Israele, un voto identitario che viene da lontano: la notte in cui fu assassinato Rabin
Top

Israele, un voto identitario che viene da lontano: la notte in cui fu assassinato Rabin

Disfatta che viene da lontano. E che Globalist ha raccontato In più articoli, report, interviste, nel corso del tempo. Una sconfitta-suicidio per la sinistra, una disfatta culturale prim’ancora che politica.

Israele, un voto identitario che viene da lontano: la notte in cui fu assassinato Rabin
Benjamin Netanyahu
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

3 Novembre 2022 - 14.36


ATF

Una disfatta che viene da lontano. E che Globalist ha raccontati In più articoli, report, interviste, nel corso del tempo. Una sconfitta-suicidio per la sinistra, una disfatta culturale prim’ancora che politica.

La profezia di Abraham

Lo sconforto di Abraham

Nell’attuale realtà politica israeliana non c’è invece alcun dibattito politico tra opposti schieramenti. Le parole sinistra e destra rimbalzano da tutte le parti vuote di significato, utili solo come arma per infangare gli oppositori. Il termine «sinistra», in particolare, viene costantemente utilizzato dagli attivisti di destra, specialmente quelli religiosi, come condanna automatica di chi non appoggia il primo ministro. Per evitare la prospettiva di un processo Netanyahu, da leader politico, si è trasformato in quello di una setta che, mediante minacce e lusinghe, argina l’opposizione dei suoi membri mentre il sistema politico si piega davanti a lui per garantirgli un’eventuale immunità annullando elezioni appena tenute, disperdendo il parlamento e indicendo nuove consultazioni elettorali entro tre mesi.


Nemmeno i più anziani ed esperti fra noi erano pronti a questo scenario di corruzione e di aperto attacco politico dei partiti di governo allo stato di diritto per far sì che il primo ministro non finisca in prigione. E tutto questo con il sostegno di una folla acclamante. Di fronte a tale realtà proviamo un senso di disgusto e di prostrazione. Non è più questione di posizioni politiche diverse e nemmeno di tendenziose panzane raccontate dal primo ministro e dai suoi assistenti che si succedono a ritmo incessante. Questa è una chiara e spudorata violazione dei valori di solidarietà che erano alla base della promessa sionista di riunire ebrei di diversa provenienza e livello in uno stato democratico.

Negli anni ’70 del secolo scorso due ministri del governo laburista furono sospettati di avere preso tangenti e ancora prima di essere processati si suicidarono per la vergogna. Il primo ministro israeliano Yitzhak Rabin nel 1977 diede le dimissioni perché accusato di aver mantenuto un piccolo conto corrente all’estero, cosa allora vietata ai cittadini israeliani. Il presidente Moshe Katsav fu condannato a sette anni di carcere da un giudice distrettuale arabo per aver sessualmente molestato la sua segretaria. Il primo ministro Ehud Olmert finì in carcere per aver ricevuto finanziamenti illeciti per la sua campagna elettorale. Fino a ieri potevamo consolarci con il fatto che nella palude politica israeliana ci fossero ancora principi di giustizia e di uguaglianza. Ma ecco che ora il primo ministro calpesta spudoratamente la legge per salvare la propria pelle e conduce il paese a una nuova, aspra e costosa campagna elettorale a poche settimane di distanza dalla precedente. C’è quindi da meravigliarsi che persone come me, indipendentemente dalla loro posizione politica, provino un senso di avvilimento e di paralisi?”.

Leggi anche:  Israele, così è fallita la "Procedura Annibale"

Queste considerazioni fanno parte di un lungo articolo di Abraham Bet Yehoshua, il grande scrittore israeliano scomparso il 14 giugno 2022, pubblicato da La Stampa l’8 agosto 2019. Riletto alla luce dei risultati delle elezioni di martedì scorso, le amare considerazioni di Yehoshua suonano come profetiche. Una profezia di sventura.  Avveratasi.

Battaglia di resistenza

Una traversata nel deserto. Per una sinistra in rotta. Così riflette un editoriale di Haaretz: “Le recenti elezioni alla Knesset hanno portato al potere l’asse Benjamin Netanyahu-Itamar Ben-Gvir-Bezalel Smotrich. Nonostante la comprensibile delusione, il campo del centro-sinistra non può stare a guardare o sprofondare nella disperazione. Al contrario, nei prossimi giorni dovrebbe già formulare un piano d’azione per arginare questa pericolosa alleanza, che si prevede possa causare danni irreversibili alla democrazia israeliana.


Il “governo del cambiamento” avrebbe dovuto fermare la distruttività di Netanyahu che, a causa del suo processo, cercava di schiacciare il sistema giudiziario e l’intera società israeliana. Il prezzo per il giusto insediamento di questo governo è stato pagato con l’indebolimento dei valori e dell’ideologia. C’era una logica in questo: Non c’era altro modo per collegare Naftali Bennett, Gideon Sa’ar e Zeev Elkin con Mossi Raz, Gaby Lasky e Mansour Abbas.


Ma ora la situazione è diversa. Il ritorno al potere di Netanyahu, questa volta con Itamar Ben-Gvir, discepolo di Meir Kahane, e la fusione tra bibiismo e kahanismo richiedono una riorganizzazione della sinistra, che comporterà un “armamento ideologico” e un affinamento dei valori. Il successo dei partiti di destra dovrebbe infatti essere una lezione importante per la sinistra: Il tentativo di mascherarsi, di fuggire da una risposta alla paura, all’odio e alla divisione diffusi in lungo e in largo dalla destra, è destinato a fallire. E porterà, nel prossimo futuro, alla scomparsa dei partiti di sinistra così come li conosciamo. È il momento di tornare ai principi fondamentali della sinistra israeliana, che costituiscono le componenti essenziali di qualsiasi Paese democratico: lo Stato di diritto e l’indipendenza del sistema giudiziario, la tutela della dignità e dei diritti umani, la difesa dei gruppi minoritari dalla tirannia della maggioranza e la completa uguaglianza civile, economica e sociale. Inoltre, la sinistra deve tornare a ricordare alla gente che l’occupazione, che dura ormai da più di 55 anni, danneggia non solo i palestinesi conquistati, che pagano con la loro libertà e le loro vite, ma anche Israele stesso, che sta ipotecando il suo futuro e la sua immagine di democrazia a causa della cieca stupidità dell’insediamento e del messianismo. La sinistra israeliana deve tornare a ricordare alla gente che senza una soluzione diplomatica con i palestinesi, Israele affonderà ulteriormente in un pantano di sangue, sudore e lacrime.

Leggi anche:  Israele prigioniero del "governo Nightmare"


Per realizzare questi principi, è necessaria un’ampia coalizione ebraica e araba, che agisca in modo chiaro e senza pregiudizi. L’unico modo per affrontare una realtà razzista è combatterla. Non stare in silenzio, non chinare la testa e non scomparire.


Non dobbiamo rinunciare alla nostra aspirazione di trasformare Israele in un luogo degno, equo e dignitoso per tutti i suoi cittadini, indipendentemente dalla religione, dalla razza o dal sesso, come promesso nella Dichiarazione di Indipendenza. Potrebbe volerci del tempo prima che questo processo dia i suoi frutti, ma se la sinistra vuole sopravvivere – conclude l’editoriale del quotidiano progressista di Tel Aviv –  questa è l’unica opzione; non ci sono soluzioni magiche”.

I volti della disfatta

Li indica, sempre su Haaretz, Uri Misgav.
Scrive Misgav: “Con Benjamin Netanyahu pronto a tornare al potere a capo di una coalizione di estrema destra, populista, razzista, kahanista, ultraortodossa, nazionalista, nazionalista ultraortodossa e religioso-sionista, dovremmo ringraziare gli uomini e le donne che hanno reso possibile tutto questo. Quando tutti i voti saranno contati, gli israeliani vedranno che il totale dei voti per ogni schieramento è incredibilmente simile. Gli elettori ebrei e arabi si sono presentati in numero impressionante. Sono stati prevedibilmente divisi a metà, e una parte ha perso a causa di un gruppo selezionato di politici che hanno praticamente commesso un attacco suicida contro il loro stesso campo. Questo non ha nulla a che fare con le campagne o con gli elettori. Ha a che fare con il sistema elettorale e la mappa elettorale che era nota fin dall’inizio. Ecco i nomi.
Merav Michaeli. Ha bloccato la fusione tra due partiti di sinistra ebraici completamente identici. Ha ignorato tutti gli avvertimenti e le suppliche. Se Meretz non entrerà nella Knesset, sarà a causa di qualche migliaio di voti che le sono costati quattro seggi.


Una lista elettorale unita avrebbe raggiunto almeno sette seggi e avrebbe permesso di firmare un accordo di surplus di voti con Yesh Atid di Yair Lapid; poi Yisrael Beiteinu di Avigdor Lieberman avrebbe potuto firmare con il Partito di Unità Nazionale di Benny Gantz. Questo venerdì ricorre l’anniversario dell’assassinio di Yitzhak Rabin. Nella sua infondata arroganza, Michaeli, che ha fatto a pezzi la sinistra, ha preteso di essere l’erede politico del defunto primo ministro. Anche lei dovrebbe chiedere il suo perdono.

Ayman Odeh e Ahmad Tibi. Questi due hanno votato contro la formazione del “governo del cambiamento” nel giugno 2021. Hanno fatto del loro meglio per farlo cadere. Hanno ripetutamente insistito sul fatto che questo fosse il peggior governo di tutti i tempi. Si sono rifiutati di estendere la rete di sicurezza anche per pochi mesi dopo le defezioni di Idit Silman e Nir Orbach dalla coalizione.

Leggi anche:  Netanyahu, Gallant, Smotrich, Be-Gvir, io vi avverto....": parla Ehud Olmert


Hanno festeggiato con Itamar Ben-Gvir e Bezalel Smotrich il giorno dello scioglimento della Knesset. Hanno fatto in modo che i loro partiti Hadash e Ta’al si dividessero da Balad proprio prima della scadenza per la finalizzazione delle liste dei partiti. Si sono persino rifiutati di discutere un accordo di voto in eccedenza con la Lista araba unita.


Sami Abu Shehadeh. Si è separato da Hadash-Ta’al dopo un’accesa discussione per il sesto posto in quella che avrebbe potuto essere l’ultima lista comune. Ha poi dimostrato di essere un leader politico carismatico che in poche settimane ha attirato 125.000 elettori, alcuni dei quali non avevano programmato di votare. Questo si aggiunge a tre seggi della Knesset che avrebbero potuto rafforzare una Lista Comune a tre partiti se Abu Shehadeh avesse fatto esattamente la stessa cosa come parte dell’alleanza.
Ghaida Rinawie Zoabi. È entrata alla Knesset con il Meretz come una sconosciuta senza alcun risultato significativo nella vita pubblica. Ha fatto cadere la coalizione e ha scatenato queste elezioni in cui i kahanisti stanno salendo al potere e Meretz potrebbe essere cancellato dalla mappa politica.
Ofer Cassif. Nelle settimane precedenti il voto, ha ripetuto la sua affermazione che coloro che uccidono soldati e coloni non sono terroristi, ma combattenti per la libertà che compiono legittimi atti di resistenza contro l’occupazione. Quanti voti e quanta energia ha fornito al campo di Netanyahu/Ben-Gvir?
Aida Touma-Sliman. Poco prima delle elezioni ha pianto gli assassini della Tana del Leone a Nablus come “i nostri martiri”. Quanti voti e quanta energia ha fornito al campo di Netanyahu/Ben-Gvir?
Non ha molta importanza se il blocco di Netanyahu finirà con 65 o 62 seggi alla Knesset; è più un fattore di profondità della depressione e del volume delle lacrime. Poiché le tendenze demografiche e sociologiche tra gli ebrei israeliani sono abbastanza chiare, questa elezione potrebbe essere stata un’ultima occasione d’oro per i democratici, i laici, i moderati, i cittadini uniti e gli arabi israeliani per fermare o almeno ritardare la presa di potere kahanista/bibi-ista. E il loro numero era quasi identico a quello dell’altra parte. Quello che è successo avrebbe potuto essere evitato se l’attuale governo fosse durato, se i seggi persi da Balad e forse da Meretz sotto la soglia elettorale non fossero stati sprecati e se fossero stati firmati accordi di voto in eccedenza in tutto il campo. Una manciata di funzionari eletti che hanno tradito la loro missione e i loro collegi elettorali sono direttamente responsabili della catastrofe che ci è capitata. È imperdonabile”.
(prima parte,fine)

Native

Articoli correlati