Top

La Ong: "Così al confine tra Polonia e Bielorussia i migranti subiscono abusi e violenze"

Lo dice un lungo rapporto di Human Rights Watch, pubblicato oggi, dal titolo "'Morire qui o andare in Polonia: Bielorussia e la responsabilità condivisa della Polonia per gli abusi alle frontiere"

Migranti al confine tra Bielorussia e Polonia

globalist

24 Novembre 2021


Preroll

 Una vergogna per l’Europa e un posto nel quale, come ha detto il cardinal Bassetti, quello che sta avvenendo è contrario al Vangelo.

OutStream Desktop
Top right Mobile

“La crisi al confine tra Bielorussia e Polonia sta portando a gravi violazioni dei diritti umani contro migranti e richiedenti asilo da parte di entrambi i governi”.

Middle placement Mobile

Lo dice un lungo rapporto di Human Rights Watch, pubblicato oggi, dal titolo “‘Morire qui o andare in Polonia: Bielorussia e la responsabilità condivisa della Polonia per gli abusi alle frontiere”. Il report documenta gravi abusi su entrambi i lati del confine. Le persone intrappolate al confine tra Bielorussia e Polonia hanno affermato di essere state respinte, a volte con violenza, dalle guardie di frontiera polacche in Bielorussia nonostante la richiesta di asilo. Da parte bielorussa, i resoconti di violenza, trattamento inumano e degradante e coercizione da parte delle guardie di frontiera bielorusse erano all’ordine del giorno.

Dynamic 1

“Mentre la Bielorussia ha prodotto questa situazione senza tener conto delle conseguenze umane, la Polonia condivide la responsabilità per le gravi sofferenze nell’area di confine”, sottolinea Lydia Gall, ricercatrice senior per l’Europa e l’Asia centrale presso Human Rights Watch. “Uomini, donne e bambini hanno subito ping pong oltre il confine per giorni o settimane sotto il gelo, avendo un disperato bisogno di assistenza umanitaria che viene bloccata da entrambe le parti”.


Storie di persone intrappolate al confine Gli operatori di Human Rights Watch sono andati in entrambi i paesi nell’ottobre 2021 e hanno condotto interviste approfondite con 19 persone, tra cui uomini single, famiglie con bambini e donne che viaggiano da sole. Intrappolati dalla parte bielorussa, bloccati o persi dalla parte polacca, le persone raccontavano storie strazianti di arrancare attraverso foreste, paludi, paludi e fiumi a temperature gelide per giorni e persino settimane senza cibo o acqua. Alcuni hanno affermato di essere stati costretti a bere acqua di palude o raccogliere l’acqua piovana in foglie da bere. Almeno 13 persone sono morte a causa di condizioni disumane, tra cui un bambino siriano di 1 anno.

Dynamic 2


Un uomo di 35 anni della Repubblica Democratica del Congo, in viaggio con sua moglie e 3 figli, tutti sotto i 7 anni, ha affermato che la sua famiglia è stata respinta due volte dalle guardie di frontiera polacche a ottobre. Durante il secondo incidente, ha detto di aver chiesto asilo alle guardie polacche, ma che non avrebbero ascoltato: “Hanno detto: ‘Non c’è asilo, non c’è niente, torna da dove sei venuto!’ e ci ha fatto tornare in Bielorussia, in zona neutrale”. Lo stallo di metà novembre al valico di frontiera di Bruzgi, dove sono rimaste intrappolate migliaia di persone, è il culmine degli sviluppi dallo scorso maggio a seguito del dirottamento da parte dello stato da parte della Bielorussia di un aereo Ryanair per arrestare un passeggero. Il suo arresto ha innescato sanzioni dell’Unione Europea contro la Bielorussia, alle quali il presidente bielorusso Aleksandr Lukashenko ha risposto affermando che avrebbe aperto il confine bielorusso ai migranti facilitando i visti.
Da agosto, migliaia di persone, principalmente dalla Siria, dall’Iraq e dallo Yemen, si sono recate nella capitale Minsk in Bielorussia, attraverso tour operator turistici con sede in Medio Oriente, affermando false di un facile ingresso nell’UE. Tre persone hanno detto a Human Rights Watch che le guardie di frontiera polacche hanno separato le loro famiglie, compresi i genitori dai loro figli, quando hanno portato le persone bisognose di cure mediche in ospedale, ma hanno respinto gli altri membri della famiglia in Bielorussia. Una donna siriana che le guardie di frontiera polacche hanno deciso di aver bisogno di cure mediche è stata separata dal figlio di 5 anni alla fine di ottobre, che, insieme ad altri membri della famiglia, è stato respinto in Bielorussia. Ancora in Polonia, non aveva avuto contatti con la sua famiglia da quando era stata separata da loro. In risposta a una lettera di Human Rights Watch, le autorità polacche hanno negato di essersi impegnate in respingimenti, separazione di famiglie o rifiuto di prendere in considerazione le richieste di asilo. Tuttavia, citando un recente emendamento alla legge in Polonia, hanno affermato che i funzionari di frontiera sono stati autorizzati a rimpatriare immediatamente le persone che hanno attraversato il confine illegalmente e, a partire dal 16 novembre 2021, i funzionari di frontiera hanno impedito a 29.921 di attraversare illegalmente quest’anno.

A seguito dei respingimenti polacchi, hanno affermato gli intervistati, le guardie di frontiera bielorusse li hanno detenuti e abusato di loro in “luoghi di raccolta”, spazi aperti in cui i migranti sono stati raccolti e intrappolati, senza cibo, acqua o riparo e gli è stato impedito di tornare a Minsk o nei propri paesi. Le autorità bielorusse non hanno risposto alla richiesta di Human Rights Watch di commentare i risultati Fino al 18 novembre, migliaia di persone dalla parte bielorussa dormivano in un campo di fortuna a Bruzgi, uno dei principali valichi di frontiera. Le autorità bielorusse hanno smantellato il campo e, secondo quanto riferito, hanno sistemato almeno alcune delle persone in un magazzino nelle vicinanze, anche se la situazione e il luogo di coloro che erano stati nel campo improvvisato sono sconosciuti. “Le autorità bielorusse e polacche hanno l’obbligo di prevenire ulteriori morti garantendo un regolare accesso umanitario alle persone bloccate nell’area di confine” sottolinea Human Rights Watch. Entrambi i paesi dovrebbero anche fermare immediatamente i respingimenti da ping-pong e consentire agli osservatori indipendenti, inclusi giornalisti e operatori per i diritti umani, l’accesso alle aree di confine attualmente limitate. Ad agosto e settembre, la Corte europea dei diritti dell’uomo ha incaricato la Polonia di fornire cibo, acqua, vestiti, cure mediche adeguate e, se possibile, un rifugio temporaneo alle persone al confine. La Corte europea non ha giurisdizione sulla Bielorussia. L’abuso delle persone da parte della Bielorussia ai suoi confini equivale almeno a un trattamento o una punizione inumani o degradanti e può in alcuni casi costituire tortura, in violazione degli obblighi legali internazionali della Bielorussia. Le autorità dovrebbero immediatamente fermare le pratiche abusive e chiedere conto ai responsabili degli abusi.

Dynamic 3


Le responsabilità europee Le pratiche di respingimento da parte delle guardie di frontiera polacche violano il diritto di asilo ai sensi del diritto dell’UE, compresa la Carta dei diritti fondamentali, creano un rischio di respingimento a catena contrario al diritto internazionale dei rifugiati ed espongono le persone a condizioni disumane e degradanti, in violazione del diritto polacco e dell’Ue. La Commissione europea non è riuscita a parlare pubblicamente della responsabilità della Polonia per gli abusi e la crisi umana al suo confine, né a chiedere chiaramente alla Polonia di smettere di bandire i media e i gruppi umanitari dalle aree in cui si verificano gli abusi. “La Commissione europea dovrebbe iniziare a mostrare solidarietà alle vittime al confine di entrambe le parti che soffrono e muoiono”, afferma Gall. “La Bielorussia potrebbe aver orchestrato la crisi, ma ciò non assolve la Polonia e le istituzioni dell’UE dai loro obblighi in materia di diritti umani. Bruxelles dovrebbe spingere Varsavia a mettere la conservazione della vita umana al centro della sua risposta”.

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage