Lo "storico accordo" visto da Thomas Friedman: "Le cose giuste per motivi sbagliati"

Per quanto i tre Paesi non siano mai stati direttamente in conflitto, il ministro degli Esteri emiratino ha detto di voler "tendere una mano di pace e ricevere una mano di pace"

Accordo tra Israele, Emirati Arabi Uniti e Bahrein

Accordo tra Israele, Emirati Arabi Uniti e Bahrein

Umberto De Giovannangeli 16 settembre 2020
Lasciate stare le dichiarazioni roboanti del tipo "l'alba di un nuovo Medio Oriente", una giornata che "nessuno pensava fosse possibile" e che "cambia il corso della storia".
Donald Trump è in piena campagna presidenziale e la cerimonia della firma degli accordi di pace tra Israele, Emirati Arabi Uniti e Bahrein, sono una occasione mediatica imperdibile per The Donald. E lasciate perdere l’enfasi del premier israeliano Benjamin Netanyahu, che cerca gloria all’estero per non fare i conti con la disastrosa gestione interna della crisi pandemica, che citando l'ex primo ministro Yitzhak Rabin durante la firma degli accordi di Oslo nel 1993, ora si "può porre fine al conflitto arabo-israeliano una volta per tutte".
Per quanto i tre Paesi non siano mai stati direttamente in conflitto, il ministro degli Esteri emiratino ha detto di voler "tendere una mano di pace e ricevere una mano di pace", mentre il suo omologo del Bahrein ha più esplicitamente invocato un accordo di pace israelo-palestinese. Ma per capirne di più, Globalist offre a quanti vogliono andare più a fondo di una vicenda che comunque la si guardi, modifica lo scenario mediorientale, due vere perle giornalistiche.
La prima è con una icona vivente del giornalismo americano: Thomas L.Friedman, Per i pochi che non lo conoscono, sintetizziamo la sua carriera: è entrato a far parte del New York Ties nel 1981 e ha vinto tre premi Pulitzer. È autore di sette libri, tra cui "From Beirut to Jerusalem,” che ha vinto the National Book Award. “Da Beirut a Gerusalemme", è una sorta di “bibbia” per chiunque, compreso chi scrive, si sia cimentato con la complicata matassa mediorientale. Visto da T.L Friedman “Avendo coperto la diplomazia arabo-israeliana per più di 40 anni – scrive Friedman - devo dire che gli accordi di normalizzazione firmati martedì tra Israele e gli Emirati Arabi Uniti e Israele e il Bahrein sono nati in una maniera molto insolita - ma incredibilmente rivelatrice .Posso spiegarlo meglio con un'analogia da soap opera: È come se Jared Kushner fosse un avvocato che si è messo in testa di organizzare un divorzio tra una coppia, ‘Signora Israele’ e ‘Signor Palestina’. Nel corso della sua frequentazione, però, il signor Kushner scoprì che la signora Israel e il signor Palestine erano così incompatibili che non potevano nemmeno sedersi in una stanza insieme, figuriamoci accordarsi sul suo piano di separazione. Ma lungo la strada, il signor Kushner ha scoperto qualcosa di intrigante: La signora Israel aveva una relazione con il signor Emirates, che fuggiva da una relazione abusiva con la signora Iran. Così, il signor Kushner ha smesso di cercare di organizzare un divorzio tra il signor Palestina e la signora Israel e ha colto invece l'interesse reciproco della signora Israel e del signor Emirates a sposarsi - per non parlare dell'interesse personale del presidente Trump a servire come giudice di pace’ che avrebbe officiato sul prato della Casa Bianca nel bel mezzo di una campagna presidenziale. Il fatto che la normalizzazione delle relazioni Israele-Emirati e Israele-Bahrain sia stata effettivamente avviata a causa del fallimento, finora, della diplomazia israelo- palestinese dell'amministrazione Trump non ne sminuisce il significato, anche se aggiunge un pizzico di ironia alla nostra storia”.
Le cose giuste per motivi sbagliati “La lezione che ho imparato: in Medio Oriente si ottengono grandi cambiamenti quando i grandi attori fanno le cose giuste per i motivi sbagliati. E questa è la cosa giusta. L'Egitto e la Giordania hanno fatto pace con Israele per porre fine al loro stato di guerra, ma il commercio, il turismo e gli investimenti reciproci sono stati limitati. Israele e gli Emirati e Israele e il Bahrein stanno normalizzando le loro relazioni perché vogliono commercio, turismo e investimenti, e anche la condivisione di informazioni contro l'Iran. E l'Arabia Saudita ha chiaramente benedetto tutto questo permettendo alle compagnie aeree israeliane El Al di volare attraverso lo spazio aereo saudita avanti e indietro verso il Bahrain e gli Emirati Arabi Uniti. Non è una cosa che si vede tutti i giorni.
A mio parere, tutto ciò che rende il Medio Oriente più simile all'Unione Europea e meno simile alla guerra civile siriana è una buona cosa. Un amico di Dubai mi dice che alcune persone si stanno già salutando scherzosamente con ‘Shalom alaikum’ - una combinazione di frasi ebraiche e arabe per dire ‘ciao’.
Non fatevi illusioni: Prego ogni sera che Trump sia sconfitto a novembre, ma se lui e Kushner hanno contribuito a coltivare questo accordo uscendo dalla porta, buon per loro. Sono colpevoli di mille peccati - ma questo patto non è uno di questi. Non posso prevedere come andrà a finire, ma quando lo stato arabo più tecnologicamente avanzato e globalizzato, gli Emirati Arabi Uniti, deciderà di collaborare con lo stato non arabo più tecnologicamente avanzato e globalizzato della regione, Israele, sospetto che si libereranno nuove energie e si stringeranno nuove partnership che dovrebbero essere positive sia per le relazioni umano-israeliane che per quelle ebraico-musulmane. Se avrà successo, creerà un modello alternativo di emulazione al modello di resistenza permanente iraniano, che ha solo contribuito a generare stati falliti in Libano, Siria, Gaza, Iraq e Iran. Perché sta succedendo ora? Innanzitutto perché l'America sta riducendo drasticamente la sua presenza militare in Medio Oriente e, di conseguenza, si stanno stringendo nuove alleanze per colmare il vuoto. C'è l'asse sciita Iran-Hezbollah in Libano, Siria, parti dell'Iraq e dello Yemen. C'è un'alleanza turco-quatar. E, a fronte di entrambi, c'è questo nuovo asse tacito Israele-EAU.-Bahrain- Arabia Saudita, accanto a un asse iracheno, egiziano, giordano in erba, sunnita moderato. La seconda tendenza è che, dopo la primavera araba, il crollo dei prezzi del petrolio e l'impennata della popolazione giovanile araba, gli Stati arabi sunniti moderati capiscono che non possono più mantenere la loro legittimità superando le offerte reciproche sulla questione palestinese e offrendo posti di lavoro e sussidi governativi. La loro futura stabilità dipende dal fatto di fornire ai loro giovani gli strumenti educativi, le relazioni commerciali, la connettività globale - e il pluralismo religioso, di genere ed educativo - di cui hanno bisogno per prosperare.
Anche se si rifiutano di includere il pluralismo politico o il dissenso in questo mix, col tempo dovranno farlo. Per ora, però, il loro modello di modernizzazione è la Cina, non l'America. Ci sono state anche considerazioni tattiche critiche per gli Emirati, sostiene David Makovsky, esperto di relazioni arabo- israeliane presso il Washington Institute for Near East Policy. ‘Da un lato’, mi ha detto, ‘gli Emirati Arabi Uniti sentivano che la loro influenza sull'amministrazione Trump non sarebbe mai stata più alta di adesso - quando Trump si trova ad affrontare un periodo in salita.
Ma forse la più importante conseguenza non voluta dell'impegno di Kushner per la pace è stata il fatto che ha messo a nudo il fatto che il governo israeliano di oggi è completamente incapace di accettare qualsiasi tipo di soluzione a due Stati con i palestinesi’. In che modo? Il piano di Kushner ha abbandonato la tradizionale neutralità degli Stati Uniti e ha proposto una mappa dei due Stati che è stata progettata per soddisfare ogni esigenza di sicurezza - e politica - del primo ministro di destra di Israele, Bibi Netanyahu, e della sua base di coloni ebrei della Cisgiordania. Kushner propose che Israele potesse annettere circa il 30 per cento della Cisgiordania, dove si trova la maggior parte degli insediamenti ebraici, ma che i palestinesi potessero creare uno stato sull'altro 70 per cento - sebbene una collezione di pezzi vagamente collegati - con una capitale ai margini di Gerusalemme. Ma i coloni della linea dura della coalizione di Bibi hanno insistito per mantenere la sovranità su tutta la Cisgiordania, che credono sia stata data da Dio agli ebrei. Non avrebbero firmato nemmeno il 70 per cento per uno Stato palestinese circondato da un esercito israeliano”. Il lascito di Bibi “Così, Bibi ha cercato di annettere il suo 30 per cento - senza accettare il 70 per cento per uno Stato palestinese. Ma Trump e Kushner, a loro onore, lo hanno bloccato.
Gli Emirati Arabi Uniti sono intervenuti dicendo che se Bibi avesse abbandonato il suo piano di annessione, gli Emirati avrebbero normalizzato i rapporti. Bibi ci saltò sopra. Questo gli permise di smussare alcune delle critiche della sua base di coloni estremisti per aver abbandonato l'annessione e della sinistra israeliana per aver bloccato il processo di pace con i palestinesi.
E gli Emirati Arabi Uniti hanno ottenuto il congelamento dell'annessione dei palestinesi per coprire la sua normalizzazione con Israele. È così che i due accordi sono stati collegati. Ma cosa abbiamo imparato? La linea preferita di Bibi con i presidenti degli Stati Uniti nel corso degli anni è stata quella di "mettermi alla prova", che implicava che avrebbe mostrato coraggio politico per il giusto piano a due stati. Beh, Trump lo ha messo alla prova - ed è stato bocciato. Bibi non ha mai preparato la sua base per accettare anche la forma più benigna e sterilizzata di uno Stato palestinese. Dove va a finire la questione israelo- palestinese? Sospetto che la fase internazionale del loro processo di pace sia finita. Quale presidente americano o inviato europeo si farà coinvolgere da Bibi se Bibi non riesce ad accettare il suo stesso piano? Quindi, la questione palestinese diventerà molto probabilmente sempre più una questione interna israeliana - una questione che Israele possiederà da solo. I 2,5 milioni e mezzo di palestinesi in Cisgiordania, di fronte alla prospettiva del controllo israeliano senza alternative in vista, alla fine chiederanno pari diritti e cittadinanza israeliana.
E questo rappresenterà una minaccia diretta al carattere ebraico e democratico di Israele, in un modo che nessun esercito arabo ha mai avuto. Ecco perché, dal lato israelo-palestinese del libro mastro, il piano di pace di Trump-Kushner potrebbe essere il piano di pace più consequenziale mai messo sul tavolo - non per quello che ha raggiunto tra israeliani e palestinesi, ma per quello che ha rivelato”.
E questa rivelazione non è davvero poca cosa.
(1, segue)