Top

Israele, il Negev ultima dose per i "drogati dell'occupazione"

Globalist ritorna sul tema di Israele, potenza colonizzatrice, con un “compagno di viaggio” altamente qualificato: Odeh Bisharat, firma storica di Haaretz.

Israele, il Negev ultima dose per i "drogati dell'occupazione"

Umberto De Giovannangeli

18 Gennaio 2022 - 15.37


Preroll

Negev,  l’ultima dose per i “drogati dell’occupazione”.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Globalist ritorna sul tema di Israele, potenza colonizzatrice, con un “compagno di viaggio” altamente qualificato: Odeh Bisharat, firma storica di Haaretz.

Middle placement Mobile

Scrive Bisharat: “Senza nuovi obiettivi in vista, il Negev rimane l’obiettivo finale per i drogati dell’occupazione. I giorni delle grandi conquiste sono finiti: Egitto, Siria, Giordania. E così, come un cammello che mastica la sua caramella, conquistano ciò che è già stato conquistato. E se finiscono gli obiettivi arabi, allora preparatevi ai carri armati che rotolano per le strade di Tel Aviv.

Dynamic 1

Nel frattempo, tutti i fiumi di incitamento scorrono nel Negev. L’artiglieria pesante dei media ha ammorbidito l’opinione pubblica in vista dell’imminente conquista. ‘Che fine ha fatto la governance’, gridano con rabbia i titoli dei giornali. Sentendo queste grida, si potrebbe essere tentati di pensare che il Negev stia per dichiarare l’indipendenza. Non resta che trovare un grafico che disegni la bandiera, un poeta che scriva le parole dell’inno nazionale e un compositore che lo metta in musica, e oh che gioia, gli arabi del Negev hanno uno stato.

Avevo pensato, ingenuamente, che la governance consistesse nel garantire mezzi di sussistenza, alloggi, istruzione, strade, acqua ed elettricità, ma quando si tratta di palestinesi, i leader del paese hanno un’interpretazione diversa: demolire le case, distruggere boschetti e frutteti, espropriare la terra – in breve, lo spostamento. Gli ebrei hanno un governo a cinque stelle; gli arabi hanno un governo da apartheid. Infatti, Colui che custodisce Israele non si assopisce né dorme. Il primo ministro Naftali Bennett sta giocando a fare Napoleone Bonaparte; quest’ultimo guardava le mura di Acri dal basso verso l’alto, e il primo guarda Rahat dall’alto verso il basso. Entrambi cercano la resa totale, ma Bennett ha fatto di meglio: Ha posato per le fotografie con una pistola, e per sottolineare il punto ha dichiarato. “Stiamo passando dalla difesa all’attacco”.Pochi giorni dopo che Bennett aveva assunto la sua posa da Bonaparte, un convoglio infinito di veicoli della polizia israeliana e della polizia di frontiera aveva già conquistato il sud. Il messaggio era assordantemente forte e chiaro: ogni granello di sabbia nel Negev è un fiero granello di sabbia ebraico, e un granello di sabbia ebraico non permetterà mai al piede di un non-ebreo di camminarci sopra, anche se i suoi antenati ci hanno vissuto per generazioni.

Dynamic 2

E così, sulla stessa fetta di terra, abbiamo avuto il privilegio di vedere due immagini completamente opposte. Nella prima, i figli del deserto protestano per il loro trasferimento; nella seconda, individui privilegiati piantano alberi. Un osservatore attento avrebbe notato che nella prima immagine, anche in mezzo al brutale attacco contro gli abitanti arabi, ci sono segni vividi di vita: bambini e adulti di tutte le età che fanno quello che la gente normale fa da generazioni – lottare per sopravvivere in mezzo al male. Il poeta druso palestinese con cittadinanza israeliana Samih al-Qasim ha scritto: “La bandiera dell’ultima generazione chiama la generazione futura: Io ho lottato, voi lottate”.

Per quanto riguarda la seconda immagine, è molto più pallida e la sua gioia artificiosa I momentanei sono venuti, si sono fatti fotografare in ridicole pose patriottiche e se ne sono andati in fretta. Sono fortunati che Tu Bishvat cada in gennaio. Se fosse stato in luglio, è quasi certo che non sarebbe venuto nessuno – non potrebbero sopportare il caldo del deserto in estate. Così, dopo tutte le cerimonie e le dichiarazioni, solo la gente del Negev è rimasta con la Madre Terra. Nel 1953, il primo ministro David Ben-Gurion si trasferì nel Negev. Sperava che masse di israeliani, ovviamente ebrei, lo avrebbero seguito. La realtà è più forte dei sogni, però, e le masse rimasero nel centro di Israele. Ma lo sforzo continuò. Agli ebrei – anche se vivevano a Boston – furono offerte fattorie nel deserto, centinaia di acri ciascuna: Venite e basta! Ma non vennero.

Dynamic 3

Questo è il luogo per spiegare che, nonostante la pesante nebbia della demagogia, la verità è che gli arabi occupano solo il 3% della terra del Negev. L’establishment, con il suo appetito vorace, ha dimenticato il 97% e brama il 3%. Quindi, a meno che non si uccidano, gli arabi non possono contribuire a mantenere il carattere ebraico del Negev.

Naomi Shemer scrisse una volta che “una Terra d’Israele che è vuota di ebrei è desolata e vuota”. L’establishment, con tutti i suoi rami, sta seguendo le orme della poetessa benpensante. Alcuni la vedono come il poeta nazionale, un poeta dell’apartheid.”.

Dynamic 4

Così Bisharat

Dal deserto alle Alture strategiche

Dynamic 5

Le Alture del Golan sono state conquistate da Israele nel 1967 e annesse ufficialmente nel 1980. La Siria, come del resto la comunità internazionale, non ha mai riconosciuto l’annessione e rivendica l’intero territorio,fino alla sponda del lago Tiberiade. Israele teme che Damasco, dopo aver sconfitto i ribelli, tenti un attacco sulle Alture, che porterebbe a una guerra aperta e diretta sui due Stati, dopo una cessate il fuoco che dura dal 1973.  Le guerre non si fanno per irredentismo. E se Israele, dopo la Guerra dei sei giorni, prese possesso di quelle alture e ne pretende il controllo nonostante le risoluzioni Onu contrarie, ha motivi molto pragmatici. Quell’area a est del lago di Tiberiade rappresenta un tassello fondamentaleper chiunque voglia avere il controllo della regione. Una prima ragione è di natura strategica. Incastonato fra Israele, Siria e Libano, il Golan ha una posizione invidiabile. Avere il controllo dei suoi rilievi, permette di avere il controllo a ovest su Tiberiade e parte della Galilea, e a est sulla pianura che scende fino a Damasco. Inoltre, riuscire a posizionare un avamposto militare sul monte Hermon (in arabo Jabal al-Shaykh) significa ottenere una torre da cui controllare i movimenti del nemico. Militarizzare le alture serve a monitorare tutto. Ma controllare le alture del Golan si traduce soprattutto nel controllare uno dei più grandi serbatoi idrici del Medio Oriente. E controllare l’acqua di una regione significa avere un potere contrattuale immenso su tutti gli Stati limitrofi Per l’agricoltura israeliana, avere accesso diretto alle acque del monte Hermon è fondamentale. Basandosi su un modello intensivo, ogni goccia d’acqua è essenziale. Secondo alcune stime, le acque del Golan forniscono a Israele un terzo del fabbisogno idrico del Paese. Già solo questo motivo rende chiaro perché Israele teme qualsiasi tentativo di riconquista da parte della Siria. Se è importante per Israele, tanto più lo è per la Siria, che di quelle risorse idriche è stata privata manu militari. L’acqua è un bene primario (tanto più per un Paese devastato dalla guerra) e l’economia siriana necessita di un approvvigionamento idrico costante. Inoltre, i cambiamenti della produzione agricola, specialmente nelle con la scelta del cotone al posto di altre piantagioni, hanno modificato radicalmente l’esigenza idrica del Paese, che è aumentata a dismisura. E ora la Siria vorrebbe quell’acqua di cui è stata privata. Chi ha in mano l’acqua, controlla la vita dei suoi vicini. Ma non c’è solo l’oro blu a motivare la centralità del Golan. E, novità dell’estate 2014, anche 10 siti che potrebbero nascondere riserve petrolifere.  La società incaricata delle perforazioni avrebbe tra gli azionisti anche Rupert Murdoch, il magnate dei media, e come consulente Dick Cheney, l’ex vicepresidente americano ai tempi di George W.Bush

 Risoluzione n. 497 (17 dicembre 1981)

Recita così: “Il Consiglio di Sicurezza dichiara nulla l’annessione israeliana delle Alture del Golan e chiede ad Israele di annullare immediatamente la propria decisione”.

E’ una delle 73 risoluzioni Onu disattese da Israele. Un record mondiale.

L’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, ha riconosciuto la sovranità israeliana sul Golan nel 2019. “Inutile dire che le alture del Golan sono israeliane”, ha sentenziato Bennett. Poco dopo l’insediamento di Biden, a gennaio di quest’anno, il segretario di Stato Usa, Antony Blinken, ha lasciato intendere che questa amministrazione non pensa di revocare la decisione, specialmente a guerra civile siriana in corso. Israele e Siria, che tecnicamente sono ancora in guerra, sono di fatto separate da un confine sulle alture del Golan.

Un reportage illuminante

E’ quello di Mohammad Al-Kassim/The Media Line, pubblicato da Ynet News(Traduzione a cura di AssoPacePalestina)

 “Il 14 dicembre 1981 è un altro giorno nero nella storia del Golan”, secondo lo sceicco Qasem Mahmoud al-Safadi di Majdal Shams, uno dei quattro villaggi drusi sulle alture del Golan. E ha aggiunto che la sua lealtà è con la Siria, la sua patria. “Diciamo loro che il Golan è una parte inseparabile della Repubblica Araba Siriana, e la legge di annessione è nata morta, e il suo valore non vale l’inchiostro su cui è stata scritta. Siamo arabi siriani; apparteniamo al popolo arabo siriano”, ha detto.

Le fertili colline del Golan controllato da Israele sono abitate da circa 25.000 drusi, una minoranza araba che pratica un ramo dell’Islam. Molti hanno ancora parenti sul lato siriano della frontiera fortificata. Oltre alla sua forte importanza strategica, essendo situata a meno di 100 miglia dalla capitale siriana Damasco, e affacciata sul nord di Israele, controlla anche il flusso d’acqua nel Mar di Galilea e nel fiume Giordano.

Hassan Fakhruddin afferma che Israele lo ha licenziato dal suo lavoro di insegnante per aver esortato i suoi studenti a non accettare la cittadinanza israeliana.

 “Abbiamo accettato le carte d’identità israeliane per facilitare il nostro movimento, ma rifiutiamo la cittadinanza israeliana”, ha detto. Nei sondaggi, a quanto pare, una maggioranza dei residenti drusi del Golan esprime lealtà al governo siriano e al suo presidente, Bashar Assad. Qui non è raro vedere la bandiera siriana sventolare in cima alle case.

Quattro decenni dopo che Israele ha annesso ufficialmente le alture del Golan e due anni dopo che l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha riconosciuto la sovranità di Israele sull’altopiano strategico, la maggior parte dei residenti arabi afferma di identificarsi ancora come siriani, ma la fedeltà al governo siriano non è più quella di una volta.

Salman Fakhruddin, residente a Majdal Shams, ha dichiarato a The Media Line che le sue opinioni politiche non coincidono con quelle della maggior parte dei residenti drusi del Golan, che sostengono il governo di Assad. “Ho una profonda inimicizia con lui e con coloro che lo hanno preceduto. Questo è un regime personale e un sistema di ladri basato su una sfacciata repressione”, ha affermato.

Salman Fakhruddin dice che la guerra civile in Siria ha “complicato” le cose nelle alture del Golan. Accusa il governo siriano e le sue politiche di indurre i residenti dell’altopiano roccioso a pensare a un’alternativa alla loro cittadinanza siriana.

“Israele occupa il Golan. Tuttavia, la realtà che stiamo vivendo, con la crisi siriana e le difficoltà economiche incontrate dai residenti della zona, ha causato un cambiamento nella posizione anti-israeliana nel Golan: l’occupazione offre condizioni umane migliori rispetto al nostro stato nazionale, e questa è una vergogna per il regime al potere. Questa è una grande vergogna”, ha detto.

La controversa decisione di Trump è stata criticata dalla comunità internazionale, la maggior parte della quale considera le alture del Golan come un territorio occupato…Israele ha chiamato un insediamento “Trump Heights” per mostrare la sua gratitudine, all’ex presidente che ha riconosciuto le alture del Golan come parte di Israele. “Non abbiamo problemi con il popolo americano, ma diciamo ai leader americani di avere il dovuto timor di Dio, prendere la decisione giusta e non soccombere al sionismo. Respingiamo completamente le parole di Trump. Se Trump è così generoso, dovrebbe dare Washington o New York all’entità sionista, non il Golan. Questa non è una sua proprietà privata”, ha detto Safadi.

L’Autorità Israeliana per la Popolazione e l’Immigrazione afferma che le richieste di cittadinanza sono aumentate negli ultimi anni, un’affermazione contestata dai residenti del Golan.

Dallo scoppio della guerra civile siriana nel 2011, il valico di Quneitra, il principale punto di transito per i residenti del Golan, è stato chiuso. Safadi accusa il governo israeliano di impedire ai drusi di comunicare con i loro parenti in Siria, nonostante Israele dica che ciò è dovuto al ripristino del controllo siriano sul valico.

 “Non possiamo più mandare i nostri figli a studiare nelle università siriane, i religiosi non possono viaggiare, non possiamo più sposarci con la nostra gente in Siria, e non possiamo esportare le nostre mele e ciliegie in Siria come una volta “, ha detto. Nonostante il dichiarato stato di guerra tra le due parti, l’area è rimasta relativamente calma, e mentre la Siria è invischiata nella sua sanguinosa guerra civile, Israele ha affermato il suo controllo sulle alture del Golan”.

Golan, Cisgiordania. E ora il Negev. La “Grande Israele” non conosce confini. 

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage