Top

L'Ecuador ha legalizzato i matrimoni gay: storica svolta per il paese sudamericano

La Corte Costituzionale ha riconosciuto il diritto delle coppie gay di sposarsi legalmente. Le unioni civili erano già legali dal 2014

Ecuador
Ecuador

globalist

13 Giugno 2019 - 15.41


Preroll

Dopo una lunghissima battaglia legale portata avanti dalle associazioni Lgbt, anche l’Ecuador ha riconosciuto i matrimoni omosessuali: si tratta di una svolta storica per il piccolo stato sudamericano che va a unirsi a quelli dove il matrimonio tra persone dello stesso sesso è già una realtà, ossia Argentina, Brasile, Costa Rica, Colombia e Uruguay. Alcuni hanno autorizzato le unioni per sentenza, altri, una minoranza, per legge.
L’Ecuador comunque aveva compiuto diversi passi avanti verso il pieno riconoscimento dei diritti civili: già nel 1998, fu uno dei primi paesi al mondo a vietare a livello costituzionale la discriminazione basata sull’orientamento sessuale e le unioni civili erano già diventate legge nel 2014. Addirittura, l’articolo 68 della Costituzione, sebbene limitasse il matrimonio – cosa da oggi superata – all’unione tra uomo e donna, riconosceva alle coppie gay gli stessi diritti e doveri delle coppie eterosessuale, ad eccezione dell’adozione. 
Questo storico risultato si deve a Efraìn Soria e Javier Benalcàzar, una coppia che nel 2018 si è vista respingere la domanda di licenza matrimoniale e hanno portato la questione davanti alla Corte di Giustizia. 

OutStream Desktop
Top right Mobile

 

Middle placement Mobile
 
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile