Top

Palestina, così nasce l'intifada dei Leoni

Centinaia di palestinesi hanno marciato per le città e i campi profughi della Cisgiordania nelle prime ore di martedì mattina, in solidarietà con il gruppo militante Tana del Leone, che è stato pesantemente coinvolto nei recenti scontri a Nablus.

Palestina, così nasce l'intifada dei Leoni
Palestina

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

18 Ottobre 2022 - 19.13


Preroll

Nablus, l’intifada dei Leoni. Globalist ne ha già scritto, ma tornarci su è importante perché dà conto di un fenomeno che sta “terremotando” il campo palestinese. Un fenomeno di radicamento dal basso che preoccupa l’Autorità nazionale palestinese e fa scattare l’allarme rosso in Israele.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Marcia di protesta

Middle placement Mobile

Ne scrive su Haaretz Jack Khoury: “Centinaia di palestinesi hanno marciato per le città e i campi profughi della Cisgiordania nelle prime ore di martedì mattina, in solidarietà con il gruppo militante Tana del Leone, che è stato pesantemente coinvolto nei recenti scontri a Nablus.

Dynamic 1

Lunedì, l’organizzazione ha indetto marce di solidarietà in tutta la Cisgiordania e la Striscia di Gaza, in parte per protestare contro la decisione israeliana di negare il permesso di ingresso in Israele a 164 familiari di militanti della Tana del Leone. La decisione è stata presa dopo un briefing sulla sicurezza coordinato dal Ministro della Difesa Benny Gantz.


Il gruppo palestinese “Tana del Leone” opera nei dintorni di Nablus, principalmente nella città vecchia e nel vicino campo profughi di Balata. La missione dichiarata del gruppo è quella di attaccare le forze di sicurezza israeliane che pattugliano la città o che garantiscono la sicurezza degli ebrei che vengono a pregare alla tomba di Giuseppe. La maggior parte dei membri ha un’età compresa tra i 18 e i 24 anni, è laica e non prende ordini dalle figure religiose locali. Molte persone hanno risposto all’appello dell’organizzazione per le manifestazioni, che sono durate da dopo mezzanotte fino alle prime ore del mattino. Secondo i post sui social media, ci sono state manifestazioni a Nablus, Hawara, Jenin e nel campo profughi adiacente, nei quartieri di Gerusalemme Est di Silwan e Shoafat, così come a Hebron, Tul Karm, Qalqilya e Ramallah. Nel frattempo, i media palestinesi hanno riferito che un gran numero di forze di sicurezza israeliane sono entrate nel campo profughi di Shoafat per operazioni di arresto. Secondo quanto riportato, è stato arrestato un sospetto. I militanti della Tana del Leone erano fino a poco tempo fa affiliati a Fatah. Molti di loro sono familiari di personale dei servizi di sicurezza palestinesi e hanno prestato servizio nella milizia Tanzim o in altri gruppi armati sotto il controllo dell’Autorità Palestinese e dei suoi apparati di sicurezza. Le loro operazioni sono motivate dagli scontri nel campo profughi di Jenin”.

Dynamic 2


Operazione “Tempo Critico”

Così la racconta sul giornale progressista di Tel Aviv Yagil Levy:
“Alla fine di marzo, a seguito di una serie di attacchi terroristici, l’esercito di polizia israeliano ha lanciato l’operazione Breaking the Wave, nel corso della quale ha fatto irruzione nelle città palestinesi per arrestare e uccidere i sospetti terroristi. Secondo i rapporti delle Nazioni Unite, dall’inizio dell’operazione alla fine di settembre, Israele ha ucciso 74 palestinesi in Cisgiordania.
Per non dare per scontati questi numeri di morti, sarebbe opportuno fare un confronto con l’Operazione Tempo Critico (“Godel Hasha’a”), quando dall’ottobre 2015 al marzo 2016 l’esercito ha operato per reprimere l'”Intifada dei lupi solitari” – attacchi di palestinesi non ufficialmente affiliati ad alcuna organizzazione – contro gli israeliani nell’estate del 2015.

Dynamic 3


Come nel caso attuale, la prima risposta dell’esercito è stata offensiva: Raid nelle aree in cui hanno avuto origine gli attacchi. Ma il comandante della Brigata regionale di Giudea e Samaria, Brig. Gen. Lior Carmeli, ha dichiarato che si è trattato di un fallimento “così palpabile, che abbiamo deciso di interrompere questa azione offensiva entro pochi giorni”. L’esercito si è reso conto che i suoi metodi non sono adatti ad affrontare attacchi non organizzati e, secondo Carmeli, ha dedotto che “le vittime palestinesi degli scontri sono il carburante principale per la loro continua intensificazione. Evitare questo è una delle lezioni più significative delle rivolte precedenti”. Per questo motivo, fu elaborata una politica di “regole d’ingaggio” limitate. Il Maggiore Generale Roni Numa, capo del Comando Centrale dell’Idf all’epoca, si vantava del fatto che “nello sforzo di dispiegare la forza tattica, l’abilità del soldato di combattimento di neutralizzare un assalitore senza uccidere…. in modo da ridurre il numero di funerali che si trasformano in manifestazioni pubbliche di compassione…”.


Questa politica è stata sostenuta dal Capo di Stato Maggiore Gadi Eisenkot, che ha predicato la moderazione, anche se, secondo lui, la maggior parte dei ministri ha spinto per una risposta dura, ma è stata contenuta dall’allora Primo Ministro Benjamin Netanyahu e dal Ministro della Difesa Moshe Yaalon. Alla fine è stata evitata una terza Intifada. Questo non significa che i vertici militari fossero pacifisti, ma che comprendevano i limiti della forza. Di questo approccio moderato non è rimasto nulla. Sotto lo shock del caso Azaria, l’esercito stesso ha iniziato a gioire del numero di vittime. Quando Aviv Kochavi ha sostituito Eisenkot come Capo di Stato Maggiore dell’Idf, ha fatto eco a questa tendenza attraverso la terminologia della “letalità” e trasformando il conteggio dei corpi in una misura del successo.

Dynamic 4


L’accresciuta influenza della destra sul governo dopo la rimozione di Netanyahu e le critiche al cosiddetto “abbandono” dei soldati hanno portato a un allentamento delle regole d’ingaggio alla fine del 2021, quando è stato permesso di sparare ai palestinesi che lanciavano sassi e ordigni incendiari anche dopo che questi avevano rilasciato il loro proiettile.


Più che mai prigioniero dei coloni, l’esercito di polizia israeliano ha ceduto alla loro crescente violenza nei confronti dei palestinesi. La saggezza della moderazione è evaporata. Un’indicazione della felicità del grilletto può essere ricavata dai rapporti di B’tselem, che si basano in parte sui rapporti ufficiali dell’Ufficio del portavoce dell’Idf e che presentano le circostanze di ogni vittima.

Dynamic 5


Basti un’unica indicazione, relativa all’uccisione di lanciatori di pietre (esclusi i casi in cui l’esercito sostiene che il deceduto abbia usato anche altri mezzi di aggressione) – cioè i casi in cui i soldati avrebbero potuto reagire senza uccidere.


Su 142 vittime dell’operazione 2015-2016, 7 sono state colpite dopo aver lanciato sassi, ovvero circa il 5%. In “Breaking the Wave” si tratta di 9 dei 47 casi riportati da B’tselem fino alla fine di luglio, ovvero circa il 20%. In queste circostanze, aumentano le probabilità che gli scontri si espandano in un’operazione ampia e sanguinosa, e forse che l’Autorità Palestinese crolli.


Il comportamento dei militari rafforza la conclusione che forse la differenza tra i due casi non è solo la leadership, ma anche l’agenda, che mira all’annessione frammentaria della Cisgiordania, a partire dall’Area C, rifiutando l’opzione di rinnovare i colloqui. Questa è l’interpretazione più probabile per la combinazione di violenza proattiva, di cui la leadership israeliana dovrebbe conoscere il probabile esito, e paralisi diplomatica”.


Un popolo imprigionato. 

Dopo l’occupazione israeliana della Cisgiordania nel 1967, i palestinesi accusati di reati in base alla legge militare israeliana e giudicati nei tribunali militari sono stati più di 800.000: tale cifra costituisce circa il 20 % del numero totale di palestinesi che abitano nei Territori Palestinesi Occupati (Tpo), ovvero il 40% della popolazione maschile totale.

Le autorità israeliane devono essere chiamate a rendere conto del crimine di apartheid contro i palestinesi. È quanto ha dichiarato Amnesty International in un rapporto di 278 pagine nel quale descrive dettagliatamente il sistema di oppressione e dominazione di Israele nei confronti della popolazione palestinese, ovunque eserciti controllo sui loro diritti: i palestinesi residenti in Israele, quelli dei Territori palestinesi occupati e i rifugiati che vivono in altri stati.

Nel rapporto si legge che le massicce requisizioni di terre e proprietà, le uccisioni illegali, i trasferimenti forzati, le drastiche limitazioni al movimento e il diniego di nazionalità e cittadinanza ai danni dei palestinesi fanno parte di un sistema che, secondo il diritto internazionale, costituisce apartheid. Questo sistema si basa su violazioni dei diritti umani che, secondo Amnesty International, qualificano l’apartheid come crimine contro l’umanità così come definito dallo Statuto di Roma del Tribunale penale internazionale e dalla Convenzione sull’apartheid.

Amnesty International chiede al Tribunale penale internazionale di includere il crimine di apartheid nella sua indagine riguardante i Territori palestinesi occupati e a tutti gli stati di esercitare la giurisdizione universale per portare di fronte alla giustizia i responsabili del crimine di apartheid.

L’uccisione illegale di manifestanti palestinesiè forse il più chiaro esempio di come le autorità israeliane ricorrano ad atti vietati per mantenere il loro status quo. Nel 2018 i palestinesi di Gaza avviarono proteste settimanali lungo il confine con Israele per affermare il diritto al ritorno dei rifugiati e chiedere la fine del blocco. Ancora prima che le proteste avessero inizio, alti funzionari israeliani avvisarono che contro i palestinesi che si fossero avvicinati al confine sarebbe stato aperto il fuoco. Alla fine del 2019,le forze israeliane avevano ucciso 214 civili palestinesi, tra cui 46 minorenni. E negli anni successivi, le vittime sono aumentate. Il tutto in un sostanziale sistema di impunità da parte israeliana.

Alla luce delle sistematiche uccisioni illegali di palestinesi documentate nel suo rapporto, Amnesty International chiede al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite di imporre un embargo totale sulle armi verso Israele. Questo embargo, a causa delle migliaia di uccisioni illegali di palestinesi compiute dalle forze israeliane, dovrebbe comprendere tutte le armi e le munizioni, così come le forniture di sicurezza. Il Consiglio di sicurezza dovrebbe imporre anche sanzioni mirate, come il congelamento dei beni dei funzionari israeliani implicati nel crimine di apartheid.

Una denuncia coraggiosa

“Non sono una partigiana, anche se mi appassiona quello che faccio. Questa è prima di tutto una questione di giustizia, per i palestinesi, ma anche per gli israeliani: l’apartheid è una forma di corruzione e la violenza genera sempre violenza”. Così Francesca Albanese, 45 anni, neo Relatrice speciale sulla situazione dei diritti umani nei Territori palestinesi occupati, in una bella intervista ad Anna Maria Selini per Altreconomia. Quello palestinese, rimarca Albanese, “è un popolo che vive sotto occupazione militare da 55 anni. L’occupazione non è illegale di per sé, ma perché non giustificata, proporzionale o temporanea. Viola tre norme fondamentali: la proibizione di acquisizione di nuovi territori, con l’espandersi delle colonie; la proibizione del razzismo e il diritto all’autodeterminazione[…]L’occupazione si è trasformata in apartheid. Era inevitabile che il dibattito esplodesse prima o poi. Trovo incredibile come in Italia non se ne parli, con la connivenza dei media”.

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile