Berlusconi filo-Putin e Weber annulla l'incontro del Partito Popolare europeo a Napoli
Top

Berlusconi filo-Putin e Weber annulla l'incontro del Partito Popolare europeo a Napoli

Il capogruppo dei Popolari Europei Manfred Weber ha annullato l'incontro del Partito Popolare europeo a Napoli per le posizioni filo-Putin di Berlusconi. E Forza Italia si indigna

Berlusconi filo-Putin e Weber annulla l'incontro del Partito Popolare europeo a Napoli
Manfred Weber
Preroll

globalist Modifica articolo

17 Febbraio 2023 - 19.36


ATF

Annullamento annunciato da Manfred Weber, dell’incontro del Partito Popolare europeo a Napoli. E perché? Per le sguaiate parole di Berlusconi (e non è la prima volta) che sono di sostanziale presa di distanza da Zelensly e comprensione per la guerra scatenata da Putin.

Ma Forza Italia, abituata a dire che Ruby è la nipote di Mubarak pur di compiacere il padrone, una decisione fin troppo ovvia è uno scandalo.

“Dentro Forza Italia esiste una sola linea e respingiamo, come abbiamo sempre fatto, ogni maldestro tentativo di dividerci”, spiegano da FI condannando “la volontà di entrare nella vita interna di un partito, imponendo o escludendo i leader dello stesso. Questo è inaccettabile.
 


Il Ppe cancella il summit di giugno a Napoli
 A scatenare la polemica tra Forza Italia e il Partito Popolare Europeo (il partito europeista di centro-destra che raccoglie le forze generalmente classificabili come moderate) sono state le parole di Silvio Berlusconi sulla guerra in Ucraina.

“A seguito delle osservazioni di Silvio Berlusconi sull’Ucraina abbiamo deciso di annullare le nostre giornate di studio a Napoli. Il supporto per l’Ucraina non è facoltativo”, ha scritto su Twitter il capogruppo dei Popolari Europei Manfred Weber.

Leggi anche:  Berlusconi, un anno fa moriva il populista che sostituì l'educazione con l'intrattenimento

“Antonio Tajani e Forza Italia hanno il nostro sostegno e proseguiamo la collaborazione con il governo italiano sui temi dell’Ue”, ha poi aggiunto Weber.

La riunione dei Popolari a Napoli era prevista per giugno e, stando a fonti interne al Ppe, era prevista la partecipazione di Berlusconi, della presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen e della presidente dell’Eurocamera Roberta Metsola. Dopo le parole dell’ex premier sull’Ucraina però una nutrita pattuglia di eurodeputati popolari, principalmente dell’est Europa, ha fatto sapere a Weber di non gradire l’incontro con Berlusconi, spiegano dal Ppe. 

Tajani: non condivido decisione Ppe su vertice a Napoli
 “Berlusconi è Forza Italia e Forza Italia è Berlusconi: non condivido perciò la decisione di rinviare la riunione di Napoli, anche perché Berlusconi e Forza Italia hanno sempre votato come il gruppo del Ppe sull’Ucraina, come dimostrano gli atti del PE”: lo ha scritto il ministro degli Esteri, Antonio Tajani, commentando la decisione del Ppe.
 


Ronzulli e Cattaneo: da Weber parole inaccettabili, si scusi
 “Le parole di Manfred Weber sorprendono e le respingiamo con energia e determinazione. Forza Italia non ha mai lasciato alcun margine di ambiguità sulla crisi ucraina, come tra l’altro egli stesso riconosce, e il presidente Silvio Berlusconi ha chiarito a più riprese, e ancora pochi giorni fa a seguito proprio di una dichiarazione del Ppe, che non ha mai inteso venir meno allimpegno preso nel sostenere lUcraina, quindi non deviando in alcun modo dalla linea del partito”. Lo dichiarano in una dura nota i presidenti dei gruppi parlamentari di Forza Italia di Senato e Camera, Licia Ronzulli e Alessandro Cattaneo, riferendosi alla decisione del presidente del Ppe Manfred Weber di annullare gli ‘Study Days’ a Napoli.

Native

Articoli correlati