Israele verso le elezioni. Levy: "Tra Netanyahu e la Joint List . L'alternativa è solo questa"

In Israele, se esiste davvero un’alternativa alle destre imperanti, quest’alternativa va ricercata tra gli arabi israeliani.

Esponenti della Joint List

Esponenti della Joint List

Umberto De Giovannangeli 12 febbraio 2021

Israele, se esiste davvero un’alternativa alle destre imperanti, quest’alternativa va ricercata tra gli arabi israeliani. Di questo è convinto l’icona vivente del giornalismo “radical” israeliano, una firma scomoda da sempre per i detentori del potere: Gideon Levy.

Con lui e Jack Khoury, l’analista di Haaretz che conosce come pochi altri le dinamiche interne alla realtà politica degli arabi israeliani (oltre il 20% della popolazione d’Israele), Globalist prosegue il suo viaggio verso le elezioni del 23 marzo, le quarte in due anni, un record mondiale.

Bibi o Tibi

“Quattro candidati che hanno la possibilità di essere eletti primo ministro sono tutti dolorosamente simili – esordisce Levy -. Non credete alle favole su un grande abisso ideologico tra di loro. Fondamentalmente, sono identici: Sono tutti ebrei sionisti che sostengono l'occupazione, devoti alla supremazia ebraica in Israele. Sono a favore dei coloni e degli insediamenti, e non si sognerebbero mai di fermarli. Non criticheranno mai l'esercito per le sue azioni sbagliate e santificano ogni operazione violenta di Israele. Crimini di guerra? Diritto internazionale? Diritti dei palestinesi? Non fateli ridere. Hanno tutti seguito esattamente la stessa linea per quanto riguarda la Corte penale internazionale dell'Aia.

Benjamin Netanyahu, Yair Lapid, Gideon Sa'ar e Naftali Bennett sono tutti uguali. Promettono l'occupazione e la supremazia ebraica per sempre. Sono nazionalisti ebrei-israeliani che parlano lo stesso identico linguaggio sulle questioni che contano davvero. Sarebbe un bene per Israele se nessuno di loro fosse eletto. Ne abbiamo avuto più che abbastanza di loro e della loro razza. Ma nella realtà attuale, uno di loro sarà sicuramente il prossimo primo ministro.

Dei quattro – prosegue Levy - Netanyahu è chiaramente preferibile. È il più talentuoso, intelligente ed esperto del gruppo. Le accuse penali contro di lui, che in una società corretta gli impedirebbero di continuare a servire, anche se la legge qui lo permette, devono essere risolte in tribunale. Lasciando da parte le accuse, è certamente la figura più impressionante dei quattro. Contrariamente al pensiero popolare, è anche il meno pericoloso di loro. Lapid, Sa'ar e Bennett ci coinvolgeranno in una guerra molto più rapidamente di lui. Vorranno dimostrare il loro valore, che in Israele si misura con la guerra, o almeno col dimostrarsi  guerrafondai. Netanyahu non ha bisogno di farlo.

Non c'è nemmeno la garanzia che affronteranno il coronavirus meglio di lui, più probabilmente sarà vero il contrario. Insieme con i fallimenti, Netanyahu ha messo in fila alcuni risultati impressionanti in questo senso.

Perciò chiunque sia contento di vivere in uno stato di apartheid, a cui non potrebbe importare di meno della giustizia per i palestinesi e per cui l'occupazione non è altro che un fastidioso ronzio nelle orecchie, dovrebbe votare per Netanyahu. È il male minore, anche se il suo stile di vita è disgustoso e le accuse contro di lui sono molto gravi; ma su questo si pronuncerà il tribunale. Ricordiamo ai puristi che si indignano per la corruzione che la corruzione più grande e profonda è l'occupazione, che non menzionano quasi mai. L'unica vera alternativa a Netanyahu è la Joint List. Bibi o Tibi (Ahmed, figura storica degli arabi israeliani, già vice presidente della Knesset, ndr, ndr) , 2.0. Tra Bibi e Tibi si trova l'unico abisso decisivo della politica israeliana. Tra Bibi e Ayman Odeh passa lo spartiacque del sionismo, il cui tempo è passato e i cui danni all'immagine morale di Israele si stanno accumulando. Tra il Likud e Balad piace la chiara scelta tra la supremazia ebraica e l'uguaglianza.

Nello spazio tra il Likud e la Joint List, ci sono solo pallide imitazioni di Netanyahu o candidati ingannevoli destinati principalmente a dare agli elettori un piacevole senso di illuminazione anche se non sono abbastanza diversi, sovversivi o rivoluzionari per quello che deve accadere. Il gergo è diverso, va giù più facilmente, ma è ingannevole: La sinistra sionista ha portato la gente fuori strada per 100 anni. Israele non sarà diverso sotto nessuno dei suoi partiti. Lo “’spartito’ sarà sempre lo stesso: vivere eternamente con la spada, intimidazione e incitamento, disumanizzazione e demonizzazione dei palestinesi, e un continuo giocare la carta della vittima e crogiolarsi nel passato ebraico. Nello spazio tra Bibi e Tibi ci sono Yesh Atid, Labor e Meretz. Nessun uomo di sinistra voterebbe mai per un nazionalista come Lapid, che difende ciecamente e automaticamente l'Idf (le Forze armate israeliane, ndr) come un buon uomo di destra. Merav Michaeli  (la nuova leader laburista, ndr) ispira giustamente molta ammirazione, ma il suo è il partito fondatore dell'occupazione - il Labour non sarà quello che farà qualcosa di sostanziale per porvi fine, nemmeno con lei come leader. E Meretz sta vivendo con i fumi del passato. Con un generale ai suoi vertici che dice che l'Idf non ha mai commesso crimini di guerra - gli elettori di sinistra non hanno nulla da trovarci.

Quindi ci rimane Tibi. Tibi o Bibi. La scelta dovrebbe essere abbastanza chiara”.

Divisi si perde

Così Levy. 

Con Khoury ci immergiamo nella realtà politica degli arabi israeliani. “In vista delle elezioni per la Knesset del 23 marzo – scrive su Haaretz -  la società araba israeliana è sprofondata in uno sconforto che non si vedeva da tempo. E in realtà arriva dopo anni di speranza di cambiamento tra gli arabi israeliani.

La stessa creazione nel 2015 della Lista congiunta di quattro partiti arabi è stato un risultato impressionante. L'incontro di quattro partiti rivali è stato uno sviluppo stimolante tra i palestinesi fuori da Israele e altrove nel mondo arabo.

La successiva scissione della Joint List in due partiti prima delle elezioni del 2019 è stato un campanello d'allarme per i leader dei partiti. Sono tornati rapidamente insieme, aprendo la strada nelle ultime elezioni a un risultato storico di 15 seggi alla Knesset. Ma ha anche messo in moto la sua scivolata verso il basso. Contrariamente al suo solito, la Joint List ha raccomandato al presidente Reuven Rivlin che il leader di Kahol Lavan, Benny Gantz, fosse incaricato di formare il governo, cosa che i partiti della coalizione non avevano fatto nemmeno quando Yitzhak Rabin cercava di formare un governo. Ma la Joint List ha ricevuto in risposta la freddezza di Kahol Lavan. Sullo sfondo della crescente frustrazione tra gli elettori arabi, una nuova figura ha cominciato ad emergere alla ribalta - Mansour Abbas - che fino ad allora era stato all'ombra dei membri della Joint List della Knesset Ayman Odeh e Ahmad Tibi. La United Arab List di Abbas, uno dei quattro partiti che costituivano la Joint List aveva sempre perseguito un approccio pragmatico. Ora ha deciso di punire la sinistra ebraica e di sfidare gli altri tre partiti della Joint List:  Hadash, Ta'al e Balad.

Nel tentativo di accumulare risultati su questioni relative alla sicurezza personale e agli alloggi, entrambi di particolare preoccupazione per la comunità araba, Abbas ha avvicinato i collaboratori  del primo ministro Benjamin Netanyahu per lavorare insieme.

I membri alla Knesset della United Arab List  hanno anche rotto con la maggior parte dei loro colleghi della Joint List e hanno votato contro un disegno di legge per impedire la terapia di conversione dell'orientamento sessuale. Prima di questo, la maggior parte dei membri della Joint List K aveva votato in blocco su questioni civili e i loro schemi di voto non avevano attirato particolare attenzione. Ma Abbas ha approfittato della sensibilità nella comunità araba israeliana riguardo alle questioni Lgbt per differenziare il suo partito dai suoi tre partner della Joint List. Da allora, ogni dichiarazione della United Arab List  ha evidenziato un aspetto religioso musulmano.

L'UAL ha iniziato a funzionare come una fazione indipendente, come era evidente con l'assenza dei suoi membri al voto di dicembre sullo scioglimento della Knesset e come si poteva vedere dall'apparizione di Netanyahu davanti al Comitato speciale della Knesset sull'eliminazione del crimine nella società araba, che Abbas presiede. Oltre al disaccordo su questioni di principio, l'animosità personale ha ulteriormente ridotto le prospettive di sanare la spaccatura all'interno della Joint List.  Le condizioni poste dall'UAL, principalmente relative a questioni di religione e di stato, non hanno fornito una base per i negoziati, e un compromesso proposto dal partito Balad che prevedeva che le decisioni della Joint List fossero prese a maggioranza, minacciava di lasciare Abbas senza influenza. Il leader del partito Ta'al Ahmad Tibi, che ha cercato di mediare la disputa, è stato costretto a scegliere tra Abbas - il suo "partner naturale" - e Hadash e Balad.

I membri della United Arab List hanno dimostrato di non essere poi così legati all’esperienza della Joint List e hanno scelto la scorsa settimana di andare da soli alle prossime elezioni, il che significa che la Joint List  è ora composta da Hadash, Ta'al e Balad.

La ricerca di Abbas di nomi di spicco per la sua lista ha portato alla promessa di un posto in alto nella lista per l'ex sindaco di Sakhnin Mazen Ghanayim, che aveva corso nel 2019 come candidato di Balad nella Joint List, ma non era stato eletto alla Knesset all'epoca. Più in basso nella lista dei candidati della UAL ci sono nomi meno familiari di attivisti che devono lavorare sul campo per il sostegno della base. ‘Contiamo sulla base, il pubblico conservatore, che vuole avere un impatto’, ha detto una fonte della UAL.

Almeno dalle apparenze, i membri del partito non sono preoccupati dei sondaggi che prevedono la caduta dei consensi, ma sanno che è una scommessa, forse la più grande da quando il fondatore del Movimento Islamico, lo sceicco Abdallah Nimr Darwish, decise che il ramo meridionale del movimento avrebbe corso alle elezioni della Knesset.

La connessione tra Abbas e Netanyahu ha cambiato l'intera mappa politica: dopo che il primo ministro ha abbracciato gli arabi, tutti hanno seguito l'esempio - dal leader del partito ‘New Hope’ Gideon Sa'ar, che si è staccato dal Likud di Netanyahu, ai partiti più a sinistra. Molti partiti vedono la frammentazione della Joint List come un'opportunità per attirare i voti arabi.

Dal lato positivo, dal punto di vista del pubblico arabo, l'attuale stato di cose potrebbe incoraggiare una maggiore affluenza alle urne degli arabi. Ma c'è anche la possibilità che porti ad una dispersione dei voti arabi, mettendo in pericolo i piccoli partiti di sinistra e riducendo la rappresentanza araba nella Knesset. In un tale scenario, Mansour Abbas, l'uomo che voleva esercitare influenza su Netanyahu, potrebbe trovarsi ad affrontare Itamar Ben-Gvir, il leader del partito di estrema destra Otzma Yehudit, nella prossima Knesset”.

Questa puntata del nostro viaggio finisce qui. Gelosie, ripicche, logiche di fazione, scissioni che finiscono per rafforzare la destra:  una storia non solo israeliana.