Top

Locatelli spiega perché il vaccino per i bimbi è fondamentale. Anche loro rischiano terapia intensiva e long Covid

Il coordinatore del Comitato tecnico scientifico: "Nell'età pediatrica, secondo le stime dell'Ecdc, ogni 10mila casi sintomatici per Covid ci sono 65 ospedalizzazioni, 6 ricoveri nelle terapie intensive e, tristemente, un caso di decesso"

Locatelli spiega perché il vaccino per i bimbi è fondamentale. Anche loro rischiano terapia intensiva e long Covid
Franco Locatelli

globalist Modifica articolo

15 Dicembre 2021 - 12.27


Preroll

Da domani partirà la vaccinazione per la fascia d’età compresa tra i 5 e gli 11 anni e Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di sanità e coordinatore del Comitato tecnico scientifico per l’emergenza coronavirus, nel corso della conferenza stampa al ministero della Salute sull’avvio della vaccinazione negli under 12 ha espresso la sua opinione.

OutStream Desktop
Top right Mobile

I vaccini anti covid sono importanti per “proteggere i nostri bambini dal rischio di sviluppare la malattia grave che, seppure raramente, comunque impatta in età pediatrica”, anche con ricoveri e morti.

Middle placement Mobile

Nell’età pediatrica, “secondo le stime dell’Ecdc”, Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, “ogni 10mila casi sintomatici per Covid ci sono 65 ospedalizzazioni, 6 ricoveri nelle terapie intensive e, tristemente, un caso di decesso”, ha poi sottolineato Locatelli.

Dynamic 1

Il Long Covid, spiega inoltre Locatelli, colpisce anche i bambini: “Vi sono evidenze che una percentuale quantificabile secondo alcuni studi nell’ordine del 7% può sviluppare i sintomi prolungati da patologia da Covid 19”. Per Locatelli, quindi, “ci sono ragioni più che sufficienti “per salutare con grande gioia la possibilità che le famiglie italiane possano usufruire di questa opportunità” del vaccino.

E ancora: la s indrome multinfiammatoria sistemica, che può essere innescata da Sars-CoV-2 nei bambini “e che tutti abbiamo imparato a conoscere, ha un’età mediana di presentazione a 9 anni. Quasi il 50% dei casi, 45% per essere precisi, vengono a essere diagnosticati nella fascia di età che è da oggi oggetto della vaccinazione” anti-Covid, “5-11 anni. Il 70% di questi bambini può arrivare a richiedere un ricovero in terapia intensiva”. “Lo strumento offerto dal vaccino – ha aggiunto – serve quindi a proteggere anche rispetto a questa sindrome”.

Dynamic 2

“Offrire ai bambini la vaccinazione risponde pienamente alla sensibilità genitoriale di offrire il meglio per la tutela della salute dei propri figli e rappresenta un atto di amore nei loro confronti”, ha spiegato ancora Locatelli, sottolineando anche l’importanza del ruolo dei pediatri di famiglia per questa “importante opportunità” rappresentata dalla vaccinazione per i più piccoli. “I pediatri – ha spiegato – sono chiamati a sensibilizzare le famiglie rispetto ai benefici derivanti dalla vaccinazione anti -Covid, per contribuire alla somministrazione e per rispondere a tutti i dubbi”.

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile