Top

Il candidato presidente dell'Interpol è stato accusato di tortura da due cittadini britannici

L'accusa dei due cittadini a Ahmed Naser al Raisi è quella di aver supervisionato le loro torture mentre erano detenuti negli Emirati Arabi

Ahmed Naser al Raisi

globalist

24 Novembre 2021


Preroll

Ahmed Naser al Raisi, funzionario del governo degli Emirati Arabi Uniti dove è ispettore generale per il Ministero dell’Interno, è uno dei favoriti a ricoprire la carica di nuovo presidente dell’Interpol. Ma due cittadini britannici che in passato sono stati detenuti negli Emirati Arabi hanno accusato al Raisi di aver supervisionato le loro torture. 

OutStream Desktop
Top right Mobile

I due si chiamano Matthew Hedges e Ali Issa Ahmad. Il primo è un dottorando britannico accusato dagli Emirati Arabi di spionaggio nel 2018, detenuto per sette mesi. Il secondo è un tifoso di calcio che nel 2019 si era recato negli Emirati per vedere una partita di calcio Iraq-Qatar e aveva indossato una maglietta del Qatar, gesto vietato data l’inimicizia tra i due stati. È stato detenuto per due settimane. 

Middle placement Mobile

I due hanno più volte denunciato (anche in sede legale) di essere stati torturati durante la detenzione e or hanno avviato una causa per impedire che al Raisi diventi il nuovo presidente della Polizia Internazionale. Sostengono che la sua nomina equivarrebbe a una legittimazione della tortura. 

Dynamic 1
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage