Il microbiologo Rasi: "I tamponi sono attendibili solo per 8 ore, altro che 72"
Top

Il microbiologo Rasi: "I tamponi sono attendibili solo per 8 ore, altro che 72"

L'ex capo dell’agenzia europea del farmaco Ema: "Una persona negativa all’inizio della giornata può a metà giornata non esserlo più”

Guido Rasi
Guido Rasi
Preroll

globalist Modifica articolo

15 Ottobre 2021 - 11.10


ATF

E’ assolutamente meglio fidarsi degli esperti, piuttosto che alle voci che girano sui social: da oggi si parte con il Green pass nei posti di lavoro e la scelta sembra intraprendere una via giusta e preferibile ai soli tamponi.

“Giusto il certificato verde, giusto sanzionare chi non si adegua. Però sono fiducioso, si possono convincere ancora tante persone”.

Non dispera il microbiologo Guido Rasi, ex capo dell’agenzia europea del farmaco Ema e consulente del commissario per l’emergenza Francesco Figliuolo.

Si può ancora considerare l’ipotesi di estendere la validità del tampone da 48 a 72 ore per agevolare i lavoratori nell’accesso al certificato?

“Alla luce delle conoscenze molecolari e soprattutto delle evidenze pratiche di soggetti risultati negativi la mattina e positivi la sera non sarebbe logico. Non è la scienza che può decidere né la politica ma il virus. Il Sars-CoV-2 ha i suoi tempi. Se io mi contagio, ad un certo punto scatta la replicazione virale. Una singola particella ne può produrre fino a 100.000 in 5 ore. Questo significa che una persona negativa all’inizio della giornata può a metà giornata non esserlo più”, spiega Guido Rasi, secondo cui “il tampone può essere utile per gestire lo svolgimento di un grande evento tenendo conto che dopo questa breve fase di incubazione un individuo può iniziare ad essere infettivo”.

Leggi anche:  Inchiesta mascherine, la Procura chiede 1 anno e 4 mesi di carcere per Domenico Arcuri: le accuse dei Pm

Non ha senso, dunque, secondo l’ex capo dell’Ema, l’ipotesi di estendere la validità del tampone da 48 a 72 ore per agevolare i lavoratori nell’accesso al certificato.

“Si è visto – spiega – che i negativi nell’arco di 48 ore infettano molto poco. Almeno questi erano i dati raccolti prima che si affacciasse la variante Delta, che ha tempi di incubazione dimezzati, circa 2-4 giorni anziché 5-7, e velocità di replicazione molto più rapida. Come unico vantaggio questo ha consentito di ridurre la durata della quarantena”.

Di conseguenza, protrarre la durata di validità del tampone produrrebbe “senz’altro un numero maggiore di soggetti che potrà contaminare individui in situazioni nelle quali si sentono invece protetti. Faciliterebbe la circolazione virale. Difficile quantificare di quanto”.

 

 

Native

Articoli correlati