In Israele Netanyahu "imbraccia" il coronavirus per affossare la democrazia

Il primo ministro “assediato” cerca di utilizzare la pandemia per criminalizzare la protesta di piazza e sospendere il diritto di manifestare.

La rivolta contro Netanyahu

La rivolta contro Netanyahu

Umberto De Giovannangeli 25 settembre 2020

Israele, attacco alla democrazia. Ovvero, come un primo ministro “assediato” cerca di utilizzare il coronavirus per criminalizzare la protesta di piazza e sospendere il diritto di manifestare. A darne conto è una delle firme di punta del giornalismo israeliano: Chemi Shalev. Che su Haaretz scrive un articolo che nella sua forza critica assomiglia al “J’accuse” di Emile Zola ai tempi dell’affaire Dreyfus.


“I manifestanti fuori dalla residenza del Primo Ministro a Gerusalemme potrebbero presto diventare noti come i ‘Balfour Criminali", o i ‘Criminali di novembre’. Si camuffano da innocenti manifestanti che rivendicano il loro diritto democratico di protestare, ma in realtà, in realtà, sono ei propagatori  di malattie, degli avvelenatori,  di pugnalatori alle spalle. Non è Benjamin Netanyahu il responsabile della vergognosa sconfitta di Israele da parte del CoviD-19, né i suoi ministri, dirigenti o esperti. Se non fosse stato per i briganti di Balfour e per coloro che stanno dietro di loro - la sinistra, i media, il procuratore generale, le Ong ostili e gli interventi stranieri - Israele avrebbe sconfitto il coronavirus molto tempo fa. Questo – annota Shalev -  è il risultato di fondo dell'inganno distorto che Netanyahu sta gradualmente instillando nella sua base politica. Vuole rimuovere i chiassosi e scomodi manifestanti dal suo quartiere di Gerusalemme, ma cerca soprattutto di distruggere il movimento di protesta prima che esso distrugga lui. Lui e i suoi ministri stanno vendendo una falsa e pericolosa illusione che collega le proteste alla catastrofe medica, economica e sociale che le loro sconsiderate decisioni hanno provocato. Vogliono evitare la responsabilità ed assolvere se stessi dal senso di colpa. Stanno dando al pubblico israeliano un ragazzo frustato alternativo su cui sfogare la loro frustrazione, sfogare la loro rabbia e arrivare all'odio con una vendetta. Netanyahu e i suoi aiutanti stanno seguendo le orme dei comandanti dell'esercito tedesco che hanno usato una strategia simile per sviare la responsabilità della loro umiliante sconfitta nella prima guerra mondiale. Secondo il loro racconto, propagandato per lo più dal generale Erich Ludendorff, il più famoso stratega militare capo della guerra, la Germania non ha perso perché i suoi leader hanno calcolato male la loro dichiarazione di guerra, hanno preparato una breve campagna di quattro anni, hanno subito enormi perdite, non sono riusciti a rifornire le legioni al fronte, hanno fatto precipitare il crollo dell'economia tedesca, si sono affidati ad alleati deboli, hanno iniziato una guerra di sottomarini U-boot contro la marina britannica che ha costretto gli Stati Uniti . ad entrare in guerra, rinnegando i suoi impegni nei confronti dell'opinione pubblica o ignorando la sua furiosa reazione. Niente affatto. I principali responsabili della distruzione della Germania in tempo di guerra, hanno affermato, sono stati i ‘Criminali di novembre’ - socialisti, comunisti, sindacati in sciopero, giornalisti disfattisti, elementi stranieri, ma prima di tutto gli ebrei.


Come i generali tedeschi


Essi sviarono il fuoco da se stessi e fornirono al pubblico tedesco una scusa, ridicola e infondata, per la loro capitolazione ai diktat alleati nell'accordo di armistizio dell'11 novembre 1918 e nel successivo Trattato di Versailles. Presentarono una spiegazione alternativa a un pubblico perplesso che non riusciva ad accettare la resa con il fatto che l'esercito tedesco era rimasto intatto e che nessun soldato nemico era entrato nel suo territorio. Hanno attribuito tutta la colpa a un sinistro sabotaggio dall'interno e hanno così piantato i semi velenosi che alla fine hanno portato alla caduta della Repubblica di Weimar e all'ascesa della Germania nazista. Il mito della ‘pugnalata alle spalle’ - Dolchstoßlegende nell'originale - ha scatenato l'ira pubblica su un nemico illusorio piuttosto che sui suoi stessi leader. Spiegava come le dichiarazioni di vittoria si evolvessero in una resa abietta e perché l'alta e potente Germania fosse sottomessa e umiliata sulla scena mondiale. Scavò una tomba in cui i tedeschi potevano seppellire la loro vergogna. Ha polarizzato il pubblico e ha messo l'una contro l'altra la Germania. E sembrava confermare anni di incitamento e propaganda conservatrice e nazionalista contro la sinistra malevola, i cosmopoliti collaborazionisti e gli ebrei distaccati la cui unica lealtà, come ha detto l'altro giorno il presidente Trump, era verso se stessi. L'isteria che Netanyahu sta producendo con successo sulle presunte pericolose manifestazioni fuori casa sua segue uno schema simile. Quando è uscito trionfante dal primo round della pandemia di coronavirus, si è preso tutto il merito; quando ha fallito miseramente nel suo impegno di ritorno, ha puntato il dito accusatore contro tutti gli altri. Netanyahu non è da biasimare per la rinascita dell'epidemia, la depressione economica o l'imminente secondo blocco che potrebbe peggiorare notevolmente le cose. Non è stata la sua ripetuta resa alle incessanti richieste di esenzioni dei suoi partner della coalizione, la sua fretta di riaprire tutto in una volta, il suo rifiuto politicamente motivato di lasciare che l'esercito e l'establishment della difesa prendessero il comando, il suo totale fallimento nel predisporre un'adeguata tracciatura epidemiologica e nell'arruolare rinforzi per le squadre mediche assediate, la sua ossessiva preoccupazione per il suo imminente processo penale, le sue ripetute violazioni delle precauzioni di sicurezza del suo stesso governo o la sua tirannica presa sul suo partito, che ha trasformato le sue alte personalità, insieme ad alti funzionari pubblici, in sicofantici uomini (e donne) che non osano dire a lui o al pubblico la verità.


I manifestanti di Balfour Street - la cui presunta responsabilità nella diffusione della malattia non è ancora stata corroborata da un solo brandello di prova - sono da biasimare. Sono loro i veri criminali. E così la calunnia sanguinaria prospera e si diffonde, diffusa dagli obbedienti discepoli di Netanyahu in politica e dalla stampa, abbracciata con entusiasmo dal suo elettorato arrabbiato e in procinto di sostituire la realtà stessa. Se siamo fortunati, il famoso detto di Karl Marx che la storia appare due volte, prima come tragedia e poi come farsa, sarà confermato. Se siamo sfortunati, è l'affermazione di Winston Churchill che ‘chi non impara dalla storia è destinato a ripeterla’ che si rivelerà più precisa e molto più minacciosa”.


Scontro frontale


Il leader del partito di opposizione di destra Yamina, Ayelet Shaked, ha detto che sosterrà un'iniziativa del Likud per limitare i raduni di protesta. Shaked ha affermato di essere favorevole a limitare le proteste sia durante un blocco totale, come quello che entrerà in vigore oggi, sia durante un blocco parziale.


Ma nel governo israeliano non tutti sono d’accordo con l’attacco di Netanyahu. Fonti di Kahol Lavan (Blu e Bianco) hanno detto che non sosterranno i tentativi di Netanyahu di frenare le proteste e che il partito si opporrà alla dichiarazione dello stato di emergenza.


Il ministro della Difesa Benny Gantz ha detto ai membri del partito che non accetterà che le proteste siano limitate attraverso misure di emergenza. “La decisione sull'intensificazione dell'isolamento ha lo scopo di arginare la pandemia e non di bloccare il diritto di protestare o di pregare – ha affermato Gantz -. Continueremo nel quadro del processo democratico di legislazione ed eviteremo il ricorso a misure d'emergenza, che sono mirate esclusivamente alle proteste, alle preghiere o a qualsiasi altra questione”..


In un incontro con i membri di Kahol Lavan, il ministro dell'Economia e del Welfare , il laburista Amir Peretz  ha avvertito: "Non permetteremo alcun trucco parlamentare che possa ampliare le restrizioni sulle proteste". Qualsiasi tentativo di turbare l'equilibrio stabilito dal governo per proteggere le preghiere, che appartengono a tutti noi, e le proteste, che sono il soffio vitale della democrazia, non passerà”.


Durissimo è il leader dell'opposizione e presidente di Yesh Atid Yair Lapid , che ha aspramente criticato Netanyahu, accusandolo di aver condotto Israele in un secondo lockdown completo.


 


"La ragione di questo isolamento è la cattiva gestione politica, sciatta e isterica di questo governo e dell'uomo che lo dirige", ribadisce Lapid in esclusiva a Globalist, aggiungendo che "tutti i professionisti coinvolti si sono opposti all'imposizione dell'isolamento. Il Commissario alla lotta al coronavirus   Ronni Gamzu si è opposto, così come il vicedirettore generale del Ministero della Salute Itamar Grotto e il Ministero delle Finanze.  Sono stati tutti messi a tacere".


Ma la presa di posizione più significativa, e altamente drammatica per l’autorevolezza della persona, è proprio quella del professor  Gamzu, che, secondo un report di Channell 13, ha definito “miserabile” la decisione del primo mnistro Benjamin Netanyahu di imporre un lockdown totale.  "E' disgustoso, devo prendere delle pillole anti-nausea, è una cosa senza precedenti", ha detto Gamzu.


Secondo quanto rivelato dal canale televisivo, non smentito dal diretto interessato, Il Commissario alla lotta al coronavirus ha raccontato che "tutto è iniziato quando i legali consultati dal governo hanno detto che le proteste non possono essere evitate". Netanyahu ha poi detto: "Se tutti sono a casa e l'intera economia è chiusa, perché non possiamo impedire le manifestazioni?”.


Gamzu ha rivelato anche che la notte prima che il governo decidesse un blocco totale "abbiamo parlato di [chiusura] solo di una parte dell'economia. La mattina siamo rimasti scioccati dal cambiamento di posizione di [Netanyahu]".


La piazza non smobilita


Centinaia di persone si stanno muovendo da varie località di Israele per manifestare contro l'intenzione di Netanyahu di usare misure di emergenza per limitare le proteste. Alcuni dei convogli si dirigono verso la residenza privata di Netanyahu a Cesarea.


Il movimento “Black flag” ha inviato un messaggio ai sostenitori, che dice: Netanyahu è il peggior primo ministro nella storia del nostro Paese. Invece di gestire il coronavirus sta cercando di spazzare via i suoi detrattori, e anche in questo, come in tutto quello che fa, fallirà".


I leader dei diversi movimenti che da oltre 12 settimane consecutive manifestano contro “il detenuto primo ministro”, i hanno rilasciato ieri una dichiarazione congiunta tutt’altro che arrendevole: Contrariamente alla posizione dei professionisti e dei funzionari del Ministero della Salute, Netanyahu insiste nell'imporre un blocco totale a un intero Paese, che secondo gli esperti si tradurrà in 35 miliardi di shekel di danni". Distruggerà l'economia e porterà a una catastrofe totale, dalla quale non è chiaro se potremo mai riprenderci", recita la dichiarazione.


"È davvero deplorevole che i manifestanti siano gli unici disposti a lottare per i cittadini israeliani, mentre i legislatori rimangono in silenzio e fungono da timbro di gomma. Siete voi i responsabili di questa follia", prosegue la dichiarazione.


Quello in atto è anche uno scontro durissimo tra il primo ministro e i vertici del potere giudiziario. 


Il procuratore generale d’Israele Avichai Mendelblit si oppone a limitare le proteste attraverso misure di emergenza.


Mendelblit ha parlato con Netanyahu venerdì mattina, in una conversazione che comprendeva il capo del Consiglio di sicurezza nazionale, e ha spiegato le sue obiezioni.


Il vice procuratore generale Raz Nizri, che è responsabile delle questioni relative al coronavirus, ha chiarito che finché c'è una Knesset funzionante, le misure di emergenza non possono essere usate per aggirarla.


Ma il destinatario di questa sequela di accuse non fa una piega e, come è suo solito, si difende attaccando. Netanyahu ha definito assurde” le accuse che gli imputano la mossa con la volontà di bandire le manifestazioni di protesta contro di lui. Al contrario – ha aggiunto – quelle proteste “anarchiche e ridicole” lo aiutano politicamente perché la “gente ne è stanca” visto che sono “incubatori di contagi e di anarchia”. Netanyahu ha quindi rigettato le accuse arrivate dagli esperti, compreso il Commissario alla lotta al coronavirus Ronni Gamzu da lui nominato, contro il blocco definito eccessivo. “Rispetto gli esperti – ha sottolineato il premier negando anche la misura delle ricadute economiche del lockdown quantificata dagli specialisti – ma i cittadini di Israele non hanno eletto i burocrati”.


Poi ha detto che se i contagi scenderanno, tra due settimane le attuali regole saranno alleggerite ma sempre in un contesto di blocco del paese . Infine si è detto convinto che “un vaccino” per Israele è vicino. “C’è la luce alla fine del tunnel”, ha concluso Netanyahu.


Mentre Israele si prepara ad affrontare in questo scenario di scontro totale, un nuovo lockdown, arriva la notizia che nel Paese si è registrato un nuovo record di casi di coronavirus: 7527 nelle ultime ventiquattr’ore. Le misure restrittive entrano in vigore alle 14 di oggi, 25 settembre, e saranno in vigore fino all’11 ottobre, fine delle feste ebraiche. Israele ha un tasso di contagio del 12.8% e l’incremento di giovedì è stato registrato a fronte di 60mila tamponi eseguiti. In aumento i malati gravi arrivati a 669 (su 60.786 casi attivi) e di questi 167 in ventilazione. Le vittime sono, da inizio pandemia, 1378.