Primavere arabe, dieci anni dopo: la speranza non è morta, la paura è stata vinta

Dieci anni dopo, cosa è rimasto di quella stagione? Globalist apre l’anno nuovo facendo un excursus geopolitico, con l’aiuto di un compagno di viaggio prezioso, una firma storica di Haaretz, Zvi Bar’el.

La primavera araba in Tunisia

La primavera araba in Tunisia

Umberto De Giovannangeli 1 gennaio 2021

Dieci anni fa, sbocciò una speranza. Fu chiamata Primavera. Una Primavera di libertà. La “Primavera araba”.

Dieci anni dopo, cosa è rimasto di quella stagione? Globalist apre l’anno nuovo facendo un excursus geopolitico, con l’aiuto di un compagno di viaggio prezioso, una firma storica di Haaretz, Zvi Bar’el.

"È vero che non abbiamo ancora raggiunto la libertà, ma possiamo almeno sognarla e immaginarla", ha detto tre anni fa l'attivista siriano per i diritti civili Kenan Rahmani. Parlava in risposta a un sondaggio del sito web Raseef22 che poneva la domanda "Sarebbe stato meglio se la primavera araba non fosse mai avvenuta? A dicembre, The Guardian ha pubblicato i risultati di un altro sondaggio, con più di 5.000 intervistati in tutto il mondo arabo, condotto in occasione del decimo anniversario dell'esplosione delle proteste. A giudicare dai risultati, il punto di vista di Rahmani non ha oggi molti sostenitori. Degli otto Paesi in cui si sono svolte le rivolte della Primavera araba - Tunisia, Egitto, Libia, Yemen, Siria, Iraq, Sudan e Algeria - almeno il 50 per cento degli intervistati in cinque Paesi ha dichiarato che la loro situazione oggi è peggiore di prima delle proteste.

 

Viaggio tra speranze e delusioni

Le eccezioni sono state l'Egitto, l'Algeria e l'Iraq. In Siria, Libia e Yemen, il 60-75 per cento degli intervistati ha dichiarato di deplorare lo scoppio delle proteste; negli altri Paesi, circa il 40 per cento lo ha fatto. Alla domanda, per esempio, se prevedevano un futuro migliore per i loro figli, solo il 5 per cento degli intervistati dal The Guardian in Yemen ha risposto di sì. Anche in Siria e in Iraq la percentuale era a una sola cifra. La percentuale più alta è stata del 30 per cento in Algeria, seguita dall'Egitto al 26 per cento. “Ma è giusto giudicare le rivoluzioni solo in base al loro successo - o, soprattutto, al loro fallimento - nel realizzare lo slogan dei partecipanti "vita, libertà e dignità umana" nel breve arco di 10 anni?  - riflette Bar’el -. L'attuale situazione in Medio Oriente deriva da quelle grandi manifestazioni che hanno rovesciato i regimi e creato nuovi blocchi? La democrazia in Medio Oriente, o la sua mancanza, può essere giudicata solo secondo criteri universali o deve essere giudicata nel contesto locale? Marc Lynch, tra i più autorevoli studiosi del Medio Oriente della George Washington University, conosce bene l'opinione prevalente di esperti e politici secondo cui gli sconvolgimenti della Primavera araba sono stati dei veri e propri fallimenti. In alcuni Paesi, i dittatori estromessi sono stati sostituiti da tiranni ancora peggiori. Il presidente egiziano Abdel-Fattah al-Sisi, per esempio, è considerato molto più tirannico del suo predecessore, Hosni Mubarak. Bashar Assad governa ancora la Siria dopo aver massacrato centinaia di migliaia di suoi cittadini. L'Iraq non si è ancora ripreso dalla cacciata di Saddam Hussein. E un decennio dopo l'uccisione del dittatore Muammar Gheddafi, la Libia è coinvolta in un'aspra guerra civile. Tuttavia, in un articolo intitolato The Arab Uprisings Never Ended, apparso nell'ultimo numero della rivista Foreign Policy, il professor Lynch sostiene che queste dichiarazioni sui fallimenti delle proteste sono ‘in realtà solo l'ultima di una serie di conclusioni premature’. Prima del 2011, la maggior parte degli analisti dava per scontata la stabilità delle autocrazie arabe. Questo era sbagliato.

‘Mentre la pressione popolare spingeva al potere quattro dittatori di lunga data - il tunisino Zine El Abidine Ben Ali, l'egiziano Hosni Mubarak, il libico Muammar al-Gheddafi e lo yemenita Ali Abdullah Saleh - alcuni osservatori si affrettarono a supporre che fosse arrivata un'ondata democratica inarrestabile; altri avvertono che la democratizzazione avrebbe aperto la porta al dominio islamista. Entrambi si sbagliavano’, rimarca lo studioso.

 Per Lynch  la rivendicazione di democrazia era solo una delle tante richieste sollevate dai manifestanti, quindi ‘il fatto che i dittatori si siedano ancora una volta sui troni del Medio Oriente è tutt'altro che una prova che le rivolte siano fallite’. Piuttosto, aggiunge, le rivoluzioni non sono ancora terminate.

Braci ardenti

Il successo o il fallimento in questo contesto non può essere giudicato solo in base a criteri locali o essere basato su un periodo di tempo limitato. In realtà le rivolte non sono iniziate nel dicembre 2010, quando un giovane venditore ambulante tunisino Mohamed Bouazizi,  27 anni, si dà fuoco dopo che la polizia aveva smantellato la sua bancarella e sparso la sua merce (uno lo ha umiliato ulteriormente dandogli uno schiaffo). Dopo giorni di atroci sofferenze, Bouazizi muore il 4 gennaio 2011. Quella morte scatenò un’ondata inarrestabile di protesta. La rivolta si fece rivoluzione: la “Rivoluzione dei gelsomini”. Un popolo interno, un popolo giovane, scese nelle strade, riempì le piazze, assediò i palazzi di un potere che si pensava inattaccabile, con lo slogan che da lì a poco si propagò in Egitto e in tante altre piazze arabe: “Io non ho più paura”.

Anche in Egitto le braci stavano ardendo molto prima del 25 gennaio 2011, quando sono iniziate le massicce manifestazioni che portarono alle dimissioni di Mubarak. La prima pressione del grilletto è stata il 6 giugno 2010, con la morte - o meglio, l'omicidio - di Khaled Saeed, un giovane imprenditore egiziano che era seduto in un internet café quando due agenti della sicurezza lo hanno arrestato, picchiato violentemente e sbattuto la testa contro una porta d'acciaio fino alla morte. Eppure anche quel drammatico incidente è stato solo il culmine di un lungo processo iniziato anni prima.

“I teorici  - annota ancora Bar’el  - spiegano che ci sono quattro fasi nello sviluppo di una rivoluzione. La prima è il profondo disagio condiviso da ampie fasce sociali di un Paese. Questo non deve necessariamente significare solo difficoltà economiche.

Massive violazioni dei diritti umani, assenza di libertà di espressione, perdita di fiducia nel sistema politico, mancanza di una reale capacità di sostituire il governo con mezzi democratici, un sistema giudiziario corrotto o corrotto e un potere illimitato concentrato nelle mani della polizia e dei servizi di sicurezza interni,  tutti questi sono carboni ardenti che aspettano di essere ammassati sul falò, insieme a una povertà assoluta, stipendi mensili che bastano solo per una settimana e abissali divari tra ricchi e poveri. E quando questo disagio è condiviso sia dalla classe media che da quella inferiore, si raggiunge una massa critica.

Nella fase successiva, la popolazione in difficoltà esprime pubblicamente il proprio malessere. Scioperi, manifestazioni limitate, articoli sui giornali, post sui social media, satira e graffiti pungenti creano uno spazio di protesta che inizia a definire le richieste del pubblico. Situazioni del genere esistevano in diversi Stati arabi anche prima della primavera araba.

In Egitto, per esempio, nel corso degli anni ci sono state decine di manifestazioni e scioperi. Una volta furono i lavoratori delle ferrovie. Un'altra volta sono stati i dipendenti delle fabbriche di cemento e acciaio della città di El Mahalla El Kubra, una vasta città industriale vicino al Cairo, perennemente avvolta da fumo e polvere che provocano gravi malattie polmonari sia tra i lavoratori che tra i residenti.

Mubarak era in realtà il più flessibile dei dittatori arabi. Permetteva lo svolgimento di alcune manifestazioni, permetteva la pubblicazione di nuovi giornali nonostante non concedesse loro una licenza, e capiva la pressione proveniente dai Paesi occidentali.

In Tunisia, il primo ferro di Zine El Abidine Ben Ali penetrava nelle viscere dei computer nei caffè dove i giovani tunisini usavano internet. Gli oppositori, soprattutto quelli religiosi, sono stati arrestati e incarcerati, e alcuni dei loro leader sono stati esiliati. Le persone sono state rapite e "scomparse". E nel frattempo l'Occidente ha applaudito il dittatore di Tunisi, che parlava in lingua occidentale, filo-americano.

A questo punto di una rivoluzione, le proteste possono ancora essere abbattute e fermate. Ma in alcuni Paesi, queste rivolte si sono trasformate in vere e proprie ribellioni di massa che i servizi di sicurezza non potevano, e a volte non volevano reprimere. Bisogna cogliere la profondità dell'angoscia, della disperazione e della rabbia per capire quanto coraggio ci sia voluto perché questi manifestanti disarmati si opponessero alle forze armate del governo.

Eppure, anche dopo lo scoppio di una rivolta, e anche se un sovrano viene spodestato o ucciso, questo non garantisce una vera rivoluzione che soddisfi tutte le richieste dei suoi partecipanti.

La transizione dalla dittatura alla democrazia richiede un'organizzazione politica e un lavoro di base che traduca le proteste in una cornice politico-democratica, trasformi le manifestazioni nelle piazze cittadine in parlamento e trasformi gli slogan in piattaforme di partito. A questo proposito, i Paesi della Primavera araba si sono divisi, in base alle loro tradizioni politiche specifiche, alla struttura socioeconomica e alla natura del contratto tra il regime e il pubblico.

La Tunisia apparentemente ha seguito le regole. Ha instaurato un governo democratico, ha redatto una costituzione liberale e ha iniziato a funzionare relativamente rapidamente come un paese che ha iniziato una nuova era.

Anche l'Egitto è partito come una democrazia rivoluzionaria. Per la prima volta, i Fratelli musulmani sono stati trattati come legittimi e, grazie alla sua organizzazione superiore, sono riusciti a vincere le elezioni presidenziali...

Libia, Yemen e Siria sono stati fatti a pezzi. In Libia, Gheddafi è stato ucciso da una folla inferocita.  Nello Yemen, il presidente Ali Abdullah Saleh è stato spodestato. E in Siria, il presidente Bashar Assad è ancora seduto nel palazzo presidenziale. Nessuno di questi Paesi ha un regime che rappresenti l'intera popolazione o un governo che abbia conquistato la fiducia dell'opinione pubblica, e in tutti e tre i paesi infuria ancora la guerra civile.

Così come le rivoluzioni non cominciano il giorno proclamato come tale dai media, dopo che qualche evento drammatico è stato ampiamente pubblicizzato, la loro fine è anche il risultato di un lungo processo che può durare anni. Le domande da porsi quando si esaminano i cambiamenti politici derivanti da una rivolta civile sono se le rivoluzioni hanno effettivamente scatenato onde d'urto a lungo termine nei Paesi in cui hanno avuto luogo e se hanno avuto un impatto al di fuori dei propri confini territoriali. Le risposte vanno al cuore del successo o del fallimento di una rivoluzione, sottolinea il nostro “compagno di viaggio”.

La paura è stata sconfitta

In passato, nei Paesi in questione, l'opinione pubblica, spesso nota come "strada araba", era vista come impotente. Era percepita come completamente controllata dai regimi, o talvolta guidata da interessi, ma non certo come una forza che potesse determinare la natura del governo. Eppure le rivolte hanno dimostrato che un pubblico arrabbiato può rovesciare un regime.

È vero, in alcuni casi, hanno buttato via  il bambino con l'acqua sporca. Hanno fatto a pezzi i loro Paesi, hanno distrutto il tessuto sociale e politico delle loro società e hanno pagato un prezzo pesante in vite umane. Ma hanno anche seminato la paura del popolo nei loro governi, conquistando così una certa statura politica nonostante non siano riusciti a tradurre il loro potere in un partenariato politico significativo.

Nei Paesi delle rivoluzioni, i nuovi regimi si affrettarono a formulare leggi e convenzioni che, almeno sulla carta, rispettavano i diritti umani, la libertà di espressione, lo status delle donne e i principi di uguaglianza, e venivano chiamati "principi della rivoluzione" o "spirito della rivoluzione". Nella maggior parte dei casi, questo si è rivelato un mero servizio verbale, poiché questi principi sono stati schiacciati in brutali campagne di soppressione da parte dei diversi regimi. Anche così, almeno c'è stato un riconoscimento da parte di questi regimi della necessità di riforme , purché queste ultime non mettessero in pericolo la sopravvivenza dei governanti.

In Egitto, ad esempio, sono state approvate leggi severe contro le molestie sessuali e le molestie alle donne, e per la prima volta da decenni il presidente ha permesso la costruzione di nuove chiese. In Arabia Saudita, che non ha vissuto le ondate di protesta, alle donne è stato infine concesso il diritto di guidare e di lavorare in decine di professioni da cui erano state precedentemente escluse. Le onde d'urto delle rivolte continuano a riverberare. Le proteste di piazza, che in passato erano state rapidamente represse dalle forze di sicurezza, hanno fatto cadere i governi di Iraq, Libano, Algeria, Sudan e Giordania anni dopo la fine delle rivoluzioni della Primavera araba.Quelle rivoluzioni  - conclude Bar’el -hanno infranto la tradizionale concezione occidentale secondo cui i regimi autocratici potenti e tirannici sono una garanzia di pace e stabilità, e in particolare di sostegno illimitato agli Stati Uniti e alle sue politiche. La loro condotta corrotta, il calpestare i diritti umani, la limitazione della libertà di parola e i profondi fallimenti economici sono ciò che hanno provocato le rivolte, alcune delle quali si sono trasformate in brutali guerre civili. Invece di affermare che le rivoluzioni non hanno raggiunto i loro obiettivi, si potrebbe dire con altrettanta facilità che i nuovi regimi, o quelli che sono sopravvissuti agli sconvolgimenti, non sono riusciti a dimostrare che il vecchio sistema è migliore.

Oltre agli omicidi di massa che ha commesso, Assad, l'ultimo sopravvissuto, ha anche intrappolato la Siria in una guerra internazionale che coinvolge la Russia, la Turchia, gli Stati del Golfo e, in misura minore, gli Stati Uniti. L'Arabia Saudita, che ha speso una fortuna per comprare la tranquillità interna, ha elevato al potere Mohammed bin Salman, le cui azioni e politiche hanno svelato i legami storici del regno con il pubblico americano e con il Congresso degli Stati Uniti. Lo Yemen è diventato un campo di sterminio sulla scia delle obiezioni del regime alle richieste degli Houthis e di altre minoranze oppresse.

Le scene di uccisioni e di caos che sono emerse in alcuni degli Stati arabi dopo le rivoluzioni di un decennio fa rendono allettante il confronto tra il periodo che li ha preceduti e la realtà odierna. Ma tale confronto oscura il fatto fondamentale che la realtà del passato, ora percepita come un'era di calma e stabilità, è ciò che ha generato le rivolte in primo luogo.

Il termine ‘Primavera araba’ ha perso molto del suo fascino, soprattutto nei Paesi occidentali, dove la gente si è emozionata in previsione di un'ondata di democratizzazione che avrebbe travolto i Paesi arabi. Quando quella speranza è stata infranta, l'Occidente è tornato alle comode teorie orientaliste che ‘spiegavano’ l'Oriente ‘senza speranza’,  le stesse teorie che non hanno mai creduto che qualcosa come la Primavera araba potesse mai accadere”.

Ha ragione Zvi Bar’el. Quella rottura non è stata vana. La paura è stata sconfitta. La “Primavera” della speranza non è stata cancellata dall’”Inverno” della restaurazione.