La Ue manda una lettera a AstraZeneca: "State violando il contratto"
Top

La Ue manda una lettera a AstraZeneca: "State violando il contratto"

Resa nota una protesta del 18 marzo da parte della commissione. L'ultimatum scadeva l'8 aprile. Ora sono possibili azioni legali

Vaccino AstraZeneca
Vaccino AstraZeneca
Preroll

globalist Modifica articolo

11 Aprile 2021 - 08.30


ATF

Il 18 marzo, era stata annunciata una lettera dell’Europa verso l’azienda AstraZeneca nella quale l’Ue lanciava un ultimatum scaduto ormai tre giorni fa.

Perché la missiva, inviata all’azienda il 19 marzo, chiedeva “formalmente” e dava “preavviso di porre rimedio alle sostanziali violazioni contrattuali entro venti giorni da questa lettera” chiedendo di “recuperare senza ulteriori ritardi sull’arretrato nella produzione e consegna delle dosi e di mitigare qualunque danno causato”.

Il testo, che finora era rimasto secretato, è stato in parte pubblicato per la prima volta due giorni fa sul principale quotidiano economico francese, Les Echos, e quindi ripreso dal Corriere della Sera: nella lettera, lunga e articolata (ben 6 pagine)  Bruxelles sottolinea che “a seguito di un’analisi dettagliata di tutte le informazioni siamo giunti alla conclusione che AstraZeneca ha violato e continua a violare le sue obbligazioni contrattuali sulla produzione e la fornitura delle 300 milioni di dosi iniziali per l’Europa” e “che la sostanziale violazione dell’accordo di acquisto da parte della vostra azienda può portare a conseguenze drammatiche per la vita, la salute e la libertà di milioni di cittadini europei nella crisi Covid-19”.

Leggi anche:  Stato di diritto e libertà di stampa: la Ue 'tira le orecchie' al governo Meloni

 La lettera rileva anche come le violazioni siano diverse, a partire dal fatto che l’azienda abbia incassato in estate un anticipo (227 milioni di euro) sulla base di impegni poi non rispettati, tanto che in autunno l’Ue si è rifiutata di versare la seconda tranche (112 milioni), e proseguendo con il fatto che AstraZeneca (pur garantendo il contrario nel contratto con l’Europa) avrebbe promesso la stessa fornitura a più committenti e avrebbe ritardato per motivi non chiari la richiesta di autorizzazione all’Ema.

Native

Articoli correlati