Top

Gerusalemme stuprata dai fascisti del Monte del Tempio

Gerusalemme trasformata nel palcoscenico blindato su cui si è andata in scena la tragedia di un fondamentalismo feroce, animato da una bramosia di possesso assoluto che travolge tutto e tutti

Gerusalemme stuprata dai fascisti del Monte del Tempio

globalist

30 Maggio 2022 - 12.41


Preroll

Gerusalemme. ferita. Gerusalemme stuprata. Gerusalemme trasformata nel palcoscenico blindato su cui si è andata in scena la tragedia di un fondamentalismo feroce, animato da una bramosia di possesso assoluto che travolge tutto e tutti. Gerusalemme specchio di una irrisolta e forse irrisolvibile “questione israeliana”.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Gerusalemme violata.

Middle placement Mobile

Una questione che la Parata delle Bandiere di ieri ha riproposto in tutta la sua drammaticità. Globalist ne dà conto con l’analisi e la cronaca di due tra i giornalisti più accreditati di Haaretz, il quotidiano progressista di Tel Aviv, 

Dynamic 1

L’analisi è di Amos Harel: “Nonostante i grandi sforzi degli attivisti di estrema destra, la Parata delle Bandiere nella Città Vecchia di Gerusalemme non ha ancora portato a una grande conflagrazione tra Israele e i palestinesi. Invece, abbiamo assistito alla solita serie di manifestazioni razziste, a violenti tafferugli tra ebrei e arabi e a un generale senso di repulsione. Il dubbio risultato della marcia dell’anno scorso – quando Hamas rispose alla parata sparando razzi su Gerusalemme, portando all’ultimo round di combattimenti nella Striscia di Gaza – non è stato finora replicato.

La differenza di risultato potrebbe essere dovuta alle mutate circostanze. L’anno scorso, la leadership di Hamas a Gaza si era impegnata in anticipo a “difendere Al-Aqsa” dalle mosse di Israele. Questa volta, gli avvertimenti dell’organizzazione sono stati più generici e non hanno specificato le misure di ritorsione. L’intelligence dell’Idf non ha cambiato la sua valutazione nelle ultime settimane, secondo cui Hamas non è interessato a uno scontro militare diretto a Gaza.

Dynamic 2

Per la sua leadership è sufficiente incendiare Gerusalemme e la Cisgiordania, nella speranza che le fiamme si propaghino anche alla popolazione araba in Israele. Con i lavori di ricostruzione nella Striscia di Gaza che procedono con un certo slancio, un nuovo conflitto militare in questo momento sarebbe scomodo per Hamas. Si può ipotizzare che anche gli sforzi dei mediatori, membri dell’intelligence egiziana, abbiano avuto un effetto e che Hamas si aspetti una ricompensa, se continuerà a mostrare moderazione a Gaza. Lo scorso maggio, il governo Netanyahu aveva inizialmente approvato il percorso dei marciatori attraverso la Porta di Nablus e il quartiere musulmano. Il percorso del corteo è stato cambiato all’ultimo minuto, a causa di allarmi di intelligence sul lancio di razzi, ma Hamas li ha sparati comunque. Il governo Bennett ha agito diversamente. Qualche settimana fa aveva già dato il permesso pubblico di marciare attraverso la Porta di Damasco. La mossa è stata avvolta da molta retorica sulla sovranità, sul patriottismo e sulla nostra capitale eterna per sempre. Ma in pratica è scaturita in gran parte da esigenze politiche: Il Primo Ministro Naftali Bennett è sottoposto a forti pressioni da parte della destra, soprattutto da parte dei membri della sua lista Yamina. Qualsiasi tentativo di deviare il percorso o di contenere i marciatori avrebbe potuto innescare un’altra crisi nella sua coalizione, che ha già perso la sua solida maggioranza alla Knesset. Invece, oltre 3.000 poliziotti sono stati dispiegati a Gerusalemme, riducendo al minimo gli attriti violenti tra i marciatori e gli arabi. Ciononostante, si sono verificati e documentati più di un numero sufficiente di brutti incidenti, rendendo evidente che la visione razzista di Meir Kahane ha acquisito molti più seguaci nell’attuale generazione. L’accoglienza da re riservata dai festaioli all’anziano kahaniano, il parlamentare Itamar Ben-Gvir (Sionismo religioso), ha indicato la gravità della situazione. Nelle interviste rilasciate ai canali televisivi, vari oratori hanno parlato con nostalgia delle sfilate di bandiere degli anni ’70 e ’80, quando i marciatori erano il vecchio mainstream religioso, come manifestato da Bnei Akiva. Ma la verità è che la parata è stata dirottata molto tempo fa dagli estremisti più radicali. Le migliaia di giovani che vi hanno preso parte domenica hanno fatto da sfondo a una manifestazione violenta e pericolosa. Gli incidenti nella Città Vecchia, non lontano dal Monte del Tempio, saranno ripresi più volte nei prossimi giorni dai media palestinesi, sia sociali che istituzionali. Secondo l’intelligence israeliana, ciò che continua ad alimentare l’attuale ondata di terrore, iniziata circa due mesi e mezzo fa, è il Monte del Tempio – e il timore che il governo permetta di compromettere lo status quo, mettendo a rischio il controllo musulmano delle moschee. Ma il successo della polizia nel contenere le violenze di domenica fa sperare che l’attuale ondata possa ancora essere fermata.

Eppure gli eventi sul campo sono serviti a intensificare i sospetti dei palestinesi. In pratica, c’è stata una strisciante erosione dello status quo, a partire dal cambiamento halakhico che sta subendo il sionismo religioso (l’ampio movimento generale, non solo l’omonimo partito politico). Il tabù religioso di non salire sul monte stesso, vicino alle moschee, è stato eroso nel corso degli anni, fino quasi a scomparire. Ieri si è registrato un record: quasi 2.600 ebrei sono saliti sul Monte del Tempio in un solo giorno.

Dynamic 3

Poiché non ci sono state vittime, i violenti scontri avvenuti ieri nella Città Vecchia di Gerusalemme potrebbero essere presto dimenticati. Ma ci vorranno sicuramente diverse settimane di quiete quasi totale perché l’apparato di sicurezza riduca il livello di massima allerta nei territori e nella regione di confine e ritiri i rinforzi chiamati a fine marzo.

Ci sono ancora problemi di sicurezza in agguato su un altro fronte. Una settimana fa, l’alto comandante delle Guardie Rivoluzionarie iraniane Hassan Sayyad Khodaei è stato ucciso in un assassinio che Teheran attribuisce a Israele. Da allora, il regime iraniano ha rivolto diverse minacce a Israele. Pertanto, il livello di allerta è mantenuto alto, soprattutto per il timore di attacchi di rappresaglia contro cittadini israeliani e obiettivi all’estero”.

Dynamic 4

Così Harel

Una cronaca esemplare E’ quella di Nir Hasson. Ecco il racconto di una “domenica bestiale” a Gerusalemme.

Dynamic 5

Scrive Hasson: “Dopo alcuni anni relativamente tranquilli, poi un anno in cui la parata è stata cancellata a causa della pandemia di coronavirus e un anno in cui è stata deviata a causa delle tensioni sulla sicurezza, la Marcia delle Bandiere è tornata alla Porta di Damasco e al quartiere musulmano di Gerusalemme, in tutta la sua bruttezza.

Negli anni precedenti al 2020, sotto la pressione dell’Alta Corte di Giustizia, dei media e della polizia, gli organizzatori della marcia hanno cercato di minimizzare i canti violentemente razzisti dei partecipanti, e sembrava funzionare. I marciatori che hanno iniziato a cantare “Morte agli arabi” e “Che il tuo villaggio bruci” sono stati zittiti dagli organizzatori e minacciati di arresto dalla polizia. Le marce sono proseguite in relativa tranquillità, con alcuni negozi palestinesi lungo il percorso che sono persino rimasti aperti.

Quest’anno, tutto è stato invertito. Fin dal mattino, centinaia di marciatori e celebranti hanno iniziato a riempire le strade della Città Vecchia. Alla Porta di Moghrabi, le organizzazioni del Monte del Tempio hanno registrato il più alto numero di ebrei in un solo giorno dal 1967, con 2.600 arrivi al complesso. Alcuni si sono inchinati, altri hanno innalzato bandiere.

Nei vicoli vicini, decine di gruppi di giovani ebrei hanno cantato, imprecato e bloccato l’accesso ai palestinesi. Gli agenti di polizia hanno iniziato ad allontanare i palestinesi dalle strade e i commercianti hanno capito cosa stava per accadere e hanno chiuso i loro negozi. Alcuni gruppi hanno trovato vicoli senza poliziotti e sono entrati nei cortili privati, imprecando e affrontando i residenti arabi. Ma questo era solo l’inizio.

A mezzogiorno, altri gruppi di ebrei hanno iniziato ad affluire nella Città Vecchia e la marea è cresciuta fino all’inizio della marcia. Migliaia di persone hanno attraversato la Porta di Damasco, con la canzone più popolare sulle labbra, una canzone religiosa che è stata cantata alle famigerate nozze dell’odio, dopo il letale attacco incendiario a Duma, che termina con parole bibliche estrapolate dal contesto, che invitano ad accecare i palestinesi, “che il loro nome sia maledetto”, le ultime parole pronunciate in un urlo. Questa canzone ha sostituito una canzone che esaltava Gerusalemme, che veniva cantata durante la marcia negli anni precedenti.

I gruppi più estremisti hanno attraversato il cancello con entusiasmo estatico, cantando “Morte agli arabi” e “Che il tuo villaggio bruci”, “Maometto è morto”, “Shoafat sta bruciando” e altro ancora. Altri gruppi meno estremisti, che cantavano canzoni meno incendiarie, non potevano passare senza sbattere contro le porte di latta dei negozi chiusi. Si può solo immaginare cosa sia sembrato alle centinaia di famiglie palestinesi rimaste chiuse in casa per ore.

A volte sembrava che la polizia avesse perso il controllo. In un caso, un’anziana donna palestinese ha alzato le braccia in risposta alle imprecazioni ed è stata accolta con spray al peperoncino e calci dai celebranti. Quando è stata evacuata su una barella, le sono state lanciate contro delle bottiglie d’acqua. I palestinesi hanno risposto lanciando sedie e altri oggetti. Gli ebrei hanno usato gas lacrimogeni. In un altro caso, un giornalista palestinese è stato aggredito e, in un terzo caso, un marciatore ha estratto una pistola e ha minacciato i palestinesi nella piazza davanti alla Porta di Damasco.

Nelle strade adiacenti sono scoppiati scontri, con alcuni feriti segnalati dopo il lancio di pietre da entrambe le parti. Verso la fine della marcia, decine di ebrei hanno attaccato case e veicoli palestinesi a Sheikh Jarrah. I palestinesi hanno risposto lanciando pietre. Un ebreo è rimasto ferito.

La risposta alla domanda sul perché quest’anno la marcia sia tornata al suo formato precedente può essere trovata in due punti. Il primo è la campagna estremista dei bibi-isti, che ha investito la destra nel corso dell’ultimo anno. Tra le bandiere israeliane, alla marcia erano presenti altre tre bandiere: quella del Likud, quella con il volto di Benjamin Netanyahu e quella dell’organizzazione suprematista ebraica Lehava.

Sembra che l’odio nei confronti di tutto ciò che viene percepito come arabo, di sinistra o legato ai media si sia sedimentato per molti mesi nelle menti dei marciatori, trovando sfogo non appena attraversavano la Porta di Damasco o incontravano passanti palestinesi.

La seconda spiegazione è ciò che è accaduto alla marcia l’anno scorso. Il fatto che dopo 30 anni la marcia non abbia attraversato la Porta e il quartiere musulmano è stato percepito come una debacle che deve essere corretta, organizzando quest’anno una marcia più grande e più estremista.

Qua e là c’erano persone che cercavano di mettere a tacere le grida razziste e di calmare le acque, ma di solito venivano accolte con disprezzo, se non con vilipendio. Una di queste persone era Yaki Saada, del villaggio religioso Givat Washington, che ha discusso con decine di giovani nel tentativo di fermare i canti razzisti. “Mi fa impazzire”, ha detto. “Vengo qui ogni anno, per me è importante festeggiare ma non provocare le persone. Questi sono bambini piccoli senza pastore, non è ebraismo”, ha detto. Ma voci come la sua sono state soffocate dallo sbattere delle porte e dai canti razzisti.

Nei giorni precedenti la Giornata di Gerusalemme, a Gerusalemme è scoppiata una guerra di bandiere. È iniziata con il funerale della giornalista Shireen Abu Akleh, che ha visto sventolare le bandiere palestinesi sul Monte del Tempio e nei quartieri palestinesi. Gli ebrei hanno risposto con migliaia di bandiere durante la marcia, ma anche con enormi bandiere appese sulla vecchia municipalità e sul ponte degli accordi all’ingresso di Gerusalemme.

Anche le mura della Città Vecchia erano illuminate con bandiere israeliane. Sembrava che gli israeliani stessero vincendo questa guerra. Ma poi gli attivisti palestinesi sono riusciti a far volare un drone con la bandiera palestinese sopra i festeggiati alla Porta di Damasco. Non è stata un’impresa semplice, che ha richiesto l’elusione del monitoraggio della polizia. La polizia è riuscita ad abbatterlo con metodi tecnologici, ma si è trattato comunque di una piccola vittoria palestinese.

Alla fine della giornata, al momento in cui scriviamo, la Giornata di Gerusalemme si è conclusa in modo relativamente tranquillo. Potrebbe essere troppo presto per dire una benedizione, poiché l’esperienza passata dimostra che i teppisti si aggirano per le strade di Gerusalemme di notte, in cerca di vittime palestinesi.

A Sheikh Jarrah si è intensificato il lancio di pietre. Hamas, come previsto, non ha lanciato una nuova serie di ostilità e la polizia è riuscita a controllare la maggior parte degli incidenti senza feriti gravi. I marciatori torneranno a casa e noi passeremo alla prossima storia. Tra poco è Shavuot e la gente si reca al Monte del Tempio in mezzo a nuove tensioni.

Ma quali sono le reali implicazioni di una simile marcia? Che impronta lascerà nelle menti di migliaia di giovani che si sono infiammati di odio razzista e ultranazionalista? Quale impronta lascerà nei residenti palestinesi? Alle 20.30, davanti alla Porta di Damasco, con il terreno coperto di bottiglie di plastica, adesivi e aste di bandiere rotte, e con gli ultimi festeggiati che camminavano, il futuro appariva cupo”.

Fin qui Hasson.

Questa esibizione di forza e arroganza ripropone l’irrisolta “questione israeliana”. Una questione metapolitica. Perché investe la psicologia di una nazione, e pone un problema ancor oggi irrisolto: quello dell’identità. Individuale e collettiva. Che affonda in una memoria secolare, intrecciando religione, storia, politica. La questione israeliana come questione identitaria.

Identità ebraica e sistema democratico: erano i due pilastri su cui si reggeva l’utopia sionista, quella dei padri della patria. Settant’anni dopo la fondazione dello Stato d’Israele, l’uno, l’identità ebraica assolutizzata e costituzionalizzata, ha finito per minare l’altro: l’idea di una democrazia inclusiva.

Un’idea che muore nella Gerusalemme stuprata dai fanatici di Eretz Israel. Fascisti in kippah. 

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile