Israele schiera l'esercito e chiude i quartieri arabi
Top

Israele schiera l'esercito e chiude i quartieri arabi

Per la capitale israeliana la giornata di ieri, ribattezzata "giornata della rabbia" dai palestinesi, è stata una delle più difficili.

Israele schiera l'esercito e chiude i quartieri arabi
Preroll

Desk2 Modifica articolo

14 Ottobre 2015 - 09.56


ATF

In città ci sono stati quattro attentati in simultanea, tre morti e una ventina di feriti. Tra le vittime anche il rabbino Yeshaye Krishevsky di 59 anni. Una giornata di sangue iniziata da due terroristi che hanno aperto il fuoco su un autobus, nel quartiere di Armon Hanatziv. Nell’attacco sono morti due uomini, mentre altre quattro persone sono state portate in ospedale. Una di queste è grave. In totale sono state ferite sedici persone. I due attentatori sono stati neutralizzati, uno è stato ucciso, l’altro ferito. Poco dopo un altro drammatico episodio a Malkei Israele Street, sempre a Gerusalemme, quando un uomo al volante ha puntato l’auto contro una fermata d’autobus. Quest’ultimo è poi sceso dall’auto e ha cominciato a ferire i presenti, che però sono riusciti a fermare l’attentatore. Negli scontri è morto il rabbino Yeshaye Krishevsky di 59 anni e altre cinque persone sono rimaste ferite. L’Intifida dei coltelli non si arresta, dunque, in quella che oggi è stata definita da alcuni gruppi palestinesi “la giornata della rabbia”. Anche ieri ci sono stati quattro attentati con sei israeliani accoltellati a Gerusalemme.

Leggi anche:  Israele, il doppio paradosso

Netanyahu: useremo “ogni mezzo possibile” contro la violenza Per affrontare l’ondata di violenze il primo ministro di Israele Netanyahu ha convocato una riunione urgente del gabinetto di sicurezza. Abbandonando momentaneamente la riunione, iNetanyahu ha annunciato alla Knesset, il Parlamento israeliano, che verrà utilizzato “ogni mezzo disponibile” per contrastare la violenza. “A chi alza la mano contro di noi”, ha aggiunto “quella mano sarà tagliata”. Il primo ministro ha anche diffidato il presidente dell’Anp, Abu Mazen, dall’incitare i palestinesi alla rivolta in qualunque modo, sottolineando che in caso contrario sarà ritenuto responsabile dell’aggravamento della situazione. Stando a quanto trapelato, Netanyahu sta pensando a misure di sicurezza addizionali: il governo potrebbe optare per la decisione senza precedenti di chiudere i quartieri palestinesi di Gerusalemme Est, così da impedire che i residenti abbiano accesso alle zone ebraiche, e decidere di allentare le regole sul porto d’armi per difesa personale.

L’Autorità palestinese: non è in corso una terza intifada Dal canto suo, il governo palestinese nega che sia in corso una terza intifada per liberare Gerusalemme. Secondo il ministro degli Esteri palestinese, Riad al Malki, intervenuto a Ginevra durante la cerimonia all’Onu in cui è stata issata la bandiera palestinese, è piuttosto “il premier Netanyahu che sta cercando di istigare una nuova intifada, spingendo i palestinesi allo scontro. Noi vogliamo evitarlo e non dare (a Israele) quella soddisfazione”. “L’unica soluzione per placare l’escalation di violenza – ha aggiunto – è chiedere l’intervento del Consiglio di sicurezza dell’Onu”. Al-Malki ha poi annunciato che a breve sarà convocata una sessione speciale del Consiglio dei Diritti Umani delle Nazioni Unite, per prendere posizione contro l’escalation di attacchi tra israeliani e palestinesi.

Leggi anche:  Il Brasile protesta con Israele e definisce 'inaccettabile' il bando a Lula

Gli Usa mediano Dopo le violenze di ieri in Medio Oriente, il Segretario di Stato americano John Kerry ha riproposto la mediazione diplomatica del governo statunitense: “Presto sarò nella regione e cercherò di vedere se esiste la possibilità di reimpegnare le parti in un negoziato che eviti il precipizio”, ha detto Kerry. “La violenza”, ha aggiunto il capo della diplomazia americana, “arriva perché è in crescita il sentimento di frustrazione tra gli israeliani, che non vedono passi avanti”. Infine Kerry ha assicurato l’impegno americano per la ricerca di una via d’uscita entro i prossimi “16 mesi” dell’amministrazione Obama.

Native

Articoli correlati