I repubblicani 'assolvono' Putin dalle ingerenze e se la prendono con i servizi segreti americani

Il comitato di intelligence della Camera, a maggioranza repubblicana, non ha ravvisato prove contro la Russia. Per loro la copa è dei servizi dell'epoca di Obama

Trump

Trump

globalist 13 marzo 2018

Secondo il Comitato di Intelligence della Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti, dominato dalla maggioranza repubblicana, non ci sono prove di collusione tra la squadra elettorale di Donald Trump e la Russia durante la campagna presidenziale statunitense del 2016 .
I membri repubblicani della commissione hanno dichiarato di aver completato le indagini sulla presunta interferenza russa, pubblicando le loro conclusioni principali. A breve dovrebbe arrivare la risposta dei membri democratici del comitato che per mesi hanno denunciato la condotta partigiana di questa inchiesta parlamentare, per proteggere, secondo loro, il presidente repubblicano.
Nelle conclusioni dell'indagine c'è anche il rifiuto delle conclusioni dei servizi segreti americani che, nel gennaio del 2017, si dissero certi della preferenza che il presidente russo Vladimir Putin aveva riservato a Donald Trump rispetto alla sua antagonista nella corsa alla Casa Bianca, Hillary Clinton,
I repubblicani hanno preso comunque atto di una serie di attacchi informatici russi contro le istituzioni politiche statunitensi nel 2015 e nel 2016, compresi i social network. Ma hanno criticato la "mancata risposta" dell'amministrazione Obama prima delle elezioni. Poi un'ultima stoccata alle agenzie investigative americane quando il comitato, nella sua versione repubblicana, hanno sottolineato "i contatti problematici tra alti funzionari della comunità dell'intelligence (sotto la presidenza di Obama, ndr) e dei media".
Il rapporto, lungo oltre 150 pagine, contiene più di 40 "conclusioni iniziali" e oltre 25 raccomandazioni. Sarà presentato alla minoranza democratica oggi per per un commento. Il comitato dovrà quindi votare per sottoporre la relazione a una procedura di declassificazione in modo che possa essere resa pubblica.