Crimea, sequestrata la sede del Consiglio dei Tatari
Top

Crimea, sequestrata la sede del Consiglio dei Tatari

Le autorità inviate da Mosca hanno fatto irruzione nella sede del Mejlis, luogo fulcro per la minoranza etnica, che si era opposta all'annessione alla Russia

la sede del Mejlis in Crimea
la sede del Mejlis in Crimea
Preroll

Desk3 Modifica articolo

19 Settembre 2014 - 11.46


ATF

Le forze russe hanno fatto irruzione e messo sotto sequestro la sede del Mejlis, il Consiglio dei Tatari di Crimea. I Tatari (o Tartari) sono un gruppo etnico che rappresenta circa il 12% della popolazione della penisola sul Mar Nero, oppostosi da subito all’annessione della Crimea alla Russia. Il sequestro è stato ordinato dal tribunale di Simferopoli per un non meglio precisato debito del fondo di beneficenza Qirim, a cui è intestato l’edificio. I leader dei Tatari sospettano invece motivazioni politiche.

Leggi anche:  Lavrov conferma una trattativa tra Russia e Usa per le liberazione di Gershkovich, accusato di spionaggio
Native

Articoli correlati