Erekat: l'Europa sanzioni Israele, l'annessione è la morte della legalità internazionale in Palestina

Parla il capo negoziatore dell’Autorità Palestinese e segretario generale dell’Olp. "L’annessione della valle del Giordano e del 30% della West Bank è una dichiarazione di guerra"

Saeb Erekat, capo negoziatore dell’Autorità Palestinese e segretario generale dell’Olp

Saeb Erekat, capo negoziatore dell’Autorità Palestinese e segretario generale dell’Olp

Umberto De Giovannangeli 14 giugno 2020

“Il conto alla rovescia è iniziato. Due settimane, e poi Israele compirà un passo irreversibile che produrrà effetti devastanti non solo in Palestina ma nell’intero Medio Oriente. L’annessione della valle del Giordano e del 30% della West Bank è una dichiarazione di guerra al popolo palestinese e un colpo mortale alla prospettiva di una pace fondata sulla soluzione a due Stati. Ognuno è chiamato ad assumersi le proprie responsabilità. E all’Europa dico: non sanzionare Israele significa essere complice di questo scellerato progetto”.
A sostenerlo, in questa intervista a Globalist, è una delle figure più autorevoli e conosciute della leadership palestinese: Saeb Erekat, capo negoziatore dell’Autorità Palestinese e segretario generale dell’Olp.

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha ribadito che il piano di annessione unilaterale di almeno il 25% della West Bank occupata scatterà il prossimo 1° luglio.

L’occupazione coloniale di Israele in Palestina non ha mai riguardato una presenza temporanea.: 53 anni dopo aver occupato la Cisgiordania, compresa Gerusalemme Est, e la Striscia di Gaza, Israele sta ora procedendo con l'annessione de-jure di diverse altre parti integranti della Palestina occupata, dopo l'annessione di Gerusalemme occupata. Tale mossa è una conferma dell'arroganza e del mancato rispetto da parte di Israele di una moltitudine di risoluzioni dell'Onu, tra cui la risoluzione 242 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, adottata nel novembre 1967, che dichiarava l'inammissibilità dell'acquisto di terre con l'uso della forza. La lunga storia di mezzo secolo di violazioni sistematiche dei diritti umani e nazionali palestinesi da parte di Israele è una testimonianza del suo impegno per l'espansione coloniale e non per il raggiungimento della pace. Il resto del mondo ha ora un'altra misura di prova esplicita.

Aaron David Miller, uno dei più esperti ex funzionari statunitensi coinvolti nel processo di pace, ha raccontato di aver detto a Jared Kushner  (il consigliere-genero di Donald Trump, uno degli ideatori del “Piano del secolo”, ndr) di non agire come "avvocato di Israele" se voleva avere successo. Evidentemente, Kushner è andato oltre - diventando l'avvocato delle politiche di annessione e colonizzazione di Israele.

Il no al Piano Trump significa la fine di quel lungo processo negoziale del quale lei è stato uno dei protagonisti assoluti?

No, semmai il contrario. E proprio perché crediamo nel negoziato che respingiamo un piano che di fatto distrugge il dialogo. Il piano Stati Uniti-Israele è una palese violazione dei principi fondamentali del diritto e dell'ordine internazionale e una conferma che la "Visione per la pace" di Donald Trump è realmente intesa a trasformare l'occupazione della Palestina da parte di Israele in un'annessione permanente, negando al popolo palestinese il suo inalienabile diritto all'autodeterminazione. Il piano di annessione del presidente Trump è una sfacciata e ottusa tabella di marcia per imporre una realtà di uno Stato con due sistemi, un vero e proprio regime di apartheid, violando i pilastri della libertà, della giustizia e dell'uguaglianza.

Un j’accuse durissimo...

Questo piano di annessione è una raccolta di posizioni israeliane, molte delle quali sono state presentate alla lettera dalle controparti israeliane in precedenti negoziati. In questo contesto, l'annuncio della leadership palestinese che la Palestina è assolta da tutti gli accordi firmati con Israele non è venuto fuori dal nulla. La Palestina è rimasta impegnata a rispettare i principi del processo di pace in Medio Oriente per tutto l'ultimo quarto di secolo. Ma Israele ha ancora colto ogni opportunità per sconfiggere il raggiungimento della pace, trasformando questo processo in un totale fallimento. Sostenere che l'annessione e la colonizzazione, manifestamente illegali secondo il diritto internazionale, dovrebbero essere normalizzate come risultato del loro piano, costituisce un pericoloso precedente per qualsiasi paese potente per imporre qualsiasi realtà che ritenga necessaria, anche in violazione del diritto internazionale. Chiunque aderisca al piano del presidente Trump, o quei pochi che suggeriscono che questo documento possa essere preso come base per qualsiasi impegno nei negoziati, sta chiaramente dicendo al popolo palestinese di accettare un crimine di guerra come base per qualsiasi trattativa.

Chiaramente, non si tratta di respingere una proposta di pace. Si tratta di dire no a un tentativo di legittimare il furto, a dir poco, come strumento nelle relazioni internazionali Il piano sostiene la perpetuazione dell'occupazione coloniale della Palestina da parte di Israele e la frammentazione della sua terra. Concede a Israele il pieno controllo su Gerusalemme e "legalizza" i suoi insediamenti, il trasferimento della sua popolazione nei territori palestinesi occupati, e nega i diritti dei rifugiati palestinesi.

  Inoltre, il team di Trump si aspetta che il popolo palestinese apprezzi questo come un dono senza precedenti. In più di un'occasione, il signor Kushner ha dichiarato di essere certo che i palestinesi sono stati effettivamente "sorpresi" da quanto "buono" sia il piano per loro. Che cosa dimostra questo? Una combinazione di ignoranza, complicità e mancanza di rispetto . Di conseguenza, la recente decisione della Palestina è un rifiuto di questo fallimento e l'affermazione che la nostra nazione non può e non vuole pagare i costi dell'occupazione di Israele, delle politiche illegali e delle violazioni dei suoi obblighi derivanti dagli accordi firmati. È tempo di un cambiamento di rotta, attraverso il quale la comunità internazionale riterrà Israele responsabile.

Come dovrebbe concretizzarsi questo cambiamento?

La comunità internazionale può fermare l'annessione, ma solo se applica le stesse misure concrete che ha continuamente rifiutato di adottare. La cessazione dell'annessione inizia con l'imposizione di sanzioni contro un Paese che non ha mai rispettato i suoi obblighi più elementari in base alle risoluzioni dell'Onu, agli accordi firmati e ai trattati internazionali. Le politiche di responsabilità contro l'occupazione israeliana sono essenziali. Ma paesi come la Germania, l'Ungheria, l'Australia, il Brasile, il Canada e gli Stati Uniti stanno facendo il contrario: impedendo alla Corte penale internazionale di indagare sui crimini commessi nella Palestina occupata. Questo sforzo viene facilmente preso come un'approvazione delle politiche illegali di Israele che gli hanno permesso di espandere i suoi insediamenti coloniali a più di 600.000 coloni oggi. Chi sostiene "più carote" per le relazioni con il nuovo governo israeliano non ha ancora riconosciuto ciò che le altre "carote" hanno creato negli ultimi 53 anni: un regime di apartheid. Il database pubblicato dalle Nazioni Unite che elenca le società che traggono profitto dall'occupazione israeliana dovrebbe essere preso sul serio. Queste aziende dovrebbero cambiare rotta o affrontare il boicottaggio. Ad esempio, molti degli accordi di libero scambio di Israele, che prevedono esenzioni fiscali per i prodotti degli insediamenti, dovrebbero essere sospesi. Lo stesso vale per la presenza di diverse organizzazioni sioniste cristiane e di altre "organizzazioni caritatevoli" che finanziano gli insediamenti israeliani in paesi come gli Stati Uniti, il Regno Unito, la Francia, il Canada o l'Australia, tra cui il Jewish National Fund (Jnf), Ateret Kohanim e l'Israel Land Fund. Queste organizzazioni dovrebbero essere ritenute responsabili dai governi dei paesi in cui hanno sede. Alle "organizzazioni di beneficenza" non dovrebbe essere permesso di finanziare l'impresa illegale di Israele dal loro territorio.

La nostra visione della pace si basa sulla fine dell'occupazione di Israele, verso la realizzazione di uno Stato di Palestina indipendente e sovrano ai confini del 1967, con Gerusalemme Est come capitale. Questa è la storica concessione di pace che abbiamo fatto nel 1988, accettando il controllo di Israele sul 78 per cento della Palestina storica. Chiediamo una Palestina libera che coesista in pace, sicurezza e prosperità con il resto della regione. Tutte le questioni relative allo status permanente dovrebbero essere risolte in modo equo, nel rispetto del diritto internazionale e delle pertinenti risoluzioni dell’Onu L'Iniziativa di pace araba sarà il punto d'ingresso per ulteriori relazioni diplomatiche e commerciali tra le varie parti. Non è sufficiente garantire che la comunità internazionale sia consapevole di ciò che Israele e l'amministrazione Trump stanno facendo. Salvare le prospettive di pace richiede impegno, porre fine all'impunità di Israele, prevenire la possibilità di annessione e creare  le  condizioni per colloqui significativi basati sui termini di riferimento concordati a livello internazionale per il processo di pace in Medio Oriente. Sotto egida Onu, una forza internazionale, come quella operante nel Sud del Libano, dovrebbe garantire la sicurezza dei confini e il rispetto delle intese raggiunte, per una fase transitoria da definire al tavolo negoziale.      

Qual è l’appello che sente di dover rivolgere oggi alla comunità internazionale?

Il Piano di annessione Israele-Usa non è solo il risultato di un gruppo di fanatici che ignorano il diritto internazionale e i diritti palestinesi, ma una conseguenza di decenni di impunità. Abbiamo contattato i governi di tutto il mondo chiedendo un'azione per fermare l'annessione di Israele. Abbiamo raggiunto i principali attori internazionali per chiedere una conferenza internazionale che faciliti un processo di pace costruttivo e significativo basato sull'attuazione del diritto internazionale e delle pertinenti risoluzioni delle Nazioni Unite. Dopo decenni di segnali di allarme, è giunto il momento di perseguire l'unica strada rimasta per procedere verso una pace giusta e duratura, che comprenda il riconoscimento dello Stato di Palestina e l'imposizione di sanzioni contro Israele e la sua occupazione. Oggi la Palestina offre al mondo una proposta seria per raggiungere una pace giusta e duratura. Chiediamo alla comunità internazionale di fare in modo che un ordine mondiale basato su regole, e la responsabilità di terzi, sia l'unica via da seguire per tutti. Quando il mondo attua i principi fondamentali del diritto e della giustizia, la Palestina non dovrebbe essere l'unica eccezione.