Top

La Polonia vieta l'aborto e Varsavia insorge: a migliaia in piazza, scontri con la polizia

Ieri sera ci sono state proteste anche a Cracovia, Lodz e Stettino. A Varsavia i manifestanti hanno sfilato dalla sede della corte a casa Jaroslaw Kaczynski, che guida il partito di governo Legge e Giustizia.

Varsavia
Varsavia

globalist

23 Ottobre 2020 - 13.17


Preroll

A migliaia sono scesi in piazza a Varsavia per protestare contro una sentenza della corte costituzionale della Polonia che vieta quasi del tutto l’aborto. I manifestanti si sono scontrati con la polizia antisommossa davanti alla casa del vicepremier Jaroslaw Kaczynski. Ieri la Corte costituzionale ha stabilito che porre termine alla vita di un feto malformato è incostituzionale. Di conseguenza l’aborto è valido solo in caso di stupro e incesto e per proteggere la vita della madre.
Ieri sera ci sono state proteste anche a Cracovia, Lodz e Stettino. A Varsavia i manifestanti hanno sfilato dalla sede della corte a casa Jaroslaw Kaczynski, che guida il partito di governo Legge e Giustizia. Alcuni portavano candele e cartelli con la parola “tortura”. Le norme anti Covid-19 attuali limitano gli assembramenti in pubblico a Varsavia a dieci persone. La polizia ha detto che gli agenti hanno usato lo spray lacrimogeno e la forza fisica quando i manifestanti hanno cominciato la lanciare pietre e hanno cercato di sfondare il cordone di polizia attorno alla casa. Un portavoce ha parlato di 15 fermi.

OutStream Desktop
Top right Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile