Top

Il ministro spiega il no a Djokovic: "La sua opposizione al vaccino può incoraggiare e non rispettare le regole"

E' la tesi del ministro dell'Immigrazione Alex Hawke alla base della decisione della non concessione del visto a Novak Djokovic

<picture> Il ministro spiega il no a Djokovic: "La sua opposizione al vaccino può incoraggiare e non rispettare le regole" </picture>
Alex Hawke

globalist

15 Gennaio 2022


Preroll

Il ministro dell’Immigrazione australiana spiega le motivazioni per le quali il governo di Canberra ha deciso di revocare il visto al tennista Novak Djokovic. La questione non è ancora finita perché il suo legale ha fatto ricorso alla giustizia australiana, ma tale richiesta non avrà probabilmente un esito favorevole per Djokovic .

OutStream Desktop
Top right Mobile

Il pubblico australiano potrebbe “promuovere un simile disprezzo per i requisiti precauzionali dopo aver ricevuto un test Covid-19 positivo in Australia. In particolare, il suo comportamento può incoraggiare o influenzare altri a emulare la sua condotta precedente e non rispettare le misure di salute pubblica appropriate a seguito di un risultato positivo del test Covid-19, che di per sé potrebbe portare alla trasmissione della malattia e un grave rischio per la salute e un serio rischio per la loro salute e per gli altri”.

Middle placement Mobile

E’ la tesi del ministro dell’Immigrazione Alex Hawke alla base della decisione della non concessione del visto a Novak Djokovic. “Il signor Djokovic – prosegue il ministro – ha pubblicamente riconosciuto che è stato ‘un errore di giudizio’ partecipare a questa intervista e che avrebbe dovuto riprogrammare questo impegno dato che aveva ricevuto un risultato positivo del test in anticipo il 18 dicembre.

Dynamic 1
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage