Sanders e Ocasio-Cortez a fianco della resistenza palestinese: stop alla colonizzazione israeliana
Top

Sanders e Ocasio-Cortez a fianco della resistenza palestinese: stop alla colonizzazione israeliana

L’eco di questa resistenza popolare nel cuore di Gerusalemme Est ha varcato l’Oceano e ha raggiunto gli Stati Uniti. 

Bernie Sanders e Ocasio-Cortez
Bernie Sanders e Ocasio-Cortez
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

9 Maggio 2021 - 17.38


ATF

La rivolta di “Damascus Gate” e la resistenza dei palestinesi di Sheikh Jarrah non si arresta. Nonostante la repressione israeliana che ha provocato centinaia di feriti. L’eco di questa resistenza popolare nel cuore di Gerusalemme Est ha varcato l’Oceano e ha raggiunto gli Stati Uniti. 

A darne conto è Ben Samuels, corrispondente da Washington di Haaretz, il quotidiano progressista di Tel Aviv. “Un numero sempre crescente di congressisti democratici chiede all’amministrazione Biden di chiarire al governo israeliano che lo sfratto dei palestinesi dalle case sulle terre rivendicate dai coloni ebrei a Gerusalemme deve cessare immediatamente.

I democratici si schierano 

I senatori Bernie Sanders, Elizabeth Warren, Chris Van Hollen e Chris Murphy hanno chiesto a Israele di fermare gli sforzi per sfrattare i residenti palestinesi dalle loro case nel quartiere di Sheikh Jarrah a Gerusalemme Est, sulla base delle rivendicazioni dei coloni ebrei, mentre i deputati alla Camera Alexandria Ocasio-Cortez, Gregory Meeks, Andy Levin, Pramila Jayapal e Ayanna Pressley hanno anche espresso il loro sgomento.

“La rimozione forzata dei residenti palestinesi di lunga data a Sheikh Jarrah è ripugnante e inaccettabile”, ha twittato Warren, dicendo che l’amministrazione deve chiarire a Israele che questi sfratti sono illegali.

“Gli Stati Uniti devono parlare con forza contro la violenza degli estremisti israeliani alleati del governo a Gerusalemme Est e in Cisgiordania, e chiarire che gli sfratti delle famiglie palestinesi non devono andare avanti”, ha detto Sanders. Murphy – presidente della sottocommissione per le relazioni estere del Senato degli Stati Uniti per il Vicino Oriente, l’Asia meridionale, l’Asia centrale e il controterrorismo – ha notato la sua profonda preoccupazione per la recente violenza e ha incoraggiato tutte le parti a esercitare la moderazione. Gli sfratti dei residenti palestinesi, che hanno vissuto nelle case del quartiere di Sheikh Jarrah a Gerusalemme Est per una generazione, sono ingiustificati e devono finire. Così come gli attacchi dei coloni israeliani contro i palestinesi, gli attacchi palestinesi contro gli ebrei israeliani e i lanci di razzi e mortai di Hamas”, ha detto il senatore del Connecticut, aggiungendo che era anche preoccupato per “l’approccio militarizzato delle forze israeliane a questi disordini, che sta aggravando, piuttosto che deescalare, la situazione”.

Meeks, presidente della commissione affari esteri della Camera, ha definito la situazione a Sheikh Jarrah “profondamente preoccupante” e ha invitato i residenti, i leader e i funzionari di Gerusalemme a garantire che Gerusalemme sia una città dove regna la coesistenza, non la violenza. Il senatore Chris Van Hollen del Maryland ha invitato l’amministrazione a parlare con decisione della violenza. “Gli sfratti delle famiglie a Gerusalemme Est violerebbero il diritto internazionale”, ha twittato. “Se l’amministrazione Biden mette lo stato di diritto e i diritti umani al centro della sua politica estera, questo non è un momento per dichiarazioni tiepide”. 

Leggi anche:  Dopo la messa al bando al-Jazeera non ha più personale che opera in Israele

Ocasio-Cortez ha definito la situazione a Sheikh Jarrah “disumana” e ha chiesto che gli Stati Uniti mostrino una leadership nella salvaguardia dei diritti umani. “Dalla violenza paramilitare in Colombia e Shiekh Jarrah, alla detenzione di bambini sul nostro stesso confine e la militarizzazione dei dipartimenti di polizia degli Stati Uniti, gli Stati Uniti devono valutare seriamente il loro ruolo nella violenza di stato e condizionare gli aiuti”, ha aggiunto.

Ocasio-Cortez e Levin hanno entrambi manifestato la loro costernazione per il fatto che questi eventi si stanno verificando durante gli ultimi giorni del Ramadan, con Levin che allo stesso modo ha esortato il Dipartimento di Stato a lavorare per deescalation immediatamente prima di portare entrambe le parti al tavolo per una soluzione a lungo termine.

 Jayapal, presidente del Congressional Progressive Caucus, ha detto che “non possiamo semplicemente stare a guardare questo crudele, continuo, illegale, forzato spostamento di palestinesi a Sheikh Jarrah. Il Dipartimento di Stato deve intervenire immediatamente con responsabilità”.

Pressley ha dichiarato”Sono solidale con i residenti palestinesi di Sheikh Jarrah, a Gerusalemme Est, che sono stati rimossi con la forza dalle loro case – nel mezzo di una pandemia, durante il Ramadan. Questo è inaccettabile”.

La crescente critica arriva un giorno dopo che diversi democratici progressisti della Camera hanno denunciato gli eventi di Sheikh Jarrah, sollecitando il Dipartimento di Stato a fare pressione su Israele sulla questione. Due di questi legislatori, i repubblicani Marie Newman e Mark Pocan, stanno facendo circolare una lettera destinata al Segretario di Stato Antony Blinken nella quale i piani di sfratto vengono definiti “una chiara violazione della quarta Convenzione di Ginevra”.

Chiedono anche un’indagine per sapere se lo “sfollamento forzato dei palestinesi” da parte di Israele viola due leggi statunitensi che affermano che le armi degli Stati Uniti devono essere vendute solo per legittima autodifesa e che proibiscono il finanziamento degli Stati Uniti a forze militari straniere sospettate di abusi dei diritti umani. Il Dipartimento di Stato ha rilasciato il suo commento più ampio sul conflitto israelo-palestinese fino ad oggi venerdì, esprimendo profonda preoccupazione per gli sgomberi ed esortando Israele ad evitare passi che potrebbero esacerbare le tensioni, invitando sia le autorità israeliane che palestinesi ad agire con decisione per de-escalation la situazione”.

Fin qui la corrispondenza di Samuels.

Escalation di violenza

Nella notte disordini e scontri tra palestinesi e polizia israeliana all’ingresso della Città Vecchia di Gerusalemme, mentre decine di migliaia di fedeli musulmani pregavano nella vicina moschea di al-Aqsa. Secondo la Mezzaluna Rossa palestinese, almeno 100 persone sono rimaste ferite, tra le quali un bambino di un anno, e 14 sono state portate in ospedale. La polizia israeliana ha riferito che ci sono stati una ventina di soldati e almeno un agente feriti.    Le autorità islamiche stimano che ci fossero 90 mila persone radunate per le preghiere notturne nella moschea di al-Aqsa, il terzo luogo più sacro dell’Islam, per festeggiare Laylat al-Qadr, che commemora la notte in cui il Corano fu rivelato per la prima volta al profeta Maometto.      Violenti scontri sono stati segnalati anche vicino alla Grotta dei Patriarchi a Hebron.  

Leggi anche:  Abusi e torture contro palestinesi rinchiusi in un campo nel deserto: la denuncia di tre testimoni israeliani

Israele ha bombardato all’alba a Gaza un obiettivo di Hamas, il Movimento di resistenza islamica che controlla l’enclave: è stata la rappresaglia al lancio di un razzo avvenuto poche ore prima dalla Striscia verso Israele, un lancio avvenuto durante una notte di scontri a Gerusalemme Est, dove la tensione sta montando dopo l’irruzione venerdì della polizia israeliana nella Spianata delle Moschee.    Gruppi di giovani palestinesi hanno successivamente lanciato palloni incendiari da Gaza verso Israele e minacciato che continueranno le “attività'” stamane al muro di separazione dell’enclave con Israele.      Il mese di Ramadan, che si conclude mercoledì, ha registrato una crescente tensione a Gerusalemme Est, tensione che si riverbera a Gaza e nella Cisgiordania occupata. Le milizie hanno lanciato 36 razzi dalla Striscia nella notte tra il 23 e il 24 aprile, in una giornata di particolare tensione perche’ gli israeliani avevano bloccato la Porta di Damasco, l’ingresso principale alla Città Vecchia, il che ha scatenato le proteste palestinesi.  

I residenti di Sheikh Jarrah sono in maggioranza palestinesi, ma il quartiere contiene anche un sito venerato dagli ebrei religiosi come la tomba di un antico sommo sacerdote, Shimon Hatzaddik.

Il portavoce dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Diritti Umani ha detto che gli sgomberi, “se ordinati e attuati, violerebbero gli obblighi di Israele secondo il diritto internazionale” sul territorio di Gerusalemme Est che ha catturato e occupato nella guerra in Medio Oriente del 1967.

Al centro di una lunga battaglia legale sulla proprietà delle case abitate da famiglie palestinesi, Sheikh Jarrah vive da anni espulsioni a favore dei coloni israeliani.  Stavolta nel mirino ci sono 40 palestinesi (di cui 10 bambini) su cui si attendeva ieri la decisione della Corte suprema israeliana. Che, dopo aver invitato le parti a trovare un compromesso, ha rinviato l’udienza a lunedì 10 maggio, giornata che si prospetta ancora più calda visto che coinciderà con le celebrazioni israeliane del Jerusalem Day, ovvero l’occupazione della zona est nel 1967.

Leggi anche:  L'ambasciata di Israele si dice 'sconvolta' per l' antisemitismo in Vaticano

Dal 1970 Israele ha una legge che permette a tutti i profughi ebrei provocati dalla guerra del 1948 di tornare nelle proprie case: anche se si trovano al di là dei confini riconosciuti dall’Onu, come nel caso di Sheikh Jarrah.

Da allora i discendenti dei profughi palestinesi che si sono trasferiti nel 1956 nei pressi della tomba di Simeone il Giusto cercano di resistere ai tentativi di sfratto. La battaglia legale – che riguarda meno di 500 persone – ha assunto una portata più ampia quando negli anni Novanta la proprietà nominale dei terreni intorno alla tomba è stata venduta a Nahalat Shimon, un’organizzazione radicale religiosa di coloni israeliani che ha come obiettivo esplicito quello di ridurre la presenza araba a Gerusalemme, per rendere impraticabile la possibilità di fare di Gerusalemme Est la capitale di un ipotetico futuro Stato palestinese.

Allarme rosso

I responsabili  dei servizi di intelligence israeliani – rivela Haaretz – hanno avvertito i politici che tenere gli eventi del Jerusalem Day come al solito potrebbe far divampare le fiamme a Gerusalemme Est e far intensificare la violenza che è scoppiata nella zona negli ultimi giorni.

In una riunione di valutazione della situazione con esponenti del governo, gli alti rappresentanti della difesa hanno chiesto di cambiare la data della tradizionale marcia delle bandiere del Jerusalem Day, o almeno di limitare il numero dei partecipanti e di cambiare il percorso, in modo da non passare attraverso zone tese della città.

Se gli ebrei entrano nel Monte del Tempio lunedì, la violenza potrebbe diffondersi a Gaza e in Cisgiordania, hanno avvertito i responsabili  della sicurezza. Tuttavia, ci si aspetta che la polizia permetta alla “Marcia delle Bandiere”, in cui i giovani religiosi sionisti sfilano attraverso Gerusalemme Est con bandiere israeliane per ricordare la riunificazione della città nel 1967, di svolgersi lunedì, e di passare attraverso la Porta di Damasco e il quartiere musulmano sulla strada per il Muro Occidentale. Secondo il capo della polizia del distretto di Gerusalemme, Doron Turgeman, la zona della Porta di Damasco e la strada principale tra la porta e il Muro Occidentale, via Hagai, saranno chiuse ai musulmani dal pomeriggio fino alle 19:30, e i residenti della zona saranno indirizzati a entrare nella Città Vecchia attraverso altre porte. Ma la tensione è alle stelle. E per Gerusalemme si prepara un lunedì di fuoco. 

 

 

Native

Articoli correlati