Salvini racconta la realtà a rovescio: "La Sea Watch sta sequestrando i migranti"

Il ministro e fonti del Viminale parlano di 'sofferenze inflitte ai naufraghi dalla Ong'. Il vero scandalo è risporlare dal carnefice. Quanto alle inutili sofferenze pensiamo alla Diciotti e no solo

Sea Watch

Sea Watch

globalist 13 giugno 2019

Una bufala clamorosa alla quale, probabilente, non crede nemmeno chi la dice'SeaWatch non vuole portarli in Libia? Allora spieghi perché ha chiesto a Tripoli un porto sicuro. E perché, dopo la risposta positiva, ha atteso per ore davanti alla costa africana. Aveva il via libera allo sbarco, l'atteggiamento della SeaWatch sembra un vero e proprio sequestro di persona per motivi politici. Polemizza col Viminale sulla pelle degli immigrati''.


Aveva prima detto il Viminale: "Inutili sofferenze per gli immigrati a bordo della SeaWatch: da ore - senza motivo - sono fermi in mezzo al Mediterraneo. La SeaWatch ha chiesto a Tripoli un Pos e ha ricevuto risposta positiva". Lo fanno sapere fonti del Viminale, secondo le quali la nave con a bordo migranti "ha appena modificato la rotta dirigendosi verso la Tunisia anziché verso Sud. Si trova a 69 miglia da Zarzis, a 48 da Tripoli, a 124 da Lampedusa e a 176 da Malta".
"C’è preoccupazione per le persone a bordo - spiegano le stesse fonti - tra cui alcuni bambini che potrebbero sbarcare al più presto come richiesto dalla stessa SeaWatch".


Durissimo il ministro dell'Interno Matteo Salvini stamane sulla ong: "La nave illegale, dopo aver imbarcato 52 immigrati in acque libiche, si trova ora a 38 miglia dalle coste libiche, a 125 miglia da Lampedusa, a 78 miglia dalla Tunisia e a 170 miglia da Malta. Le autorità libiche hanno assegnato ufficialmente Tripoli come porto più vicino per lo sbarco. Se la nave illegale Ong disubbidirà, mettendo a rischio la vita degli immigrati, ne risponderà pienamente".