Stupro, Dani Alves resta in carcere: il dna aggrava la sua posizione
Top

Stupro, Dani Alves resta in carcere: il dna aggrava la sua posizione

Le tracce di fluidi corporei prelevate dal corpo della vittima, dai suoi vestiti e dal pavimento del locale del presunto stupro hanno lo stesso profilo genetico di Dani Alves

Stupro, Dani Alves resta in carcere: il dna aggrava la sua posizione
Dani Alves
Preroll

globalist Modifica articolo

10 Febbraio 2023 - 19.25


ATF

Un brutta vicenda: Dani Alves, al momento in carcere nella struttura di Brians 1 a Barcellona in seguito alle accuse di violenza sessuale, ha chiesto la libertà provvisoria ma la sua posizione si aggrava. 

Come riporta El Periodico, le tracce di fluidi corporei prelevate dal corpo della vittima, dai suoi vestiti e dal pavimento del locale del presunto stupro hanno lo stesso profilo genetico del brasiliano. La prova del Dna dunque corroborerebbe le accuse della donna, anche per via della posizione di Dani Alves stesso che ha ritrattato più volte la sua versione dei fatti.

Per questo al momento sia la Procura del tribunale di Barcellona sia gli avvocati della presunta vittima chiedono con forza che all’ex Pumas non sia concessa la libertà provvisoria, per il pericolo di fuga visto che Dani Alves ha beni e immobili anche in Brasile dove non esiste un trattato di estradizione per questi reati.

Leggi anche:  Dani Alves condannato a 4 anni e 6 mesi per stupro: l'ex campione brasiliano si professa innocente
Native

Articoli correlati