Rubiales non si dimette: "E' una caccia alle streghe". Il governo lo attacca e il calcio protesta
Top

Rubiales non si dimette: "E' una caccia alle streghe". Il governo lo attacca e il calcio protesta

Rubiales sostiene che è tutta una "caccia alle streghe" contro di lui perché tutto ciò che è stato detto sulla sua gestione negli ultimi anni e su quanto accaduto nella finale dei Mondiali in Australia "non risponde né alla verità né alla giustizia".

Rubiales non si dimette: "E' una caccia alle streghe". Il governo lo attacca e il calcio protesta
Il presidente della federcalcio spagnola Luis Rubiales bacia Jenni Hermoso
Preroll

globalist Modifica articolo

25 Agosto 2023 - 15.48


ATF

Il presidente della Federcalcio spagnola, Luis Rubiales, ha giustificato venerdì il bacio dato alla giocatrice Jennifer Hermoso dopo la finale dei Mondiali femminili, assicurando che è stato “libero, reciproco e consenziente” e ha annunciato di rifiutare lasciare l’incarico. “Non ho intenzione di dimettermi”, ha sentenziato.

Lo ha detto in un discorso aperto davanti all’Assemblea della Federcalcio spagnola, dove si è detto disposto a difendersi da tutte le accuse che ha ricevuto negli ultimi tempi e dove ha anche annunciato che intende “fare causa” contro leader di United We Can e Add come Yolanda Díaz, Ione Belarra, Irene Montero, Pablo Echenique.

Rubiales sostiene che è tutta una “caccia alle streghe” contro di lui perché tutto ciò che è stato detto sulla sua gestione negli ultimi anni e su quanto accaduto nella finale dei Mondiali in Australia “non risponde né alla verità né alla giustizia”.

Ha anche dichiarato che il bacio che ha dato alla giocatrice Jennifer Hermoso durante la celebrazione della Coppa del Mondo domenica scorsa è stato “un bacio libero, reciproco e consenziente”.

Leggi anche:  La ministra spagnola: "A Gaza si sta commettendo un genocidio"

“È stata lei a sollevarmi, ad avvicinare il suo corpo a me, ci siamo abbracciati. Le ho detto: lascia perdere il rigore, sei stata fantastica, senza di te non avremmo vinto il Mondiale”. Lei mi ha detto: “sei uno che spacca” e le ho risposto “lo so, lo so, un pochetto”. Poi lei ha detto ‘va bene'”, ha spiegato Rubiales per giustificare il suo comportamento.

Il presidente della Federazione di calcio della Navarra, Rafael del Amo, si è dimesso dall’incarico che ricopriva di presidente del Comitato nazionale di calcio femminile spagnolo. «Mi sono appena dimesso dal Comitato femminile, che era di mia competenza. Ho salutato tutti», ha detto ai cronisti all’uscita dell’Assemblea generale straordinaria della Federcalcio spagnola a Las Rozas, Madrid. Del Amo è stato l’unico dei presidenti delle federazioni regionali a chiedere al presidente Luis Rubiales di dimettersi nella riunione che si è tenuta prima dell’Assemblea. «Ho dovuto dirgli in faccia che doveva dimettersi», «sono stato l’unico», ha aggiunto.

Leggi anche:  A Madrid Vox convoca l'internazionale nera e le strade si riempiono di bandiere rosse contro il fascismo

Sino a quando Luis Rubiales rimarrà presidente della Federcalcio Borja Iglesias, attaccante del Real Betis, non giocherà più in Nazionale. Lo ha fatto sapere lui stesso su X-Twitter: Sono triste e deluso. Come calciatore e come persona non mi sento rappresentato da quanto accaduto oggi alla Ciudad del Futbol de Las Rozas. Trovo spiacevole che continuino a insistere e a concentrarsi su una collega. Indossare la maglia della Nazionale spagnola è una delle cose più belle che mi sia capitata nella mia carriera, ma ho preso la decisione di non tornare in Nazionale finché le cose non cambieranno e questo tipo di atto resti impunito”. 

Il governo, poche ore dopo la scelta di Rubiales di non dimettersi, ha già avviato tutte le procedure per portare il capo della Federcalcio spagnola davanti alla giustizia amministrativa e farlo sospendere dall’incarico.

Victor Francos, il braccio destro del ministro dello Sport e Cultura, il socialista Miquel Iceta, nonché presidente del Consiglio Superiore dello Sport, annuncerà in una conferenza stampa le prossime mosse.

Leggi anche:  I popolari spagnoli aprono all'accordo con Giorgia Meloni, la replica socialista: "Vanno all'estrema destra"

La sua organizzazione invierà già oggi le denunce contro Rubiales al Tribunale Amministrativo dello Sport affinché inizino a essere esaminate. Un processo che dovrebbe portare alla sospensione del presidente della federazione. A quel punto, già lunedì, il Consiglio potrà sospendere Rubiales, che verrebbe automaticamente sollevato e le sue funzioni passerebbero a uno dei suoi vicepresidenti.

Native

Articoli correlati