Borrell (Ue) sulla crisi ucraina: "Preoccupante l'invio di 150mila soldati russi al confine con l'Ucraina"
Top

Borrell (Ue) sulla crisi ucraina: "Preoccupante l'invio di 150mila soldati russi al confine con l'Ucraina"

L'Alto rappresentante agli esteri dell'Ue: "E' il maggior concentramento militare dell'esercito russo al confine ucraino di sempre"

L'Alto Rappresentante Ue per la Politica estera, Josep Borrell
L'Alto Rappresentante Ue per la Politica estera, Josep Borrell
Preroll

globalist Modifica articolo

19 Aprile 2021 - 15.11


ATF

La tensione al confine Russia-Ucraina sale ai massimi livelli dopo che Mosca ha inviato ben 150mila soldati per presidiarlo.
Gli Usa hanno già bollato l’evento come inaccettabile e che non resteranno a guardare.
L’Ue si accoda alle dichiarazioni americane ed esprime disappunto per mezzo dell’Alto rappresentate agli esteri dell’Ue Josep Borrell che ha ribadito: “Al confine con l’Ucraina assistiamo ad un dispiegamento di truppe russe, con tutti i tipi di materiali”.
“Hanno realizzato ospedali da campo e dispiegato ogni tipo di attrezzatura bellica”.
“Non posso rivelare da dove viene la cifra di oltre 150mila soldati russi tra quelli al confine orientale ucraino e quelli in Crimea, ma è la mia cifra di riferimento”.
“E’ il maggior concentramento militare dell’esercito russo al confine ucraino di sempre – continua Borrell – è chiaro che sia fonte di preoccupazione: quando dispieghi molte truppe, una scintilla può accendersi qui o là.
Dal numero di vittime dell’esercito ucraino rispetto all’anno scorso, è chiaro che si tratta di una situazione molto preoccupante”, conclude.

Leggi anche:  Russia, chiesti 5 anni per un moscovita: si era detto contrario alla guerra in Ucraina
Native

Articoli correlati