Chi è Michele Fiore, la trumpiana adoratrice del dio pistola che vuole conquistare il Nevada
Top

Chi è Michele Fiore, la trumpiana adoratrice del dio pistola che vuole conquistare il Nevada

Originaria di New York, Fiore è stata deputata nell'assemblea parlamentare del Nevada dal 2012 al 2016, mentre attualmente è consigliera comunale a Las Vegas. 

Michele Fiore
Michele Fiore
Preroll

globalist Modifica articolo

26 Ottobre 2021 - 18.41


ATF

È salita recentemente agli onori delle nostre cronache (ma è già piuttosto conosciuta negli Usa) Michele Fiore, 51enne repubblicana, trumpiana della prima ora, che si è candidata al ruolo di Governatore del Nevada e il cui programma politico è sintetizzato in 3 punti principali che mostra in uno spot di 50 secondi che è diventato virale sul web. 

Dopo essersi presentata, Fiore rivendica con orgoglio il suo essere una sostenitrice di Donald Trump e racconta di essere stata attaccata per questo motivo (“L’amministrazione Biden mi sta dando la caccia”). Fiore presenta poi il suo ‘Three shot plan’, letteralmente ‘piano in tre colpi’: bandire l’obbligatorietà dei vaccini, indagare sulle frodi elettorali e bandire la Ctr, ossia la Critical Race Theory, ossia una teoria che sostiene l’esistenza di un razzismo sistemico all’interno della giurisprudenza statunitense. 
Originaria di New York, Fiore è stata deputata nell’assemblea parlamentare del Nevada dal 2012 al 2016, mentre attualmente è consigliera comunale a Las Vegas. 
Non è la prima volta che Michele Fiore fa parlare di sé per il modo in cui si spende a favore del secondo emendamento della Costituzione Usa, quello che riconosce ai cittadini americani il diritto di detenere armi: il Daily Mail ricorda infatti che nel 2015 Fiore inviò cartoline per gli auguri di Natale con una foto di famiglia in cui i parenti erano raffigurati con pistole semi-automatiche, compreso il nipote Walther di cinque anni.
All’epoca Fiore si difese dalle critiche affermando che nella foto il bambino non teneva le dita sul grilletto. 

Leggi anche:  Salvini in ginocchio da Trump per strappare a Meloni il voto estremista
Native

Articoli correlati