Santa Sofia può diventare moschea: via libera per la svolta fondamentalista di Erdogan

Il più alto tribunale amministrativo, in linea con le richieste del presidente Recep Tayyip Erdogan, ha così annullato il decreto del 1934 che aveva trasformato lo storico monumento in un museo.

Santa Sofia

Santa Sofia

globalist 10 luglio 2020
Il Consiglio di Stato turco ha dato il via libera alla conversione di Santa Sofia, a Istanbul, in una moschea. Il più alto tribunale amministrativo, in linea con le richieste del presidente Recep Tayyip Erdogan, ha così annullato il decreto del 1934 che aveva trasformato lo storico monumento in un museo.
Nata come basilica dedicata alla sophia (la sapienza di Dio) nel VI secolo, la struttura divenne moschea con la presa di Costantinopoli da parte degli Ottomani nel 1453, per poi trasformarsi in museo nel 1935 per volontà del primo presidente turco e fondatore della Repubblica di Turchia, Mustafa Kemal Atatürk.
La decisione del Consiglio, già nell'aria da giorni, è in linea con la volontà di Erdogan di fare del monumento-simbolo un luogo di culto musulmano, nonostante le critiche arrivate dagli Stati Uniti e dai leader cristiani ortodossi. La decisione potrebbe ulteriormente inasprire le tensioni con la vicina Grecia, che aveva invitato la Turchia a far rimanere Santa Sofia un museo.
Il gruppo religioso che ha portato avanti la petizione per la conversione del luogo di culto aveva contestato la legalità della decisione del 1934 dei ministri dell'allora governo della moderna Repubblica turca e sosteneva che l'edificio era proprietà personale del Sultano Maometto II, che conquistò Istanbul nel 1453. La Corte ha stabilito che Santa Sophia era di proprietà di una fondazione che gestiva i beni del leader ottomano e che era stata aperta al pubblico come moschea. All'arrivo della notizia, dozzine di persone che attendevano la sentenza della corte al di fuori della Basilica di Santa Sofia hanno intonato in coro "Allah è grande!"