Israele, la deriva oltranzista del Likud: quando il figlio supera il padre
Top

Israele, la deriva oltranzista del Likud: quando il figlio supera il padre

Gli elementi più radicali hanno scalato posizioni e raggiunto i vertici del Likud. Gli allievi hanno superato il maestro quanto a posizioni oltranziste. Il che potrebbe creare problemi a “Re Bibi” Netanyahu in vista delle elezioni del 1° novembre.

Israele, la deriva oltranzista del Likud: quando il figlio supera il padre
Benjamin “Bibi” Netanyahu
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

14 Agosto 2022 - 12.55


ATF

Gli elementi più radicali hanno scalato posizioni e raggiunto i vertici del Likud. Gli allievi hanno superato il maestro quanto a posizioni oltranziste. Il che potrebbe creare problemi a “Re Bibi” in vista delle elezioni del 1° novembre. Questa gara a chi è più di destra a destra è il tratto caratterizzante il panorama politico d’Israele alle prese con le quinte elezioni anticipate in poco più di tre anni. Un record mondiale.

Deriva a destra

Globalist continua il suo “viaggio” nella politica israeliana. E lo fa, come è solito, giovandosi dei preziosi scritti delle firme più autorevoli del giornalismo israeliano. In questo caso Yossi Verter e Ravit Hecht. Al centro del racconto è il Likud. La sua radicalizzazione a destra che sta andando oltre la stessa volontà del suo “monarca” assoluto: Benjamin “Bibi” Netanyahu. 

Stiamo parlando di uno dei due partiti, l’altro è il Labor, che hanno fatto la storia dello Stato d’Israele. Il partito che fu di Menachem Begin Yitzhak Shamir, Ariel Sharon. Un pezzo di storia dello Stato ebraico.

Oltre il limite

Scrive su Haaretz Yossi Verter: “

Nel 2011, a metà del suo secondo mandato come primo ministro, Benjamin Netanyahu ha preso in considerazione l’idea di fare come Ariel Sharon: disertare il Likud insieme ai suoi legislatori responsabili e ricostruire il partito. Ha persino pensato di dare un morso a Kadima per creare un enorme partito centrista. Ehud Barak, all’epoca ministro della Difesa di Netanyahu, lo incoraggiò. A quei tempi, Netanyahu era estremamente limitato in termini di possibilità di ottenere il consenso del Comitato centrale del Likud. I “Feiglins” tra i membri del partito lo stavano rendendo infelice. Netanyahu disprezzava loro e il loro omonimo. Li vedeva come una versione israeliana del Tea Party negli Stati Uniti, una reazione razzista alla presidenza di Barack Obama che aveva iniziato a conquistare ampi settori del Partito Repubblicano. Undici anni dopo, Moshe Feiglin è stato cacciato in fondo alla lista del Likud. Non c’è bisogno di lui: Sono tutti Feiglin, Itamar Ben-Gvir e soprattutto Bibi-isti, membri del culto più pericoloso ed estremo di tutti. Non è il Tea Party, è l’arak hafla, per citare una delle più famose bordate di David Amsalem contro la Corte Suprema di Israele. Numero uno tra i diffamatori e gli abusatori, razzista certificato antiarabo e antiashkenazita, Amsalem è il grande vincitore delle primarie. È il simbolo e il volto del Likud 2022. La posizione elevata di Amsalem nella lista è di importanza cruciale, molto più, ad esempio, del gran numero di voti per Eli Cohen, la meno sorprendente delle sorprese. Cohen è un pallido rappresentante pubblico, un leccapiedi. Anche quando rappresentava Kulanu, il partito dello Stato di diritto, nel gabinetto, passava tutte le sere alle interminabili feste dei Likudniks. Yoav Gallant, un altro ex allievo del partito di Moshe Kahlon, ha fatto lo stesso, e anche lui ha passato il suo tempo a spianarsi la strada all’interno del Likud piuttosto che a occupare il posto di gabinetto che Kahlon gli ha dato. La maggior parte dei candidati eletti ai primi sei posti della lista del più grande partito israeliano, a partire dal presidente, ha giurato vendetta contro il sistema giudiziario: incarcerare l’ex procuratore generale, licenziare il suo successore, portare davanti a una commissione d’inchiesta coloro che hanno preso le decisioni sui casi criminali di Netanyahu, arrogare al gabinetto il potere di scegliere i giudici della Corte Suprema e assoggettare ai propri capricci i consulenti legali dei ministeri governativi, rendendoli loro servi anziché funzionari. Alcuni ricorrono a logori cliché come “riforme”, altri chiamano le cose con il loro nome: Amsalem, Yariv Levin, Amir Ohana e Yoav Kish. La squadra di demolizione che attende gli ordini dagli accusati.

Il governo dei sogni di Netanyahu

Affermazioni che in passato sarebbero state ascoltate solo dalle fazioni più lunatiche e messianiche di Israele, oggi escono dalla lingua di coloro che potrebbero presto essere ministri nel governo dei sogni di Netanyahu. Gli ultra-estremisti hanno vinto per ko contro i (relativamente) responsabili Likudniks che hanno saputo per lo più tenere a freno la lingua, non hanno fatto capricci in plenaria e hanno rabbrividito quando la deputata May Golan ha attaccato l’ex primo ministro Naftali Bennett con tutta la forza del suo linguaggio scurrile.

Leggi anche:  Gideon Levy: "Israele farà di tutto per negare la possibilità di uno stato di Palestina"

Tzachi Hanegbi e Keren Barak sono fuori. Yuli Edelstein, Yisrael Katz, Ofir Akunis e Gila Gamliel sono stati tutti retrocessi. Avi Dichter è sfuggito in qualche modo a questo destino. Nir Barkat, che era in testa nei sondaggi degli elettori delle primarie del Likud come successore di Netanyahu, è arrivato solo sesto nonostante le enormi somme spese – diverse volte di più per elettore rispetto a qualsiasi altro candidato. Della Top 5 del 2019 non rimane nulla: Gideon Sa’ar ha capito da che parte tirava il vento e ha lasciato il partito 18 mesi fa. Gilad Erdan ha fatto una scelta intelligente rimanendo alle Nazioni Unite. Non è certo che avrà un posto dove tornare.

Negli ultimi giorni, rendendosi conto della gravità della sua situazione, Hanegbi ha fatto ricorso ad apparizioni televisive di circostanza e ha diffuso online un video in cui parlava di quanto fosse orgoglioso di sostenere Netanyahu in un discorso particolarmente noto presso la Corte distrettuale di Gerusalemme. È stato troppo poco, troppo tardi e troppo maldestro. Dichter, che ha anche capito da che parte soffia il vento, ha adottato il linguaggio da bassifondi che piace tanto ai bibi-isti quando ha ripetuto di recente le bugie su ciò che presumibilmente si trova nel cellulare di Benny Gantz. Ecco quanto si è abbassato per ottenere il favore degli elettori delle primarie del Likud.

Molti dei candidati non sono contenti di ciò che si sono trovati a dire, ma girano per il Paese, incontrano gli elettori, li ascoltano e capiscono lo Zeitgeist. “Questo è il nuovo Likud”, hanno dichiarato mercoledì sera gli uomini di Netanyahu dopo aver visto i risultati degli exit poll, che hanno mostrato quanto profondo sia stato il cambiamento. Un nuovo Likud, o forse un Bibikud. O, per usare un’espressione che abbiamo già coniato qui, Bibistan, o Bibiland. Non è stato lasciato nulla di intentato. Quando Sa’ar è partito per fondare Nuova Speranza, ha detto ai suoi amici del gruppo parlamentare del Likud: “Ci sono tre possibilità: Una, parlare contro ciò che sta accadendo e prendersi la contraerea. Due: seguire la corrente e diventare uno di loro. Tre, rimanere in silenzio”.

Edelstein e Gamliel sono rimasti in silenzio. Altri, come Katz e Hanegbi, si sono messi a pancia in giù e si sono prostrati davanti a Cesare. Questo non è stato sufficiente per i Likudniks. Katz, il parlamentare  più longevo, il re del Comitato Centrale del Likud e il ministro più anziano degli ultimi governi del Likud, si è reso conto mercoledì che i suoi sogni di succedere a Netanyahu sono stati spazzati via dai nuovi venti del Likud, che lo hanno buttato fuori dalla Top 10.

Abbiamo già imparato che nulla è irreversibile. Ma è così che hanno governato 80.000 elettori. Non è un’onda passeggera. Corrotto e corruttore, il Bibi-ismo cospirativo si è diffuso nel sangue del partito, metastatizzando in tutti i suoi organi. I “Nuovi Likudnik” sembrano una triste barzelletta di un passato lontano. L’eredità di Menachem Begin è stata sepolta ieri oltre il recinto di Metzudat Ze’ev a Tel Aviv.

Netanyahu vuole questo potere extra per ottenere un patteggiamento migliore. Ma anche se ciò accadesse e lui sparisse dalla vita pubblica, nulla cambierebbe nel Likud. Il genio è uscito dalla bottiglia e niente può farlo tornare.

Le liste del figlio

Il presidente del Likud dovrebbe essere più preoccupato che soddisfatto. Non che non abbia motivi per essere soddisfatto. È riuscito a indebolire sistematicamente i centri di potere del suo partito utilizzando misure aggressive e legalmente sospette che solo lui poteva impiegare e far passare a buon mercato. (Come la sua decisione di togliere la selezione dei rappresentanti regionali dalle mani di qualche migliaio di membri del Comitato centrale per affidarla a decine di migliaia di iscritti al partito).

Leggi anche:  Netanyahu non si ferma e annuncia l'attacco a Rafah

Netanyahu è specializzato nel ridurre i potenziali “eredi” spingendoli verso il basso o eliminandoli completamente dal partito. Giovedì ha portato a termine un’altra mossa di questo tipo, mirata ai resti dei cosiddetti legislatori anziani del partito, quelli che si supponeva fossero troppo indipendenti o troppo potenti – e che quindi, dal suo punto di vista, costituivano una minaccia per lui. Tutte queste persone sono state eliminate. D’altro canto, i suoi tirapiedi, sia maschi che femmine, persone prive di contenuto o di essenza se non quella di strisciare e di essere sicofanti, sono stati valorizzati.

Tuttavia, il re di Nuova Cesarea dovrebbe ricordare la lezione appresa dal re Pirro nell’antica Grecia: Un’altra vittoria come questa e siamo perduti. Le prossime elezioni, concordano tutti, saranno determinate da due seggi della Knesset attualmente destinati alla destra “morbida”. Non si attirano questi elettori con Amsalem, Shlomo Karhi o Galit Distal-Atbaryan e nemmeno con Ohana. Un decennio fa, Netanyahu avrebbe eliminato queste persone dalle sue vicinanze. Ora sono la sua eco più autentica.

Una persona decente non si farebbe vedere in tale compagnia. Se Edelstein ha ancora un briciolo di dignità, dovrebbe dimettersi ora. La sua strada nel Likud è finita. Lui, insieme ad Hanegbi, Katz e Gamliel, non hanno capito quello che ha capito Yuval Steinitz. Nell’attuale atmosfera tossica che si è diffusa a tutti i livelli del partito sotto Netanyahu e il suo primogenito, le persone che rimangono in silenzio non hanno speranza. Steinitz ha saggiamente evitato l’umiliazione a cui è stato sottoposto Hanegbi. Forse un giorno il dottore in filosofia scoprirà un po’ di coraggio e integrità e dirà ciò che pensa veramente del presidente e della banda che lo circonda.

Queste primarie dimostrano la crescente forza di Yair Netanyahu, anche accanto alla madre, il cui potere nel triumvirato familiare si è indebolito. Osnat Mark è conosciuta come la più grande sicofante della moglie del leader, correndo da uno studio televisivo all’altro per spiegare perché Sara è davvero una “donna maltrattata”, come la signora si è definita in un modo contorto che fa vergognare tutte le donne veramente maltrattate. Questo non ha fatto alcuna impressione agli elettori delle primarie, che hanno dato a Mark un numero umiliante di voti. Al contrario, i beniamini di Netanyahu Junior, come il giornalista Boaz Bismuth, si sono classificati più in alto dei deputati veterani. Erez Tadmor, una strana creatura estremista dal passato losco, il favorito dichiarato del figlio Yair, ha ricevuto ben 15.000 voti (insufficienti per una realistica possibilità di entrare nella Knesset).

Ha vinto l’approccio brutale, frutto di una dottrina velenosa che il figlio ha insegnato al padre. Una chiara dimostrazione di ciò è venuta dalle donne che sono state elette. Keren Barak e Gamliel, che nutrivano entrambe delle riserve sul bibiismo estremo, entrambe donne moderate e serie, sono state battute. Chi ha vinto? Miri Regev. Più matura in politica, più diventa infantile, rozza e volgare. Così come l’urlante May Golan e il nuovo volto Tali Gottlieb, un’avvocatessa che ha avuto successo utilizzando attacchi che impiegano nozioni folli del genere “Stato profondo”, rivolte a chiunque non soddisfi i gusti di Netanyahu, sui pannelli obbedienti di Ayala Hasson su Channel 13 News. Gottlieb è l’incubo personale di molte donne vittime di stupro o aggressione. Mostra una sconcertante identificazione con i criminali sessuali che difende in tribunale, mentre offende le vittime. Netanyahu l’ha accolta calorosamente.

Leggi anche:  Le forze israeliane hanno preso d'assalto l'ospedale Nasser a Khan Younis

Per fortuna ci siamo liberati di un’altra candidata abituata a urlare e a farsi valere in ogni occasione, soprattutto alla Knesset. Si tratta di Orly Levy-Abekasis, la principessa dell’opportunismo e della presunzione. Ha pugnalato alle spalle molti sostenitori dopo essersi assicurata un posto nella loro lista di candidati, dopo aver fallito due volte l’elezione da sola. Ha dato un brutto nome all’opportunismo e agli autostoppisti politici, prima di essere gettata nel dimenticatoio della storia parlamentare. Ora avrà un po’ di tempo per imparare le buone maniere dal padre, l’ex ministro degli Esteri David Levy.

La fortuna del principiante di Lapid

I tre giorni di combattimenti con Gaza in cui sono stati uccisi due capi della Jihad islamica sono stati un’operazione assolutamente giustificata. Ha rotto l’equazione che gli iraniani stavano cercando di stabilire: L’arresto di un alto funzionario del terrorismo in Cisgiordania equivale a una risposta da Gaza. Questo è simile a ciò che Hamas ha fatto l’anno scorso in occasione della Giornata di Gerusalemme: La marcia delle bandiere nella capitale è stata seguita dal lancio di razzi.

Nessun Paese normale accetterebbe una situazione così folle. Oggi è del tutto evidente che il blocco imposto a migliaia di israeliani nei pressi di Gaza prima dell’inizio dei combattimenti ha salvato delle vite.

Lo scontro tra le Forze di Difesa Israeliane e la Jihad islamica si è concluso rapidamente senza morti da parte israeliana. Yair Lapid, diventato primo ministro cinque settimane prima, ha tratto le conclusioni dagli errori di due dei suoi predecessori, Netanyahu ed Ehud Olmert. Ha posto fine ai combattimenti dopo 72 ore, quando ha capito che un conflitto prolungato avrebbe comportato inutili pericoli sia per gli israeliani che per i gazawi.

La stragrande maggioranza degli israeliani è soddisfatta del modo in cui è stata condotta l’operazione e dei suoi due leader – anche tra gli elettori di destra, compresi quelli del Likud. Tuttavia, la stanchezza per lo scontro di Gaza ha attenuato l’aspetto politico. Netanyahu non è stato colpito dal fallimento della guerra di Gaza del 2014 e non ha guadagnato nulla dall’efficace combattimento di Israele con la Jihad islamica nel novembre 2019, quando la parte israeliana ha subito solo alcune ferite leggere.

In un ecosistema politico più sano di mente, Lapid avrebbe ottenuto più punti, in parte per l’inganno sulle vacanze cancellate e la presunta riluttanza del governo ad agire prima della festività di Tisha B’Av. Poi c’è stata la calma con cui sono stati effettuati gli attacchi preventivi. Questo ha riportato il colore sulle guance degli israeliani che vivono vicino a Gaza, vittime croniche degli attacchi missilistici.

Lapid ha beneficiato della fortuna del principiante: nessun drone ha attaccato accidentalmente un’area civile. L’esecuzione dell’attacco ai due leader della Jihad islamica, e l’intelligence che l’ha preceduto, sono andati alla perfezione, a differenza dei casi precedenti. Persino la visita di Itamar Ben-Gvir al Monte del Tempio non ha fatto degenerare la situazione. Lo stesso vale per le operazioni in corso in Cisgiordania, compresi i momenti potenzialmente infiammabili come l’uccisione di martedì di Ibrahim al-Nabulsi delle Brigate dei Martiri di Al-Aqsa a Nablus.

Lapid si è rafforzato un po’, anche se non tutto il blocco. Il presidente di Yesh Atid è il primo primo ministro di centro-sinistra da molto tempo a questa parte; il ruolo stesso e il fatto che non abbia commesso errori gli conferiscono una gravitas che gli mancava.

Yesh Atid ha il maggior potenziale di voti tra i partiti del “governo del cambiamento” e Lapid non lo metterà in pericolo per il bene dei partner più piccoli del blocco. Questa tendenza potrebbe mettere in pericolo gli altri partiti, che stanno vedendo il loro sostegno ridursi”.

(prima parte)

Native

Articoli correlati