Wagner in Bielorussia e la Polonia teme una guerra ibrida ai confini orientali
Top

Wagner in Bielorussia e la Polonia teme una guerra ibrida ai confini orientali

Secondo Varsavia il dispiegamento di mercenari russi potrebbe essere potenzialmente pericoloso per l'Ucraina, oltre a minacciare la Polonia e la Lituania:

Wagner in Bielorussia e la Polonia teme una guerra ibrida ai confini orientali
Soldati polacchi
Preroll

globalist Modifica articolo

29 Giugno 2023 - 11.45


ATF

Le autorità polacche hanno deciso di rafforzare la capacità di difesa del confine orientale del Paese. A Varsavia fa paura il posizionamento della Wagner in Bielorussia. A dare la notizia, il vice primo ministro polacco, Jaroslaw Kaczynski.

“Secondo i dati che abbiamo al momento in possesso – ha detto –  possiamo supporre che saranno circa ottomila combattenti”.

Secondo Kaczynski, il dispiegamento di mercenari russi potrebbe essere potenzialmente pericoloso per l’Ucraina, oltre a minacciare la Polonia e la Lituania: “Questo potrebbe significare una nuova fase di guerra ibrida, molto più complessa di quella che abbiamo affrontato finora”.

Il vice primo ministro ha osservato che le decisioni per rafforzare la difesa sul confine orientale della Polonia riguarderanno sia l’aumento del numero di personale del personale militare di stanza lì, sia il numero di fortificazioni. Come si sa, dopo la “marcia” del 23-24 giugno, il fondatore del PMC Wagner, Yevgeny Prigozhin, è in Bielorussia. Mistero sul suo stato e sulla sorte che lo attende. Ha concordato il passaggio a Minsk con Alexander Lukashenko dopo i colloqui che hanno portato alla fine della ribellione. Alcune delle unità PMC saranno in grado di trasferirsi in Bielorussia dopo Prigozhin, ha annunciato il presidente russo Vladimir Putin. Sullo sfondo di questi rapporti, il presidente polacco Andrzej Duda ha dichiarato di considerare il “trasferimento de facto” del PMC Wagner in Bielorussia un segnale negativo per il suo Paese. 

Leggi anche:  Varsavia istituisce una commissione governativa sulle interferenze russe e bielorusse

Nel 2021-2022, sullo sfondo della crisi migratoria, la Polonia ha costruito un muro al confine con la Bielorussia. Dopo l’invasione russa dell’Ucraina, le autorità polacche hanno anche rafforzato il confine con la Russia, hanno installato una barriera di tre file di filo spinato e barriere anticarro. Adesso è in via di realizzazione anche una recinzione elettronica.

Native

Articoli correlati