Medvedev agita ancora lo spettro nucleare: "Se Kiev attacca la risposta sarà dura"
Top

Medvedev agita ancora lo spettro nucleare: "Se Kiev attacca la risposta sarà dura"

Il vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo Dmitry Medvedev torna ad agitare lo spettro nucleare in caso di attacchi di Kiev alla Crimea o alla Russia profonda

Medvedev agita ancora lo spettro nucleare: "Se Kiev attacca la risposta sarà dura"
Preroll

globalist Modifica articolo

4 Febbraio 2023 - 12.45


ATF

Un guerrafondaio che non perde occasione per spararla grossa: la risposta di Mosca agli attacchi di Kiev alla Crimea o a qualsiasi altra regione russa “profonda” all’interno del Paese può essere qualsiasi, ma sarà dura e convincente, ha dichiarato il vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo Dmitry Medvedev in un’intervista scritta per Nadana Fridrikhson, pubblicata sul suo canale Telegram.

“La nostra risposta può essere qualsiasi”, ha detto, rispondendo a una domanda. “Il Presidente della Russia lo ha detto in modo abbastanza definitivo”.

Medvedev ha spiegato che la Russia non si pone restrizioni e, a seconda della natura delle minacce, può usare tutti i tipi di armi, “in conformità con i nostri documenti dottrinali, compresi i Principi fondamentali della deterrenza nucleare”.

“Posso assicurarvi che la risposta sarà rapida, dura e convincente”, ha aggiunto il politico.

Secondo la dottrina nucleare russa, la Russia può usare armi nucleari se armi nucleari o di altro tipo di distruzione di massa vengono usate contro la Russia o i suoi alleati, se riceve informazioni verificate sull’avvio di missili balistici per attaccare la Russia o i suoi alleati, in caso di influenza nemica su strutture, vitali per un’azione nucleare di risposta, e in caso di aggressione convenzionale contro la Russia, se l’esistenza stessa dello Stato è in pericolo.

Leggi anche:  Russia, condannata a 12 anni per 'terrorismo': aveva lanciato palloncini contro la guerra in Ucraina
Native

Articoli correlati