Top

Truffa in Palestina. Vince Barghouti, cancelliamo le elezioni...

Il 33,5% degli intervistati in un sondaggio voterebbe per il dirigente imprigionato da Israele. Il 24,5% voterebbe per Abu Mazen) il 10,5% voterebbe per Ismail Haniyeh e il 31,5% non ha risposto

Marwan Bargouthi, il militante palestinese condannato a 5 ergastoli in Israele
Marwan Bargouthi, il militante palestinese condannato a 5 ergastoli in Israele

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

27 Aprile 2021 - 14.35


Preroll

Non sono sicuro di vincere le elezioni? E allora provo a cancellarle, magari con l’aiuto israeliano. Semplice, no? Questo sta accadendo in Palestina. Il perché lo spiega molto bene il risultato del più I recente sondaggio di opinione pubblica condotto dal Jerusalem Media and Communications Center (JMCC) in collaborazione con il Friedrich Ebert Stiftun. Il sondaggio mostra  che Marwan Barghouthi (imprigionato) sarebbe in vantaggio sul presidente Mahmoud Abbas se le elezioni presidenziali si tenessero con questi due candidati, oltre a Ismail Haniyeh.

OutStream Desktop
Top right Mobile

I risultati del sondaggio, che si è tenuto tra il 3 e il 13 aprile, hanno mostrato che il 33,5% degli intervistati voterebbe per Marwan Barghouthi mentre il 24,5% voterebbe per Mahmoud Abbas (Abu Mazen), il 10,5% voterebbe per Ismail Haniyeh e il 31,5% non aveva ancora una risposta. Nel frattempo, il 60,2% ha dichiarato di sostenere l’idea che Marwan Barghouthi partecipasse alla corsa per la presidenza, mentre il 19,3% ha dichiarato di non sostenere l’idea.

Middle placement Mobile

Racconto dal campo

Dynamic 1

Per cogliere appieno la portata di ciò che si sta consumando in Palestina, vale la pena leggere fino all’ultima parola questo racconto-analisi  di Muhammad Shehada. scrittore e attivista della società civile della Striscia di Gaza

“Nessuno pensava davvero che il presidente dell’Autorità Palestinese Mahmoud Abbas avrebbe fissato una data per le elezioni generali, dopo 15 anni di procrastinazione indefinita.

Dynamic 2

Ma il suo decreto formale dello scorso gennaio ha sorpreso e lasciato perplessi sia i palestinesi che gli osservatori, non da ultimo quando le tre grandi minacce allo status quo – l’assalto incontrollato di Trump alla causa palestinese, l’annessione di Israele e un’invasione araba dei palestinesi – si sono placate, per ora. E ora sembra probabile che Abbas stia soffrendo del rimpianto dell’acquirente così gravemente che probabilmente annullerà le elezioni, spinto da considerazioni di potere ed ego, e sostenuto da Israele e dall’amministrazione Biden. Ma per i palestinesi, negare il loro diritto a un voto democratico, mettere a tacere la loro capacità di scegliere i loro rappresentanti, questa sarebbe una decisione paternalistica, ingiusta e persino pericolosa. Speculazioni e prove aneddotiche si sono combinate per offrire la spiegazione che l’ottuagenario Abbas – in carica da 12 anni oltre il suo limite di mandato – abbia dato il via alla democrazia palestinese a causa delle pressioni dell’Unione Europea, o come parte di un tentativo di placare la nuova amministrazione Biden. Ora, questa stessa amministrazione suggerisce ad Abbas di rimandare le elezioni. Le ragioni si stanno accumulando perché lui annulli la sua scommessa performativa: mantenere il potere, senza l’inconveniente delle elezioni.

Abbas aveva un’occasione unica per riunificare Fatah, aumentare la sua inclusività, rimediare agli errori del passato e ravvivare i legami con la base di Fatah. Aveva la possibilità di evitare di ripetere le elezioni del 2006, quando Fatah si divise in due liste, costandole caro. Ma nella gara tra una strategia per la sopravvivenza di Fatah e l’ego di Abbas, gli interessi del re della Muqata avrebbero sempre vinto.

Dynamic 3

Così Abbas ha minacciato che chiunque non avesse seguito la linea ufficiale di Fatah o si fosse schierato su liste di rottura sarebbe stato fermato con la forza, o addirittura ucciso. Ma Abbas si è presto reso conto che non poteva imporre la sua arrogante richiesta di esclusività. Ironicamente, Abbas stesso ha alimentato l’appetito dei disertori, grazie al modo in cui la lista ufficiale di Fatah è stata formata. È stato un esempio da manuale di clientelismo, nepotismo, manipolazioni e intolleranza al dissenso. Molte voci importanti, ritenute critiche o sleali verso Abbas e il suo entourage, sono state squalificate o trascurate. Ad altre sono stati assegnati posti insignificanti alla fine della lista. Questo ha suscitato risentimenti, alimentato divisioni interne e spinto nove leader di Fatah ad abbandonare la lista dopo la sua presentazione ufficiale. Nasser al-Qidwa e Marwan Barghouti – due dei principali rivali di Fatah di Abbas, che godono del sostegno del suo nemico finale, Mohammed Dahlan – si sono uniti in una lista guidata da Al-Qidwa e dalla moglie di Barghouti, Fadwa, per protestare contro Abbas e i suoi modi e le sue scelte inette. Insieme alla lista della “Corrente di riforma” di Dahlan, Abbas ha ragione di preoccuparsi di perdere una fetta considerevole dei suoi potenziali elettori, specialmente a Gaza, dove stanno facendo una grande campagna. Centinaia di uomini di Dahlan – che non hanno messo piede a Gaza per 14 anni, compresi i famigerati leader della forza di sicurezza preventiva e la sua “squadra della morte” – hanno recentemente sciamato su Gaza. A braccia aperte, Hamas ha accolto le stesse persone che ha incolpato per gli eventi sanguinosi del 2007 a Gaza, che hanno acceso le divisioni palestinesi dopo il ritiro di Israele.

E Hamas stessa non sta giocando in modo leale. Sa che le sue possibilità di compiere un miracolo elettorale simile a quello del 2006 a Gaza sono scarse, quindi ha fatto ricorso all’astroturfing. Sta sostenendo un’intera gamma di candidati, dai lealisti di Hamas, ai simpatizzanti riformati come indipendenti, dai potenziali rappresentanti legittimati dalla loro ostilità ad Abbas agli attivisti di base, tutto al fine di diffondere il suo rischio e investire in una leva futura senza raggruppare tutti quei candidati sotto la propria bandiera.

Dynamic 4

Nel frattempo, la lista ufficiale di Hamas si basa su astratti atteggiamenti morali e immagini emotive. Asseconda maggiormente i palestinesi della Cisgiordania e la sua base mettendo in prima linea un certo numero di ex prigionieri di spicco, come Jamal Abu Al-Hayja, il leader della battaglia di Jenin del 2002, o Nael Al-Barghouti di Ramallah, il più longevo prigioniero politico palestinese in carcere israeliano. Anche se inizialmente Hamas si era impegnata a presentare una lista ornata di volti nuovi e freschi, sapendo quanto odiano i vecchi volti, la lista finale sembra più un compromesso tra le diverse ali del movimento. Include leader anziani e opportunisti di vecchia data, ma anche moderati, tecnocrati, accademici, donne, giovani e persino, per la prima volta in una lista islamista, cristiani palestinesi.

Queste sono tutte ragioni intimidatorie per Abbas di rinunciare alle elezioni, visto che le probabilità sono impilate contro di lui. Ma il fattore decisivo per decidere se le elezioni si terranno o meno non è nelle sue mani: Con Israele. E tutto ruota intorno a Gerusalemme.

Dynamic 5

Abbas ha dichiarato presto che i palestinesi di Gerusalemme Est devono poter votare. Questa è una linea rossa morale che nessun partito palestinese può contestare pubblicamente, anche se sa che Abbas sta usando Gerusalemme come pretesto per una potenziale cancellazione.

La centralità di Gerusalemme in tutte le liste non può essere sottolineata troppo. Ogni lista elettorale incorpora diversi palestinesi di Gerusalemme. La lista di Fatah include in particolare il predicatore della Moschea di Al-Aqsa, lo sceicco Yousef Salama, mentre il nome ufficiale della lista di Hamas è l’emotivo ma ingombrante “Gerusalemme è la nostra promessa (o appuntamento)”. Per inciso, un osservatore attento ha notato che il logo della campagna di Hamas, un’immagine un po’ bucolica della Cupola della Roccia senza armi in vista, era un’imitazione diretta di un’immagine di stock usata per i prodotti “Made in Israel”. 

E gli eventi attuali a Gerusalemme hanno un forte impatto.

“Quando, la settimana scorsa, gli abitanti palestinesi di Gerusalemme sono scesi in strada per protestare contro le restrizioni israeliane e i nuovi partner kahanisti anti-arabi di Netanyahu hanno marciato attraverso la Città Vecchia, con la parzialità e la brutalità della polizia che ha provocato 100 feriti palestinesi, ogni partito palestinese ha rilasciato delle denunce. Si sono dati da fare per rilasciare dichiarazioni più grandiose delle precedenti a sostegno – o per prendersi il merito – delle manifestazioni, mentre Hamas ha allentato la presa su altri gruppi armati a Gaza, portando al lancio di razzi oltre il confine e a una violenta escalation con Israele. Israele non ha ancora risposto alla richiesta dell’AP di tenere le elezioni a Gerusalemme; ha anche impedito ai candidati palestinesi di tenere comizi o conferenze stampa in città, e ha persino arrestato diversi candidati. Israele ha minacciato e arrestato i candidati di Hamas in tutta la Cisgiordania, anche se ha promesso di non sabotare le elezioni.

Per Abbas, avere Israele da incolpare per aver impedito agli abitanti di Gerusalemme Est di votare è un risultato perfetto, un motivo conveniente, dignitoso e giusto per rinviare le elezioni a tempo indeterminato. E le cose sembrano muoversi in questa direzione.

Ogni mattina, il ciclo di notizie palestinesi è dominato da dichiarazioni dei leader di Fatah, dell’Olp e dell’AP e dei loro stretti alleati che promettono che non ci saranno elezioni senza Gerusalemme.

Hamas e Dahlan hanno ribadito questa retorica, pur sostenendo che le elezioni dovrebbero tenersi in tempo, mentre il consigliere senior di Abbas, il dottor Nabil Shaath, ha detto esplicitamente che la questione di Gerusalemme avrebbe molto probabilmente rimandato le elezioni. Abbas sta tenendo una serie di riunioni questa settimana per decidere il destino delle elezioni. Nel frattempo, l’amministrazione Biden non si batte certo per il rinnovamento della democrazia palestinese. Ha effettivamente detto ad Abbas che guarderà dall’altra parte se le elezioni saranno rinviate.

E Israele sta intensificando la sua opposizione. Il capo dello Shin Bet israeliano ha detto direttamente ad Abbas di annullare le elezioni perché Hamas vi parteciperà e ha tracciato una linea rossa su un possibile governo congiunto Hamas-Fatah (un’eventualità inevitabile dopo le elezioni).

L’esercito israeliano ha recentemente alzato il livello di preparazione per reprimere le proteste che scaturirebbero immediatamente in caso di annullamento delle elezioni, e gli uomini di Dahlan, scesi opportunisticamente a Gaza, hanno sentito l’odore del cambiamento di atmosfera e ora stanno ripartendo, uno per uno. Ma coloro che negli Stati Uniti e in Israele sostengono la cancellazione delle elezioni stanno facendo un errore disastroso. E questo errore va oltre la pesante decisione di privare i palestinesi del loro fondamentale diritto di voto.

Se queste elezioni sono cancellate o rinviate, non ci sarà nessun altro tentativo di tenerle nel prossimo futuro (almeno finché Abbas vive). Non ci sarebbe alcuna possibilità di tenere un’altra tornata elettorale che verrebbe analogamente annullata a causa dell’improbabile possibilità che Hamas vinca direttamente. 

Annullare le elezioni minerebbe ulteriormente la legittimità dell’AP “antidemocratica” e darebbe ulteriore potere ad Hamas, radicando il suo dominio a Gaza ed elevando la sua narrativa come superiore morale a Fatah, perché ha appoggiato un processo democratico, ma Abbas è scappato.

Cancellare le elezioni aumenterebbe la pericolosa disperazione e la mancanza di speranza tra i palestinesi, che si troverebbero di fronte al fatto ineluttabile che anche la loro ultima possibilità di unità o di azione si è dimostrata futile.

I rischi catastrofici dell’annullamento delle elezioni superano di gran lunga quelli dello svolgimento delle stesse. Non importa quanto minaccioso possa essere il quadro ora, ci sono ancora solide opportunità.

Hamas comprende pienamente, e concorda, almeno silenziosamente, che qualsiasi futuro governo dovrà come minimo appoggiare la soluzione dei due stati, la non violenza e il diritto internazionale, e il movimento si è impegnato a non occupare i posti di primo ministro o di ministro degli esteri per evitare un veto internazionale. Ancora più importante, Abbas sta deliberatamente fraintendendo la mappa politica e ingannando le parti interessate sulla fortuna elettorale di Fatah come ampio movimento nazionalista laico. Con il nuovo sistema elettorale a rappresentanza proporzionale, nessun voto andrà sprecato; tutte e tre le liste di Fatah probabilmente ce la faranno. Infatti, la lista Barghouti/Qidwa potrebbe essere la migliore possibilità di prevenire una sconfitta di Fatah, data la schiacciante popolarità di Barghouti e la decenza e professionalità di Qidwa.

La loro lista rappresenta una terza scelta attraente per i palestinesi disaffezionati sia da Hamas che da Abbas, dalla corruzione e dal nepotismo. Se Abbas potesse mettere da parte il suo ego, vedrebbe che le liste di rottura di Fatah completano la “Fatah ufficiale” e rafforzano il campo pragmatico e secolare.

Se Fatah vuole sopravvivere e vincere, Abbas dovrebbe scuotersi dalla sua sensazione di avere diritto a tutti i voti di Fatah e smettere di intimidire gli impiegati senza voce a votare per lui. Dovrebbe invece accogliere le voci dissenzienti, revocare tutte le misure che ha preso contro Al-Qidwa e prepararsi a costruire una coalizione con lui.

Sarebbe un contributo di gran lunga migliore per il futuro palestinese per coloro che, nella regione e oltreoceano, chiedono di cancellare le elezioni per spingere invece l’autocratico Abbas verso un genuino abbraccio del processo democratico”.

Ma la nomenclatura al potere non rinuncia facilmente ai suoi privilegi. Anche in Palestina.

 

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile