Top

Padre Albanese attacca la comunità internazionale: "Il Congo è un inferno ogni giorno di più"

Il missionario comboniano dopo l'uccisione del diplomatico Attanasio: "Il Congo è ignorato dal mondo, ogni giorno massacri, stupri e stragi. Fallimento delle missioni Onu"

Padre Giulio Albanese

globalist

23 Febbraio 2021


Preroll

L’uccisione del diplomatico italiano Luca Attanasio, di un carabiniere e del loro autista ha scoperchiato un vaso di Pandora sulla situazione del Congo.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Il missionario comboniano padre Giulio Albanese ha spiegato in quale situazione versa questa nazione ormai da tempo: “Massacri, stupri, stragi di innocenti. Il Congo è un inferno ogni giorno di più, ignorato dal resto del mondo. Anche a causa del fallimento delle missioni Onu e della Comunità internazionale”.

Middle placement Mobile

Giornalista ed editorialista dell`Osservatore Romano, Padre Albanese descrive così la realtà del Congo: “È un disastro quotidiano, provocato da un intreccio mortale di bande armate, dalla matrice islamista ma non solo. Alcune giungono dai Paesi limitrofi, lungo il confine con Uganda e Ruanda. Fanno il bello e il cattivo tempo, con una violenza che va al di là di ogni fantasia e immaginazione. A queste formazioni si aggiungono i Mai-Mai, squadre ‘patriottiche’, schegge impazzite che una volta stanno da una parte una volta dall`altra. In Congo basta avere un mitragliatore per sbarcare il lunario. E poi, sullo sfondo, gruppi economici ‘occulti’ (è un eufemismo, ovviamente)”.

Dynamic 1
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage