Superlega, il Bayern Monaco e l'Atletico Madrid (e tanti altri) dicono di no: "Proteggiamo i campionati nazionali"
Top

Superlega, il Bayern Monaco e l'Atletico Madrid (e tanti altri) dicono di no: "Proteggiamo i campionati nazionali"

"La porta della Super League per l'FC Bayern rimane chiusa", ha dichiarato l'amministratore delegato Jan-Christian Dreesen in un comunicato del club.

Superlega, il Bayern Monaco e l'Atletico Madrid (e tanti altri) dicono di no: "Proteggiamo i campionati nazionali"
lo stadio del Bayern Monaco
Preroll

globalist Modifica articolo

21 Dicembre 2023 - 14.23


ATF

Il Bayern Monaco  ha ribadito ancora una volta il suo no alla creazione di una Super Lega.

“La porta della Super League per l’FC Bayern rimane chiusa”, ha dichiarato l’amministratore delegato Jan-Christian Dreesen in un comunicato del club. La sentenza “non cambia la posizione dell’FC Bayern e dell’ECA, secondo cui tale competizione sarebbe un attacco all’importanza dei campionati nazionali e alle statistiche del calcio europeo”.

Dreesen è anche membro del Comitato esecutivo dell’influente European Club Association (ECA). La Bundesliga, ha proseguito il 56enne, “è il fondamento dell’FC Bayern, così come tutti i campionati nazionali sono il fondamento dei club calcistici europei. È quindi nostro dovere e nostra profonda convinzione rafforzarli e non indebolirli. Siamo anche impegnati nelle competizioni europee per club sotto l’egida della UEFA”.

Il Manchester United ha dichiarato di essere “pienamente impegnato” a partecipare alle competizioni UEFA

“La nostra posizione non è cambiata”, ha dichiarato lo United in un comunicato. “Rimaniamo pienamente impegnati nella partecipazione alle competizioni UEFA”. Dodici dei principali club europei, tra cui le cosiddette “big six” della Premier League, hanno annunciato nell’aprile 2021 di aver firmato per partecipare alla Super League.

Leggi anche:  Tra Kvara e il Napoli è scontro totale. Lui vuole andare via ma De Laurentiis risponde: "Decido io, fine della storia"

Ma i piani si sono drammaticamente sciolti quando i club si sono ritirati a seguito di un’ondata di indignazione da parte di tifosi, organi di governo, giocatori e politici.

Liverpool, Manchester United, Arsenal, Chelsea, Manchester City e Tottenham hanno rapidamente confermato che non avrebbero portato avanti le proposte, che avrebbero comportato l’esenzione dalla retrocessione per i membri fondatori.

Anche l’Atletico Madrid si schiera con la maggioranza contraria al nuovo torneo.

“La comunità calcistica europea non sostiene la Superlega. Germania, Francia, Inghilterra, Italia, Spagna (ad eccezione di Real Madrid e Barcellona) si oppongono alla Superlega. Sosteniamo la tutela della più ampia famiglia del calcio europeo, la preservazione dei campionati nazionali e la garanzia della qualificazione alle competizioni europee attraverso le prestazioni sul campo ogni stagione”. 

La sentenza della Corte di Giustizia Europea  “fa riferimento a statuti Uefa obsoleti che erano già stati modificati nel giugno 2022. Eca e Uefa hanno stabilito una partnership che rende priva di significato la considerazione della Uefa come monopolio. Attraverso gli accordi all’interno di questa partnership, i club decidono per il 50% sulla cessione di sponsorizzazioni e diritti televisivi, sulla distribuzione dei ricavi e sui format delle competizioni”.  

Native

Articoli correlati