Primo novembre, Israele al voto: lo spettro di Kahane aleggia sulle urne
Top

Primo novembre, Israele al voto: lo spettro di Kahane aleggia sulle urne

Israele, quattro giorni al voto. Le quinte elezioni anticipate in poco più di tre anni. Un record mondiale. E sul voto aleggia lo spettro di Kahane. 

Primo novembre, Israele al voto: lo spettro di Kahane aleggia sulle urne
Gli esponenti di Otzma Yehudit,
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

28 Ottobre 2022 - 17.53


ATF

Israele, quattro giorni al voto. Le quinte elezioni anticipate in poco più di tre anni. Un record mondiale. E sul voto aleggia lo spettro di Kahane. 

L’allarme di Haaretz

“La fulminea ascesa del deputato Itamar Ben-Gvir e del suo partito, Otzma Yehudit, ha suscitato timori per il futuro nei circoli liberali sia in Israele che all’estero. E quando il devoto allievo di Meir Kahane minaccia di diventare la terza forza più forte nella legislatura israeliana, ci sono effettivamente ragioni per preoccuparsi. La legittimazione di Ben-Gvir nei media e nell’opinione pubblica, così come l’entusiasmo che suscita in molti giovani, sono cattivi presagi. Ma non è tutto: il pericolo in agguato va ben oltre. Il kahanismo si è già diffuso ben oltre i confini di Otzma Yehudit e del partito con cui ha formato un ticket comune, il Sionismo religioso – ha raggiunto l’intera ala destra, guidata dal Likud di Benjamin Netanyahu. A volte sembra che tutti i deputati del Likud siano Ben-Gvir. Mentre Ben-Gvir e il suo compagno di banco alla Knesset, Bezalel Smotrich, diffondono la loro dottrina razzista, insieme al piano di Smotrich di distruggere il sistema giudiziario, non si è sentita alcuna opposizione o anche solo una riserva sui loro piani da parte del Likud o di altri partiti di destra.


Il silenzio del Likud ha avuto una vasta eco, così come il silenzio del suo leader. Dopo che Netanyahu ha promesso che Ben-Gvir e Smotrich saranno ministri nel suo prossimo governo, in diametrale opposizione a quanto promesso (riguardo a Ben-Gvir) prima delle ultime elezioni, l’imbiancatura ha fatto un altro passo avanti con il fragoroso silenzio sulle idee che hanno proposto. Qualcuno dovrebbe chiedere a Netanyahu: Che cosa è cambiato in Ben-Gvir per cui è stato squalificato dal suo gabinetto prima delle ultime elezioni, ma ora è qualificato? Il silenzio di Netanyahu e del resto dei vertici del Likud indica forse che sono d’accordo con Ben-Gvir? Non c’è modo di interpretare il loro silenzio se non come un consenso. In altre parole, il Likud stesso sta gradualmente diventando un partito kahanista. Non si sta limitando ad abbracciare i kahanisti per formare un governo, ma sta andando oltre e sta abbracciando le loro idee. Questa è una nuova situazione morale e politica per Israele. Il kahanismo non solo è stato legittimato, ma si sta diffondendo al centro della mappa politica. Dopo che Ben-Gvir, Smotrich e i loro simili avranno ricoperto il ruolo di ministri anziani in un governo del Likud, qualora se ne formasse uno, la vera rivoluzione sarà completa: razzismo palese, ultranazionalismo, sciovinismo, xenofobia, odio per chiunque sia diverso, imposizione della legge religiosa e distruzione del sistema legale saranno diventati i capisaldi del governo di Israele. Nessuna notizia potrebbe essere più minacciosa di questa”.

Leggi anche:  Israele si prepara ad attaccare il Libano per scatenare una 'guerra totale' a Hezbollah

Così l’editoriale del quotidiano progressista di Tel Aviv.

“Il patto di sangue di Netanyahu con l’estrema destra è sinonimo di sventura per la Cisgiordania”

E’ l’illuminante titolo all’analisi di una delle firme storiche di Haaretz: Amos Harel. 

Scrive Harel: “I sondaggi di opinione, almeno per ora, le violenze in Cisgiordania non influenzano direttamente le elezioni del 1° novembre, che dovrebbero concludersi con una gara serrata tra i due blocchi. Ma se guardiamo al quadro più ampio, e nonostante l’influenza divisiva della politica identitaria in Israele, è impossibile ignorare il ruolo significativo del conflitto palestinese negli sviluppi, anche se la maggior parte degli elettori preferirebbe negarlo. Insieme al crescente impatto dei cambiamenti demografici, la mappa politica si è spostata verso destra, forse in modo irreversibile. Questo ha spianato la strada al lungo mandato di Benjamin Netanyahu, che ha promesso agli israeliani di poterli tenere tutti al sicuro. Nel 2017, tuttavia, Netanyahu è diventato ancora più estremo e pericoloso: i suoi sforzi per rimanere al potere si sono trasformati in una battaglia per la sopravvivenza personale il cui obiettivo è quello di porre fine ai procedimenti giudiziari contro di lui ed evitare la possibilità del carcere. Tutto è lecito in questa guerra, e soprattutto nel suo tentativo di tornare al potere dopo meno di 18 mesi di opposizione. Negli ultimi mesi, l’empia alleanza del Likud con Bezalel Smotrich e Itamar Ben-Gvir si è rafforzata. Come i capi dei partiti haredi, i leader del sionismo religioso sono disposti a riportare Netanyahu alla carica di Primo Ministro, per le loro stesse ragioni, anche se Smotrich vede Netanyahu come “un bugiardo figlio di un bugiardo”, come è stato rivelato questa settimana in registrazioni ottenute da Michael Shemesh di Kan News. Se il blocco di partiti pro-Netanyahu vincerà le elezioni e se i suoi leader sceglieranno un’alleanza con gli Haredim e l’estrema destra piuttosto che una coalizione tesa con Benny Gantz, la questione della Cisgiordania riemergerà rapidamente. La disputa tra i due non riguarda solo lo Stato di diritto, che Netanyahu e i suoi partner intendono distruggere. Nonostante molti articoli di Haaretz sostengano il contrario, c’è un’enorme differenza tra un governo di destra ristretto e l’attuale “governo del cambiamento” nel loro atteggiamento verso i palestinesi.
Gantz ha sbagliato quando si è vantato di aver ucciso gli arabi a Gaza, e Yair Lapid avrebbe potuto essere molto più generoso nelle sue politiche verso i palestinesi. Ma i principali partner di Netanyahu hanno ambizioni di vasta portata e pericolose nei confronti dei palestinesi, anche rispetto a tutto ciò che ha accettato in passato.

Leggi anche:  Il ministro della difesa israeliano a Washington mentre i venti di guerra dopo Gaza arrivano in Libano

Questo non è l’unico settore in cui si prevedono problemi. Dopo i disordini nelle città miste arabo-ebraiche del maggio 2021, durante l’operazione dell’Idf contro Hamas nella Striscia di Gaza, la società araba in Israele sembra prossima a un’altra esplosione, poiché la tensione si unisce alla crescente rabbia per l’incapacità del governo e della polizia di arginare la criminalità organizzata araba. Se i partiti arabi scendono sotto la soglia elettorale a causa della bassa affluenza alle urne nella comunità e la rappresentanza araba nella Knesset diminuisce, i legami con lo Stato si indeboliranno ancora di più. Questo potrebbe essere terreno fertile per un’altra esplosione di violenza, sulla falsariga dell’ottobre 2000 o degli eventi dello scorso anno.


Nonostante la vasta esperienza e la tipica cautela di Netanyahu nelle relazioni con l’estero, si prevedono difficoltà anche con i nostri vicini amici, la Giordania e l’Egitto. Le relazioni di Netanyahu con il re Abdullah sono in difficoltà da anni e i membri della sua corte sospettano che Netanyahu partecipi alle mosse antigiordane della famiglia reale saudita e dei membri dell’amministrazione Trump. Anche le relazioni di Netanyahu con il presidente egiziano Abdel-Fattah al-Sisi sono state turbolente. Sulla scena internazionale, il rapporto più importante e delicato è quello con gli americani. Nonostante le dichiarazioni pubbliche di amicizia, l’amministrazione Biden non si fa illusioni su Netanyahu. Washington accetterà la decisione degli elettori israeliani, ma i messaggi scorrono costantemente su altri canali: Anche se dovesse vincere, è meglio che la presidenza del Likud si rivolga al centro, piuttosto che dipendere dai rappresentanti del kahanismo e dai loro eredi alla Knesset. Gli americani sono stupiti da questo sviluppo, nonostante la somiglianza con gli eventi negli Stati Uniti.

Leggi anche:  Israele scatenata a Gaza: altra notte di bombardamenti e uccisioni


La Casbah in festa
Mercoledì sera da Nablus sono giunte notizie interessanti. Quattro militanti della Tana del Leone si sono consegnati alle forze di sicurezza dell’Autorità Palestinese. Sembra che l’incursione israeliana di martedì in una casa sicura nella casbah della città, che ospitava un laboratorio di bombe, abbia causato molte scosse di assestamento. Cinque palestinesi sono morti in uno scontro a fuoco con soldati e membri dell’Unità speciale antiterrorismo della polizia e del servizio di sicurezza Shin Bet. Questo ha spinto i quattro membri della Tana del Leone ad arrendersi all’AP, che ha recentemente offerto loro una “custodia protettiva”. Altri militanti ricercati hanno chiesto di aderire a questo accordo. “Abbiamo dato tutto quello che avevamo”, ha dichiarato uno dei quattro, in un titolo che avrebbe potuto provenire dalle pagine sportive. I media israeliani sono stati attratti dai superlativi: Dopo che uno degli uomini è stato descritto come il “capo dell’organizzazione”, è stato spiegato che tra gli arrestati dall’Autorità Palestinese c’era il “cervello” dell’organizzazione. In generale, sembra che la leadership, l’establishment della difesa e i media in Israele abbiano un atteggiamento bipolare nei confronti del gruppo di Nablus. Da un lato, lo liquidano come poche decine di “teppisti armati”. Dall’altro, pubblicano una foto del capo di stato maggiore dell’Idf e del capo dello Shin Bet durante la guerra dell’operazione, come se si trattasse di un raid contro il reattore iraniano.


La resa dei militanti esprime un cambiamento fondamentale della situazione a Nablus? È chiaro che Israele ha riconosciuto l’organizzazione come una minaccia reale, data la popolarità acquisita in Cisgiordania e il suo coinvolgimento in attacchi, come quello che ha ucciso il sergente maggiore Ido Baruch. È anche evidente che Israele sta esercitando una forte pressione. L’operazione è stata pianificata per circa due settimane e due giorni prima un altro membro di spicco della Tana del Leone è stato ucciso nell’esplosione di una moto a Nablus. Ma se la Tana del Leone è più un’idea che un’organizzazione – conclude Harel –  non c’è modo di impedire che nuovi volti desiderosi prendano il posto degli arrestati”.

E se i kahanisti saranno premiati dal voto e metteranno le mani sul Governo, la Cisgiordania si trasformerà in un campo di battaglia. Non è una ipotesi. E’ una certezza. 

Native

Articoli correlati