Il caso di McKayla Maroney: penale da 100 mila dollari se accuserà lo stupratore in aula
Top

Il caso di McKayla Maroney: penale da 100 mila dollari se accuserà lo stupratore in aula

La campionessa di ginnastica in cambio del suo silenzio su Nassar aveva ottenuto oltre un milione di dollari dalla Federazione. Ma ora vuole dire tutto al giudice

McKayla Maroney
McKayla Maroney
Preroll

globalist Modifica articolo

18 Gennaio 2018 - 13.32


ATF

Larry Nassar, l’essere abominevole che, approfittando del suo ruolo di medico della nazionale americana di ginnastica, ha abusato di 150 tra ragazzi e ragazze, dovrà fronteggiare in aula le accuse di chi, anche a distanza di anni dalle violenze subite, ha trovato il coraggio di mostrare il proprio volto in una corte per rendere testimonianza sul calvario umiliante che ha affrontato. Decine di giovani che, spalleggiati dai genitori, guarderanno in faccia il loro aguzzino, che è già in carcere per scontare una prima condanna a 60 anni di reclusione per pedopornografia.
Ma, accanto a quelle decine di vittime, non potrà sedere McKayla Maroney, vittima per anni di Nassar, che ne aveva denunciato il comportamento in un tweet del 2017 , ma che aveva firmato in precedenza un accordo extragiudiziale con la Federazione americana di ginnastica artistica, che, in cambio di un milione e 250 mila dollari, le impone di non testimoniare contro il medico.
Questo tipo di accordi è molto frequente negli Stati Uniti e, di fatto, si sostanzia in un passaggio di denaro a favore di un soggetto che è a conoscenza di fatti e circostanze penalmente rilevanti sulle quali si impegna a mantenere il silenzio, in ossequio appunto ad un accordo ri riservatezza.
L’avvocato di McKayla Maroney, che ha 22 anni, ha definito l’accordo ”un modo per silenziare una vittima”, che peraltro era già stato violato quando, in otobre, la ginnasta aveva usato Twitter per denunciare quanto subito. ”Al momento della firma era in condizioni pessime”, ha raccontato il suo avvocato aggiungendo che la ginnasta ”aveva bisogno di aiuto, di cure psicologiche, non riusciva a lavorare, spesso non riusciva nemmeno a uscire dal letto… Era preoccupata per le sue finanze e voleva semplicemente dimenticare”.
Se McKayla Maroney volesse presentarsi in tribunale per testimoniare, denunciando il contenuto dell’accordo, dovrebbe pagare una multa di 100.000 dollari.
Una cifra che la modella Chrissy Teigen si è detta, via social, disposta a pagare: «Lo stesso principio alla base di questa cosa dovrebbe essere combattuto, un accordo per stare zitte di fronte a un mostro accusato da 140 persone, sarei onorata di pagare io stesso quella multa per te McKayla”.

Leggi anche:  Manifestazioni pro-Palestina in tutti gli Stati Uniti: bloccate strade e ponti
Native

Articoli correlati