Top

Iran, la polizia assalta i dimostranti nella Sharif University: si teme il bagno di sangue

Le proteste anti-governative, iniziate al funerale della 22enne Mahsa Amini il 17 settembre nella città curda di Saqez, sono sfociate nella più grande manifestazione di opposizione alle autorità iraniane

Iran, la polizia assalta i dimostranti nella Sharif University: si teme il bagno di sangue
Proteste in Iran

globalist Modifica articolo

2 Ottobre 2022 - 22.58


Preroll

Si teme il bagno di sangue e la situazione è evoluzione: le forze di sicurezza iraniane si sono scontrate dell’ università di Teheran, nell’ultimo atto di una repressione criminale delle proteste a livello nazionale innescate dalla mortedi Massa Amini.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Le proteste anti-governative, iniziate al funerale della 22enne Mahsa Amini il 17 settembre nella città curda di Saqez, sono sfociate nella più grande manifestazione di opposizione alle autorità iraniane degli ultimi anni, con molti che chiedono la fine di più di quattro decenni di governo clericale islamico.

Middle placement Mobile

L’account Twitter dell’attivista 1500tasvir, che ha circa 160.000 follower, ha pubblicato diversi video che mostrano la Sharif University, tradizionalmente focolaio del dissenso, circondata da dozzine di poliziotti antisommossa.

Dynamic 1

Uno dei video mostrava le forze di sicurezza che sparavano gas lacrimogeni per allontanare gli studenti dal campus e si sentiva il srumore di spari.

Un altro video mostrava le forze di sicurezza che inseguivano decine di studenti intrappolati nel parcheggio sotterraneo dell’università. Il resoconto diceva che decine di studenti erano stati arrestati.

Dynamic 2

I media statali iraniani hanno descritto “rapporti di scontri” all’università e hanno affermato che il ministro della scienza del Paese ha visitato il campus per verificare la situazione.

Gli studenti hanno protestato in numerose università domenica e si sono tenute manifestazioni in diverse città come Teheran, Yazd, Kermanshah, Sanandaj, Shiraz e Mashhad, con i partecipanti che hanno cantato “indipendenza, libertà, morte a Khamenei”, hanno mostrato precedenti post sui social media.

Dynamic 3

Le proteste non sono diminuite nonostante un numero crescente di vittime e la repressione da parte delle forze di sicurezza utilizzando gas lacrimogeni, mazze e, in alcuni casi, secondo video sui social media e gruppi per i diritti umani, proiettili veri.

Iran Human Rights, un gruppo con sede in Norvegia, in una dichiarazione ha affermato che “finora sono state uccise 133 persone in tutto l’Iran”, comprese più di 40 persone che si dice siano morte negli scontri la scorsa settimana a Zahedan, capitale della provincia sudorientale del Sistan-Baluchistan .

Dynamic 4
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile