putin"

Lunedì il presidente della Repubblica popolare cinese ha avuto un incontro informale e una cena con il presidente russo Vladimir Putin. I negoziati ufficiali si sono svolti martedì.

Xi Jinping lascia Mosca e gli Usa accusano: "Sull'Ucraina non è imparziale e ripete la propaganda di Putin"
Xi Jinping lascia Mosca
Preroll

globalist Modifica articolo

22 Marzo 2023 - 10.01


ATF

Quali saranno gli effetti di questa visita lo capiremo solo nei prossimi mesi, a cominciare dalla guerra in Ucraina. Nel frattempo si è conclusa la visita ufficiale del presidente cinese, Xi Jinping, a Mosca. Lo ha riferito l’agenzia Ria Novosti, spiegando che il vice primo ministro russo, Dmitry Chernyshenko, ha salutato il presidente cinese prima della sua partenza.

Il leader cinese è arrivato a Mosca il 20 marzo, in quello che è stato il suo primo viaggio all’estero da quando è stato rieletto capo di Stato per un terzo mandato. Lunedì il presidente della Repubblica popolare cinese ha avuto un incontro informale e una cena con il presidente russo Vladimir Putin. I negoziati ufficiali si sono svolti martedì.

Le critiche degli Stati Uniti

il portavoce del Consiglio per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, John Kirby, ha dichiarato che gli Stati Uniti non vedono la Cina in grado di essere un mediatore imparziale tra Mosca e Kiev sulla guerra in Ucraina.

Leggi anche:  Whatsapp e Threads rimossi dalla Apple in Cina

Parlando in risposta a Putin che ha accolto le proposte della Cina per la pace in Ucraina, Kirby ha offerto la critica più diretta fino ad ora all’obiettivo della Cina di essere un intermediario negli sforzi per porre fine alla guerra.

“Non credo che si possa ragionevolmente considerare la Cina come imparziale in alcun modo”, ha detto.

Ha osservato che la Cina si è astenuta dal criticare l’invasione russa dell’Ucraina e ha continuato ad acquistare petrolio russo anche quando l’Occidente ha imposto sanzioni all’industria energetica di Mosca per privare il Cremlino del denaro necessario a pagare la guerra. La Cina, ha aggiunto Kirby, “continua a ripetere la propaganda russa”.

Native

Articoli correlati